Home / Attualità / Psiche e intestino sono legati
Psiche e intestino sono legati

Psiche e intestino sono legati

Se l’intestino è in salute, il benessere psicologico è favorito. Dipendono da una buona composizione della flora batterica a questo livello la funzionalità e lo sviluppo del cervello, e ciò avviene sia nel feto, sia nell’individuo, una volta nato. Uno studio in questo senso è stato posto in essere dal neuroscienziato John F. Cryan dello University college Cork: è stato presentato al congresso della Società italiana di psichiatria (Sip). Secondo le parole del protagonista delle nuove scoperte, “Se i microbi controllano il cervello, controllano ogni cosa”. Si festeggia la nascita di una nuova disciplina, chiamata “psicobiotica”: si tratta, infatti, di studiare il rapporto tra i microorganismi e i problemi mentali. In particolare, ci si riferisce ai batteri intestinali.

Che cosa avviene al livello dell’intestino?

I batteri presenti a questo livello producono molto Dna e sintetizzano molecole atte a modulare lo sviluppo del cervello, grazie a un complesso meccanismo di mediazione che è nel contempo immunitario, ormonale e neurale.

Questo meccanismo è stato quasi completamente chiarito e rende possibile fare luce sulle correlazioni con l’autismo dei bambini.

Possibilità interessanti in merito ai collegamenti tra psiche e intestino

Secondo Giovanni Biggio, ordinario di Farmacologia dell’Università di Cagliari, “Si aprono possibilità interessanti: parliamo infatti di poter trattare, in un prossimo futuro, i disturbi cerebrali e mentali modificando la flora batterica intestinale. Per esempio, si può ipotizzare di usare probiotici mirati in funzione antidepressiva. Ma ne derivano anche indicazioni per prevenire molti problemi nervosi e mentali. Si pensi che, alla nascita, il microbioma intestinale del neonato viene stabilito dalla flora del canale vaginale della madre, con la quale viene a contatto; quindi attenzione all’equilibrio di questa flora, perché se è alterata risulterà alterata anche quella intestinale del bimbo, con conseguenze anche su cervello e psiche. Ecco un’ulteriore ragione per affermare che il parto naturale è migliore del cesareo, in cui questo contatto è assente, con conseguenze da studiare. Questa scoperta prova inoltre che bisogna stare attenti con antibiotici in alte dosi e somministrazioni prolungate: distruggendo la flora, potrebbero provocare disturbi anche cerebrali, psichici”.

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi
Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.