Home / Attualità / Gioia, mondo a colori
Gioia, mondo a colori

Gioia, mondo a colori

Uno stato di gioia ci porta a vedere il mondo a colori. Se invece siamo giù di corda, vediamo grigio intorno a noi: “Cielo grigio su, foglie gialle giù”, recita una canzone dei Dik Dik. Ma sono i colori del mondo a influenzare noi, oppure, viceversa, il nostro umore agisce sulla nostra maniera di vedere i colori? Si è pronunciata in argomento l’università di Rochester, in una ricerca si afferma che le nostre emozioni si ripercuotono sul mondo intorno a noi, variando la nostra percezione dei colori. I colori, poi, sono più nitidi, se il nostro umore è buono. Pubblica lo studio la rivista “Psychological science”

I colori mutano quando si è di malumore: come si è svolta la ricerca

127 partecipanti sono stati posti sotto analisi: è stata assegnata loro, casualmente, una serie di filmati. I filmati erano stati scelti ad hoc: alcuni muovevano alla tristezza, altri erano divertenti. Subito dopo il video, alle persone prescelte sono stati sottoposti quarantotto campioni di colore, consecutivamente l’uno all’altro. E’ stato chiesto loro se ogni campione era rosso, giallo, verde o blu. I colori identificati erano meno accurati, se alle persone era stata propinata una pellicola triste, rispetto a quanto riscontrato in coloro che si erano divertiti.

Ecco il dato nuovo accertato da questa ricerca sui colori

C’è di più: si percepivano meno i colori sull’asse blu-giallo, e non quelli sull’asse rosso-verde, che non hanno fatto riscontrare alcuna differenza. Christopher Thorstenson, autore principale della ricerca, ricorda che è nelle opinioni di senso comune un fatto: spesso le persone utilizzano “colori per descrivere i fenomeni comuni, come gli stati d’animo”. Ciò che ha ispirato i ricercatori è stato il possibile legame tra umore e modo di percepire i colori. La vera e propria scoperta, la sorpresa, è un fatto: sono stati interessati soltanto i colori “lungo l’asse blu-giallo”.

Da che cosa dipende la diversa percezione dei colori

E’ la dopamina, un neurotrasmettitore, si collega al fenomeno, posto che è noto che viene rilasciata dal cervello quando viviamo situazioni che recano piacere.

 

 

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi
Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.