Home / Turismo / Alla scoperta della “isla bonita”: Formentera nelle Baleari
Alla scoperta della “isla bonita”: Formentera nelle Baleari

Alla scoperta della “isla bonita”: Formentera nelle Baleari

Poco distante dalla nostra bella Italia c’è una piccola isola che fa impallidire i più remoti atolli caraibici. Si chiama Formentera ma è conosciuta da tutti come la “isla bonita”, 83 km² dove acque cristalline bagnano languide spiagge rosate.

Nonostante il terribile virus abbia compromesso i viaggi all’estero, con l’arrivo del vaccino, Formentera promette di essere una delle mete più gettonate per l’estate 2021. Il motivo è presto detto: dall’inizio della pandemia l’isola ha conosciuto un bassissimo numero di contagi e, gli ampi spazi aperti, hanno sicuramente giocato un ruolo fondamentale. L’isola è poco popolata e il governo delle Baleari è stato uno dei più severi nell’applicare le norme di prevenzione verso il terribile virus.

Le istituzioni che si occupano di regolamentare la vita sull’isola hanno incentivato la frequentazione delle aree più vaste del territorio: l’isola consta di numerose spiagge e altrettanti ampi percorsi nel verde. Mantenere le distanze è qui più che possibile.

Formentera non solo in hotel

Inoltre, la grande offerta di strutture turistiche, vede le case e gli appartamenti come la soluzione ideale per condividere la vacanza con la famiglia o stretti conoscenti. Gli alberghi, pur presenti, non hanno certo quel grado di intimità e riservatezza ora più che mai richiesto. Il portale AffittoFormentera indica Es Pujols come la località più richiesta dell’isola dai turisti italiani. Questo è dovuto all’ampia gamma dei servizi offerti: bar, ristoranti, supermercati, negozi di abbigliamento e soprattutto e la bellissima spiaggia sabbiosa che, con i suoi fondali digradanti, è adatta anche ai bambini più piccoli.

Ma cosa aspettarsi da questa terra che, grazie alle sue bellezze naturali, sembra aver tenuto distante anche il virus?

Innanzitutto, le sue spiagge ed il suo mare sono l’attrattiva che più la rendono famosa.
Il segreto delle acque così pulite è da attribuire alla Posidonia Oceanica, una pianta che cresce poco distante dalla costa, e che, oltre a preservarne l’erosione evita l’arrivo degli agenti inquinanti.

Relax e natura

Alla scoperta della “isla bonita”: Formentera nelle BaleariLe due sue spiagge più famose sono Platja de Ses Illetes e Platja Llevant: chiamate anche le sorelle per via della loro posizione (si trovano esattamente ai lati opposti di una lingua di sabbia che sembra essere sfuggita al mare) sono famose per il fenomeno della spiaggia rosa. I numerosi frammenti di corallo che si arenano sul bagnasciuga danno spesso vita a questo insolito e bizzarro fenomeno.

Ma oltre al mare Formentera è famosa per il suo passato di isola hippy. Negli anni ‘70, numerosi giovani in cerca di una vita semplice, trovarono in questa terra desolata il loro paradiso. Lontana da conflitti politici e soprattutto dal nascente consumismo che identificava il benessere tramite gli oggetti posseduti, l’isola era il luogo adatto dove ritrovare sé stessi e tornare ad apprezzare le piccole cose della vita.

Scoprire i mercatini dell’ isla bonita

La comune più grande si instaurò nel paesino di La Mola e, tangibile testimonianza di quel tempo andato, sono ora i numerosi Alla scoperta della “isla bonita”: Formentera nelle Balearimercatini artigianali tanto diffusi sull’isola. Gli artisti presenti non sono dei veri e propri hippy ma, lo spirito che aleggia in queste piccole fiere, è proprio quello. Luci, colori e manufatti artigianali spesso ricavati da materiale di recupero, ben incarnano la filosofia di quel periodo.
Sono presenti in tutti i centri abitati ma quello più famoso e pittoresco è quello che si svolge a La Mola. Ogni mercoledì e domenica, dalle ore 17 fino alle 23.30 circa, una piccola piazza con al centro un mosaico raffigurante una colomba, ospita numerose bancarelle. Vi potrete trovare di tutto ma, ciò che rende questo mercato speciale, sono i miniconcerti che vi si svolgono. Cantanti locali si esibiscono gratuitamente, intrattenendo grandi e piccoli in un’atmosfera decisamente suggestiva.

I fari di Formentera

Infine, non potrete andarvene da Formentera senza aver fatto visita ai suoi due emblematici fari. L’isola ne ospita in totale 3 ma, quello situato al porto di La Savina, non vi rapirà il cuore come gli altri due.
Uno si trova proprio nella località di La Mola, motivo per cui, spesso chi visita il mercatino abbina la visita al faro nel medesimo giorno. Si erge sulle scogliere più alte dell’isola e, affacciarsi prudentemente da queste, vi regalerà uno spettacolo emozionante. Il terreno intorno è brullo, quasi privo di vegetazione, tanto da sembrare come una faccia della luna. Grazie alla sua posizione, ad est dell’isola, è il posto migliore dove ammirare una magnifica alba.
L’altro faro è situato nella località di Cap de Barbaria. Guarda fiero la grande madre Africa e, si pensa che, il nome Barbaria, derivi dall’antica denominazione del popolo africano chiamato in passato “Berbero”. Per arrivarci dovrete percorrere un tragitto di poco meno di 2 km; immersi nella natura entrerete in contatto con il “genius loci” dell’isola. Situato ad ovest, è questo il luogo ideale per attendere il tramonto.

Infine, Formentera ha qualcosa che non è possibile raccontare… è un’energia intrinseca che strega chiunque le faccia visita. Si dice infatti che, chi la vede per la prima volta, poi non ne possa più fare a meno.

 

About Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »