Home / Alimentazione / Erbe aromatiche in vaso: ecco come coltivarle in casa
Erbe aromatiche in vaso: ecco come coltivarle in casa

Erbe aromatiche in vaso: ecco come coltivarle in casa

Le erbe aromatiche sono essenziali per profumare l’ambiente e la nostra tavola, dato che ci consentono di realizzare piatti gustosi, impreziosendoli con quel tocco di aroma che può fare tutta la differenza del mondo. A maggior ragione, il fatto di poterle coltivare in casa rende le piante aromatiche ancor più attrattive: non serve poi fare particolare fatica, per merito di tecniche indoor come la coltivazione idroponica. Oggi vedremo dunque tutte le qualità delle piante aromatiche, e come sfruttarle grazie a questa tecnica di coltivazione così in voga in questo momento.

Erbe aromatiche: proprietà e utilizzi

Le piante aromatiche sono un toccasana per la nostra tavola, così come per il nostro organismo. Ma quali sono le piantine aromatiche più diffuse e con le maggiori proprietà benefiche? Innanzitutto il rosmarino, particolarmente adatto da coltivare in casa, in quanto dotato di un magnifico aroma ed in grado di crescere a qualsiasi temperatura. Per quanto concerne i benefici, piantine aromatiche come l’origano ed il prezzemolo traboccano di elementi come il potassio, le vitamine e gli anti-ossidanti, dunque si candidano come rimedi naturali perfetti per la cura del nostro corpo. Infine, come non citare la salvia e il timo? La prima è un’erba aromatica ideale per coccolare l’umore, nonché la regina indiscussa dei profumi in tavola. Il timo, invece, è un ottimo antisettico.

Coltivazione idroponica: di cosa si tratta?

La coltivazione idroponica è una tecnica che vede le piantine crescere in vaso, non sul terriccio ma su basi come la vermiculite e la lana di roccia, ottimi sostituti per via della loro capacità di favorire la trasmissione dei nutrienti alle radici delle piante: se siete interessati ad approfondire l’argomento, sul web potete reperire molte informazioni utili per la coltivazione idroponica, così da conoscere esattamente l’attrezzatura necessaria e l’importanza del pH per la crescita delle piante. Per concludere, è anche il caso di specificare che questa tipologia di coltivazione abbatte la presenza dei parassiti e anche il consumo di acqua, dato che l’idroponica ne spreca una quantità nettamente inferiore.

Erbe aromatiche: come conservarle o congelarle?

Le piantine aromatiche sono ideali per una coltivazione casalinga, perché possono essere conservate facilmente, utilizzando dei piccoli recipienti in vetro (ma solo se essiccate), oppure adottando la tecnica di conservazione sott’olio. Uno dei metodi migliori per conservarle, però, è il congelamento, in quanto vi consente di mantenerle fresche per un periodo molto lungo, senza essiccarle. Come procedere? La prima cosa che dovete fare è asciugarle utilizzando un panno in grado di assorbire fino all’ultima goccia di acqua, e poi tritarle a seconda dei vostri desideri. Fatto questo, vi basterà conservarle all’interno di sacchetti per alimenti nel freezer, oppure schiacciarle all’interno delle formine per il ghiaccio, così da avere delle mini-porzioni pronto uso.

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *