Home / Attualità / Demenza, toccare le tele in un museo può far bene
Demenza, toccare le tele in un museo può far bene

Demenza, toccare le tele in un museo può far bene

Al fine di migliorare la qualità della vita e il senso di benessere delle persone affette da demenza, sono efficaci interventi psicosociali legati all’arte: lo si è stabilito alla luce di numerosi studi. A livello psicologico può far bene partecipare ad attività che si svolgano in un museo e in particolare toccare le tele.

Affetti da demenza al museo, come si è svolta la ricerca

Di recente, ricercatori londinesi hanno posto sotto analisi l’impatto di due differenti sessioni museali sullo stato di benessere di persone con demenza e dei loro familiari, prendendo in considerazione 66 soggetti in totale. Allo studio è stato dato il titolo “Museum activities in dementia care: using visual analog scales to measure subjective wellbeing”, cioè “Attività museali nella cura della demenza: usare questionari per misurare il benessere soggettivo”.

Affetti da demenza al museo, due attività proposte

Ai soggetti è stato proposto di toccare con le proprie mani oggetti risalenti a svariate epoche storiche, oppure visitare le opere d’arte presenti nella galleria di un famoso museo inglese. Un piccolo rinfresco favoriva poi rilassatezza e socializzazione.

Affetti da demenza al museo, risultati di un questionario specifico

Un questionario specifico è stato sottoposto ai partecipanti prima e dopo lo svolgimento di ciascuna attività, rinfresco compreso: le sessioni museali hanno fatto riscontrare esiti positivi a livello psicologico. Si è visto che il benessere dei soggetti era in aumento dopo la partecipazione ad entrambe le attività artistiche. C’è di più: i risultati non erano altrettanto significativi dopo il rinfresco e il contestuale dialogo, né per quanto concerneva le persone affette da demenza, né per i familiari.

Toccare le opere e guardarle in un museo, perché funziona

I soggetti hanno avuto la possibilità di ammirare e di maneggiare capolavori storici: in questa maniera si sono potuti focalizzare sul qui ed ora e sulle proprie abilità residue, vivendo preziosi momenti di condivisione. Su questa falsariga dovrebbero essere sviluppati specifici programmi psicosociali, basati sull’arte e sulle attività museali, nella normale pratica clinica.

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi
Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.