Home / Benessere / Alimentazione lipolitica: quando il cibo elimina il grasso superfluo

Alimentazione lipolitica: quando il cibo elimina il grasso superfluo

Tutti i mezzi di comunicazione (stampa, tv, radio) stanno puntando il dito sui rischi connessi al peso eccessivo: incremento di possibilità di ammalare di infarto miocardico, ictus, diabete di tipo 2. E’ inutile gettarsi nello sconforto e nella depressione ma è bene prendere coscienza del problema e pensare di eliminare subito i chili accumulati attraverso una corretta alimentazione.
L’approfondimento dello sfondo psicologico nel paziente in sovrappeso o francamente obeso, costituisce tappa imprescindibile nella consulenza effettuata da un nutrizionista coscienzioso. Dietro ai chili in eccesso, infatti quasi sempre si nasconde un disagio interiore, che spesso induce i pazienti ad adottare un’alimentazione non corretta (ricerca di gratificazione personale nel cibo, meccanismi di autopunizione, conflitti familiari).
E’ indispensabile trasmettere al paziente che puntare al normopeso non implica necessariamente rinunce drammatiche e sforzi sovrumani.

z-dieta1

Il Programma Alimentare Lipolitico si fonda su un protocollo scientifico convalidato dal ministero della salute degli USA e successivamente eletto anche dal ministero finlandese come trattamento di scelta per obesità e sovrappeso, anche associati ad altri fattori di rischio come diabete tipo2, intolleranza al glucosio, dislipidemia, ipertensione arteriosa, fumo. Questa metodica comprende una fase di dimagramento intensivo (che punta al consumo esclusivo di grasso e liquidi trattenuti) con risparmio della massa magra (muscolatura).

La perdita di peso arriva ai 7-9 kg./mese . In questo tipo di alimentazione, in cui non vengono pesati i cibi, è fondamentale un apporto di aminoacidi pre-assimilabili ad altissimo valore biologico che consentono la protezione dell’impalcatura muscolare. Riducendo l’apporto esogeno di glucidi si induce ipoinsulinemia, che a sua volta stimola il catabolismo dei trigliceridi di riserva, destinati ad una idrolisi da parte della lipoproteinlipasi, con trasformazione in acidi grassi liberi e glicerolo. Il 10% del glicerolo viene ossidato dal fegato per finire in glucosio. Il resto apporta l’energia necessaria per la gluconeogenesi. Segue una cascata di reazioni biochimiche il cui obiettivo finale è l’ottenimento di energia dalle riserve di grasso accumulate.

z-dieta2

La lipolisi mirata associata alla regolazione dello scambio idrico intra e pericellulare, spiega l’eliminazione della ritenzione di liquidi e l’efficacia della metodica nella notevole riduzione della cellulite. Il dimagramento, è armonioso e accompagnato da un mantenimento di perfette tonicità ed elasticità della pelle. Questa valida alimentazione non prevede l’impiego di farmaci ma può richiedere esclusivamente l’introito supplettivo di sali minerali e vitamine, con specifica indicazione medica, variante da caso a caso.
Quindi le famose forme di obesità “a mela” (con sovrabbondanza di adipe a livello di addome e fianco, tipica di soggetti maschi o donne in menopausa)  e obesità “a pera” (con grasso eccedente su glutei e cosce, più frequente nella donna fertile), possono essere combattute in tempi brevi, con supporto medico, con evidente vantaggio per il benessere e la salute.

Dott.ssa Elena Guarneri – Medicina rigenerativa

info@elenaguarneri.it

 

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »