Home / Medicina dolce / Aggressività: come affrontarla con la riflessologia facciale vietnamita
Aggressività: come affrontarla con la riflessologia facciale vietnamita

Aggressività: come affrontarla con la riflessologia facciale vietnamita

L’aggressività, nella sua accezione più ampia, indica una forma di interazione sociale, condotta con il risultato di infliggere un danno a un altro individuo.

Può essere più o meno intenzionale. L’aggressività, infatti, è un fenomeno complesso, che rientra nelle dinamiche legate al manifestarsi della violenza.

Non una ma diverse manifestazioni

Esistono ben otto tipologie di aggressività che contraddistinguono questa fenomenica e si differenziano per meccanismi ed espressione.

Anche le strutture neurologiche implicate sono differenti ma in ogni caso esiste un elemento ad accumularle: la serotonina.

Tra i neurotrasmettitori la serotonina riveste un ruolo determinante nella gestione dell’aggressività ed è altrettanto importante per mantenere l’organismo in equilibrio e “calmare” tutti gli organi coinvolti negli episodi che scaturiscono la rabbia.

In questo senso la riflessologia facciale vietnamita offre un valido aiuto alla risoluzione del processo.

In occasione della Settimana mondiale della riflessologia, ecco quindi lo schema per il trattamento (in assenza di un operatore certificato potete procedere autonomamente senza controindicazioni) dell’aggressività.

Lo schema da seguire in caso di aggressività

https://www.ilfont.it/medicina-dolce/dien-chan-tutti-i-benefici-della-riflessologia-facciale-vietnamita-99064/Lo schema evidenzia come a essere trattati siano i punti del fegato, dei reni e del sistema nervoso, nonché i principali attori durante gli episodi aggressivi.

Occorre premere su ciascun punto di riflesso con il dito indice o una penna (senza punta) per almeno:

  • 30 secondi se si impegna una pressione abbastanza sostenuta
  • 3 secondi se si danno tre colpetti consecutivi in maniera decisa
  • 2 secondi se si fa una pressione molto forte

Suggerisco, almeno le prime volte, di adottare un approccio “soft” così da capire come reagisce il proprio corpo (la pelle in primis) e prendere maggiore confidenza con la manualità.
È inoltre preferibile eseguire la sequenza davanti a uno specchio così da individuare il più precisamente possibile le zone interessate.

Si procede quindi così: 124, 34, 26, 70, 300.
Nel caso dei punti simmetrici (che si leggono sia a destra sia a sinistra, si parte prima dalla parte sinistra del viso); diversamente (come nel caso del 26 e del 70) si va diretti su quel punto.

Per saperne di più

Se desiderate approfondire la tecnica del Dien Chan, vi invito a consultare il mio canale Instagram oppure a scrivermi  QUI

 

 

About Valentina Pitozzi

Valentina Pitozzi, giornalista e divulgatrice olistica Laureata in Scienze Antropologiche ed Etnologiche, collabora con agenzie di comunicazione, giornali e blog in qualità di giornalista e copywriter. Da sempre interessata ai temi del benessere e dell’equilibrio della persona ha intrapreso lo studio di diverse discipline olistiche tra cui il Thetahealing e il Dien Chan. Nulla di esoterico: queste tecniche si occupano di capire le disarmonie dell’organismo, lavorando sulla radice. Autrice di due libri in uscita, la sua frase è: “Le parole sono energia” e la sua mission è occuparsi di linguaggio consapevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »