Home / Eventi / Pentole fumanti in gara al Festival Internazionale della Zuppa
Pentole fumanti in gara al Festival Internazionale della Zuppa

Pentole fumanti in gara al Festival Internazionale della Zuppa

Densa e cremosa o liquida e brodosa, fumante o fredda, saporita o piccante: la zuppa è un piatto universale – ogni cultura gastronomica del mondo ha almeno una zuppa nel proprio menù tradizionale – e democratico, dal momento che bastano pochi ingredienti, anche i più poveri ed economici, per realizzare una zuppa da re. Un piatto, anche, dalle indiscutibili caratteristiche salutari: un tempo al Pronto Soccorso era prassi comune offrire agli ammalati un brodo caldo, e gli alimenti impiegati per comporre le zuppe come verdure, legumi e carne, sono sempre alla base di una corretta e sana alimentazione.

E dopo una lunga attesa torna a Bologna, con l’edizione 11 bis (dopo che l’originale 11esima era stata cancellata causa maltempo), il Gran Festival Internazionale della Zuppa, l’ormai tradizionale appuntamento che vede in lizza zuppe di ogni genere e composizione, preparate da un piccolo esercito di agguerriti concorrenti, anche loro delle estrazioni più disparate, dal cuoco professionista alla massaia al dilettante di talento, organizzato come sempre dalle associazioni Oltre…, Orti Salgari, Betty & Books col patrocinio del Quartiere San Donato – San Vitale, del Comune di Bologna e della Regione Emilia-Romagna.

Quando e dove gustare la zuppa

L’appuntamento è per domenica 23 aprile a partire dalle 15, al quartiere Pilastro nella zona di via Salgari, opportunamente chiusa al traffico, e dintorni, di fronte al cosiddetto “Virgolone”, nel parco tra le due zone ortive comunali e al Centro Sociale Pilastro, dove gli storici volontari “inzuppati” accoglieranno gli improvvisati chef da campo con le loro marmitte piene di zuppa.

Sessanta “zuppanti” in gara

Sessanta i concorrenti in lizza, ma ci sarà tempo fino all’ultimo secondo per iscriversi presentandosi con un pentolone pieno della propria creazione: dopo l’accettazione delle zuppe in gara attorno alle 16 inizierà la fase di degustazione vera e propria con gli “zuppanti” schierati lungo la strada per offrire assaggi gratuiti ai diversi appassionati che potranno esprimere il proprio giudizio nelle apposite cabine elettorali.

Un premio speciale per lo spirito di squadra

Alla giuria popolare si affiancherà inoltre una giuria di qualità e da quest’anno è previsto anche un premio speciale per il miglior spirito di squadra dedicato a Sergio Guastadini, grande animatore e più volte vincitore del Festival: il vincitore, oltre ad aggiudicarsi l’ambito Mestolo d’Oro, si guadagnerà il diritto di partecipare alla prima edizione del Festival Mondiale della Zuppa che si svolgerà il 14 maggio a Parigi.

Gli eventi collaterali

Durante il pomeriggio lo spazio “cinni” all’interno del parco e la strada ospiteranno numerose performance artistiche di danza, percussioni africane, circo, giocoleria, tessuti aerei, musica brasiliana, capoeira, musica e altro ancora. Saranno inoltre presenti un mercatino artigianale creativo e di opere dell’ingegno, nonché la MESTOLOtteria, concorso a premi che mette in palio una bicicletta della ciclofficina di Camere d’Aria.

Nel pomeriggio si esibiranno nel cortile del Centro Sociale il Laboratorio Sociale Afrobeat e la Banda del Buco, mentre la cerimonia di premiazione, animata da un gruppo di danza orientale, si svolgerà alle 19.30 sul palco dentro all’area ortiva dove i concerti proseguiranno fino alle 22 con Los Pollos Hermanos e La Banda Rei.

About Gabriele Orsi

Gabriele Orsi
Gabriele Orsi, Giornalista di enogastronomia e di turismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *