Home / Alimentazione / Lifestyle-Food Trucks, perché il cibo di strada ha così tanto successo?

Lifestyle-Food Trucks, perché il cibo di strada ha così tanto successo?

emilioAndando a prendermi un’insalata al solito bar ristorante vicino all’ufficio osservo sempre più sorpreso il fenomeno legato a ciò che qui a NYC chiamano “Food Trucks” ossia i furgoni dalla forma squadrata, riconoscibilissima, che vendono cibo ad ora di pranzo, parcheggiati al ciglio della strada. Una sorta di americana forma di plagio verso l’italiano furgoncino dei panini a cui noi fermavano alle 3 di notte rientrando dalla discoteca. All’epoca delle ore piccole capivo che non ci fossero alternative per farsi uno spuntino a notte fonda, se non rivolgendosi ai rari furgoni delle piadine, luminosi e parcheggiati appositamente in luogo di traffico frequente… Ma a New York, non c’e’, ad ora di pranzo, carenza di luoghi ove comprare cibo: dunque perché il grande successo dei food trucks?

NYC Food Trucks 04Appena mi addentro nel mondo dei food trucks, scopro che ci sono innumerevoli pagine internet e di social media capaci di dare i menù, di enfatizzare, comunicare e promuovere le varie cucine specializzate, le zone ove poter trovare il favorito food truck per arrivare perfino ai festival di food trucks dove il pubblico si fa file e file pur di trovare e provare tutte le più bizzarre varietà di cibo. Ecco dov’è il successo dei food trucks: la varietà. Chi in ufficio ogni giorno scende al proprio isolato per comprarsi il pranzo, probabilmente avrà un massimo di 3 o 4 punti vendita a portata di mano che copriranno un’offerta di usuali pietanze… ma il food truck spariglia le carte, piazzandosi di tanto in tanto all’angolo e proponendo un’alternativa al solito pranzo.

Falafel, cibo Taiwanese, involtini cinese, pizza “siciliana”, tacos messicani, torte e gelati, beefBurgers e HotDogs, tapas spagnole, Kebabs, cibo caraibico, yogurt, caffè, coccolato e ogni sorta di sandwitch possibile, incluso un camioncino dipinto col tricolore che fa i tramezzini esattamente come si troverebbero in Italia, ottimi in qualità, gusto e immagine, sebbene il prezzo sia 12$ al tramezzino. I food trucks hanno puntato sull’alta qualità, non certo il contrario e con essa il prezzo non e’ a risparmio, ma i consumatori obiettivo (che sono quelli che hanno lavoro in uffici di Manhattan in zone assai battute) non stanno a guardare i 5 o 6$ di differenza tra la solita insalata e qualcosa di assai ricercato e specifico. Io faccio sinceramente fatica a capire venti minuti di coda per il cibo d’un furgone parcheggiato in strada ma l’America degli insaziabili consumatori in pausa pranzo, incravattati e bombardati dalla varietà d’offerta pare abbia trovato un’alternativa assai valida al mio bar dell’angolo.

NYC Food Trucks 01

 

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »