Home / Attualità / Quando l’auto misura la tua pressione sanguigna
Quando l’auto misura la tua pressione sanguigna

Quando l’auto misura la tua pressione sanguigna

Il futuro dell’auto è intervenire nel salvaguardare la nostra salute.

Il marketing dell’industria automobilistica, posto che questo genere di problematiche sono messe a fuoco come non mai dall’opinione pubblica, si muove anche verso la creazione di sinergie con il settore sanitario. L’obiettivo è diminuire il più possibile incidenti e decessi, per mezzo di tecnologie che rendono attuali guida automatica e i sistemi avanzati di assistenza alla guida. Alla guida, in sintesi, si vorrebbe restare vivi e salvaguardare anche la vita altrui. Lo si può fare con un pizzico di tecnologia in più?

Nell’auto si aggiungono funzionalità sulla base delle tendenze e preferenze dei consumatori, dei bollettini di sicurezza e del posizionamento sul mercato.

Tecnologie di salute e benessere nelle auto

Saranno presenti, entro il 2018, nel 30-40% di tutte le automobili sedili riconfigurabili e illuminazione d’atmosfera, che aumentano il comfort all’interno dell’abitacolo. Quel che è più importante, in quasi il 5% dei veicoli, entro il 2025, sarà aggiunto il monitoraggio della pressione arteriosa.

Frost & Sullivan in “Executive outlook of health, wellness, and wellbeing technologies in the global automotive industry” fa il punto della situazione globale riguardante le case automobilistiche.

Si integreranno nelle vetture sistemi di monitoraggio della salute prodotti da terze parti.

Diagnosi precoce delle malattie

Si intende collaborare con operatori di settori come quello della sanità e delle tecnologie dell’informazione. I sistemi di misurazione e monitoraggio permetteranno la diagnosi precoce delle malattie e l’assistenza in caso di emergenza.

E’ prevista la fornitura di servizi sanitari a ospedali esterni, da parte di auto intelligenti, con la caratteristica di misurare, monitorare, effettuare diagnosi base e comunicare con le persone riguardo alla propria salute. Si creeranno vetture personalizzate, progettate e riconfigurate sulla base dell’età e delle condizioni di salute dei viaggiatori.

Si pensa ad automobili che possono anticipare un attacco cardiaco del conducente o un’improvvisa disabilità. Il veicolo, in questi casi, sarà arrestato in modo sicuro e i medici saranno messi al corrente della situazione.

Sistemi avveniristici

Sistemi avveniristici, che possono essere utili soltanto se funzionano al 100%, e se l’automobilista sa come utilizzarli e interagire. La loro avanzata potrebbe essere arrestata dalle nuove normative della Food and drug administration. Resta da vedere se il guidatore considera vitale questo approccio e se la privacy e la sicurezza delle tecnologie mobili vengono sopravvalutate rispetto all’innovazione.

Agenzie come il Programma europeo di valutazione delle nuove automobili (European new car assessment program) si occupano dell’attuazione di servizi di valutazione e di standardizzare le tecnologie di sicurezza utilizzate nelle autovetture. Staremo a vedere.

 

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi
Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.