Home / Attualità / Mari bollenti, il pesce diminuisce
Mari bollenti, il pesce diminuisce

Mari bollenti, il pesce diminuisce

Tutti gli occhi puntati sulle conseguenze del caldo sugli esseri umani. Non tutti prestano attenzione, tuttavia, a ciò che avviene, per esempio, nella pesca, a causa dei mari bollenti. Vongole, cozze, orate, anguille, cefali e saraghi hanno a che fare con acqua dalle alte temperature: come se nel mare si costituisse con il pesce un guazzetto naturale, che tuttavia non reca vantaggi ai lavoratori del settore. Ne risentono i pescatori e la Coldiretti ha affrontato l’argomento. La temperatura dell’acqua del mare raggiunge i 35 gradi nelle acque vicino alla costa. Ne discende che le alghe fermentano, eliminando l’ossigeno nell’acqua salata. Ne muoiono pesci e molluschi. Ciò porta a una perdita pari al 40% del prodotto negli impianti. Quali sono le aree più colpite? Quelle lagunari, in Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana. Là le attività di pesca e acquacoltura sono fonte di guadagno per le imprese: rischiano di non superare il problema a centinaia, con migliaia di addetti, come dichiara Coldiretti Impresapesca. Perciò è stato richiesto lo stato di calamità.

Che cosa avviene nelle campagne

Nelle campagne, poi, i danni ammontano a più di duecento milioni di euro. Lo stress da alte temperature colpisce gli animali. In particolare le mucche producono il 10-15% in meno di latte. Si tratta di 100 milioni di litri di latte totali che vengono meno ogni mese.

Gli abbeveratoi sono vitali: ogni animale con il caldo imperante beve fino a 140 litri d’acqua al giorno; il doppio, rispetto ai periodi di fresco. Ventilatori, doccette e condizionatori sono stati installati per il benessere delle mucche.

Anche le galline producono meno: parliamo del 10% in meno di uova deposte. I maiali sono inappetenti: si nutrono consumando il 40% in meno della loro razione giornaliera.

Nella calura estiva le api volano meno: restando a terra, non prendono il polline.

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi
Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.