Home / Turismo / Art & Show- La Bohème parigina alla Schirn Kunsthalle di Francoforte

Art & Show- La Bohème parigina alla Schirn Kunsthalle di Francoforte

 

Grandi dipinti, ma anche foto, stampe e manifesti realizzati dai bohèmien parigini tra la fine dell800 e l’inizio del 900. Ecco i gioielli de “Esprit Montmartre – La Bohème parigina intorno al 1900” in mostra fino al 1° giugno presso la Schirn Kunsthalle di Francoforte. Il prestigioso museo ospita per la prima volta una collettiva dedicata a Montmartre, con la storia e i protagonisti del tempo. Oltre 200 dipinti e opere su carta così come foto, manifesti e stampe dell’epoca trasportano il visitatore nel mondo parigino tra fine Ottocento e inizi Novecento. In contrapposizione alla Parigi mondana della Belle Époque, il quartiere allora periferico di Montmartre divenne il rifugio di molti artisti, alcuni dei quali decisero intenzionalmente di abbandonare gli agi della vita borghese per uno stile di vita bohèmien in nome della propria libertà artistica. Questa nuova  immagine di sé si rifletté in maniera evidente nella loro arte.     

 Schirn_Presse_Montmartre_Anquetin_Femme_a_la_Voilette_1891

Suddivisa in sessioni tematiche, la mostra non è una mera esposizione d’arte dei nomi più famosi dell’epoca ma si propone anche di indagare le condizioni sociologiche del periodo e la nuova definizione del ruolo dell’artista. La sessione “Montmartre come villaggio” presenta suggestive vedute d’epoca sulla topografia del quartiere. Alla rappresentazione di “Café, bevitori di assenzio e varieté” e “Modelle, ballerine e prostitute” si affiancano le sessioni  “Il mondo fantastico del circo” e “Montmartre come luogo di emarginati e cambiamenti sociali”, che presenta la popolazione del quartiere, composta da operai, mendicanti, senzatetto, lavandaie e bohèmien. Mentre “La rete di artisti e commercianti d’arte” getta luce sullo scambio tra i pittori e il sempre più fiorente mercato dell’arte nel quartiere, l’ultima sezione è dedicata al “Poster come nuova forma artistica” e a illustrazioni del tempo. 

 La presentazione copre un arco temporale che dal 1885 circa arriva fino alla Prima Guerra Mondiale, quando molti artisti decisero di spostarsi nel quartiere di Montparnasse. La mostra raccoglie eccezionali dipinti e opere su carta, foto storiche, manifesti e stampe dell’epoca provenienti da musei tedeschi e internazionali e collezioni private come il Musée d’Orsay di Parigi, la Tate Gallery di Londra, il Van Gogh Museum di Amsterdam, la Kunsthaus Zürich, il Museu Picasso di Barcelona e il Museum of Modern Art di New York. Le opere di 26 artisti come Pierre Bonnard, Ramon Casas, Edgar Degas, Kees van Dongen, Vincent van Gogh, Max Jacob, Marie Laurencin, Pablo Picasso, Henri de Toulouse-Lautrec, Suzanne Valadon e di altri meno conosciuti, ma non per questo meno affascinanti, fanno rivivere l’atmosfera di Montmartre intorno al 1900.Schirn_Presse_The_Blute_fin_Mill_1886

 

Per entrare nel mondo bohèmien di Montmartre, l’Ufficio del Turismo di Francoforte propone un pacchetto soggiorno di 2 pernottamenti con colazione a buffet in hotel a scelta, biglietto d’ingresso per la mostra “Esprit Montmartre” alla Schrin Kunsthalle, Frankfurt Card valida per 2 giorni e materiale informativo sulla città sul Meno a partire da 92 Euro per persona in camera doppia. L’offerta è valida per l’intera durata della mostra, salvo che in concomitanza con fiere.

Visitare Esprit Montmartre sarà sicuramente anche l’occasione per scoprire la sorprendente offerta gastronomica della città sul Meno, dai locali della tradizione ai ristornati stellati, passando dalla bevanda per eccellenza: l’Apfelwein, il vino di mele con una storia che risale all’epoca romana. La bevanda si trova ovunque, ma è nei locali tradizionali che lo si gusta al meglio, servito nella brocca di terracotta smaltata e bevuto in un bicchiere di vetro lavorato. L’ Apfelwein si accompagna a piatti sostanziosi come le costine di maiale con i crauti, patate con la salsa verde e formaggio marinato con cipolle. Anche in questo caso è possibile usufruire della Frankfurt Card, valida tutto l’anno, per l’uso gratuito dei mezzi pubblici e altri vantaggi.

 

About Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »