Home / Elvia Grazi / Gelosia ossessiva e patologica o normale?
Gelosia patologica

Gelosia ossessiva e patologica o normale?

 

Sono innamorata di Mattia. Alto, bruno, occhi verdi, bellissimo. In pratica, un clone di Ashton Kutcher, l’ex toy boy di Demi Moore: uno sballo. Prima di incontrarmi era un donnaiolo impenitente. Si è sempre giustificato dicendo che cercava la donna giusta. Ma c’è modo e modo di fare una ricerca! Spero sia cambiato, come dice. Ci conto! Anche perché io sono gelosa, anzi gelosissima. Per me l’infedeltà è inconcepibile, il rapporto d’amore è a senso unico, si vive solamente a due. In passato sono stata scottata e non tollererei di essere nuovamente tradita. A volte litighiamo come pazzi e sempre a causa della mia gelosia. Luigi dice che non ho motivo di dubitare di lui, ma io mi infiammo per un nonnulla. Non sopporto neppure che indugi con lo sguardo a soppesare un’altra donna. Lui è il mio unico orizzonte e vorrei che la cosa fosse reciproca. Se mi tradisse non saprei mai perdonarlo. Abbiamo deciso di sposarci la primavera prossima ma i miei remano contro. Mia madre, in particolare dice che: “Il lupo perde il pelo ma non il vizio” e mi scongiura di pensarci meglio. “Siete troppo diversi non potrebbe funzionare”, insiste e il guaio è che riesce a istillarmi mille dubbi. Si può cambiare per amore oppure la propria natura prima o poi torna a galla?

Dorina (Senigallia) 

La risposta di Elvia Grazi

Cara Dorina, la gelosia è una canaglia. Sappiamo tutti com’è finita tra Demi More e il suo toy boy: dopo una sequela di tradimenti e bugie, la parola è passata ai loro avvocati per siglare un divorzio doloroso. Tu invece non corri questo rischio perché, per ora, non sei neppure sposata, allora perché mettere le mani avanti? Intanto tua madre, con i suoi dubbi e i proverbi, non aiuta e non fa che minare la tua autostima. Mattia ti ama, tu lo ricambi appassionatamente, lascia perdere il resto. È stato uno sciupafemmine e allora? Adesso dice di avere trovato la donna giusta. Il problema però sei tu. Così insicura, gelosa, fragile. Le catene che trattengono un amore possono e devono essere solo mentali. Le altre sarebbero troppo pesanti da portare, per entrambi. In amore nulla deve essere scontato perché sennò la passione si spegne. Questo è il pegno da pagare. Vivi il presente, dai retta a me. Sei innamorata, prova anche ad essere felice, il futuro è solo un’ipotesi, che la paura può distruggere. Non darle corda.

 

Rubrica a cura di Elvia Grazi giornalista e autrice del bestseller “Lasciami contare le stelle”

About Elvia Grazi

Elvia Grazi
Elvia Grazi, la nostra Ambasciatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.