Home / Benessere / Art & Show-Mapei Day 2014: dieci anni di grande emozione in bici

Art & Show-Mapei Day 2014: dieci anni di grande emozione in bici

Il calendario degli eventi di Bormio non sarebbe completo senza il famoso e rinomato Mapei Day/Re Stelvio, che si corre domani, 13 luglio. La competizione ciclistica, giunta alla sua decima edizione, è unica nel suo genere: ai blocchi di partenza si ritrovano corridori, amanti dello skiroll e ciclisti (professionisti e semplici appassionati) tutti pronti per affrontare la mitica salita.

Una lunga e coloratissima fila di sportivi appassionati che risale lungo i quaranta tornanti del Passo dello Stelvio, accompagnata dai “Vai!”, “Allez!” e “Hoppauf!” del pubblico: questo è il Mapei Day/Re Stelvio a Bormio, uno spettacolo da vedere, oltre che una competizione. Anche quest’anno più di 3.500 partecipanti raggiungeranno la “Magnifica Terra” per battere il loro record personale su una delle più leggendarie salite della storia del ciclismo. Come per le edizioni precedenti, il Mapei Day sarà composto da sei gare.

mapei 2La salita di 1.533 metri potrà essere affrontata a piedi, in bicicletta o con gli skiroll: questa combinazione di tre discipline rende la gara unica nel suo genere e offre agli atleti la possibilità di scegliere con quale arma affrontare e conquistare la vetta. Data la popolarità della gara e l’alto numero di partecipanti, la salita da Bormio al Passo dello Stelvio sarà chiusa ai veicoli motorizzati e dedicata solo a chi partecipa alla manifestazione.

I primi a partire saranno gli amanti degli sci stretti anche d’estate che, con i loro skiroll, affronteranno la salita; a seguire i podisti, che si cimenteranno nella mezza maratona ufficiale Fidal, e gli appassionati della corsa non competitiva. Infine, i quaranta tornanti accoglieranno i ciclisti: saranno divisi in due gruppi, ovvero i professionisti – che cercheranno di vincere la 30ma edizione della “Re Stelvio” – e gli amatori, che potranno pedalare nello splendido scenario del Parco Nazionale dello Stelvio e, allo stesso tempo, competere nella corsa dedicata ad Aldo Sassi. Il tempo da battere è quello di Damiano Lenzi, vincitore della passata edizione: lo scialpinista di Domodossola aveva raggiunto agilmente la vetta in un’ora e 4 minuti, con una velocità media di 19,4 chilometri all’ora.

Tuttavia, questa non è una tappa del Giro d’Italia, non tutti sentono la competizione o sono alla ricerca della vittoria: come vuole lo spirito olimpico, per molti l’importante è semplicemente partecipare. La maggior parte degli atleti, infatti, preferisce vivere un’esperienza indimenticabile con i propri compagni “di salita” dimenticandosi di tempi e classifica, godendosi piuttosto il magnifico panorama alpino e magari facendo una sosta in uno dei punti di ristoro.

mapei 3In entrambi i casi, sia che si pedali con la voglia di vincere sia che si partecipi per mettersi in gioco misurando le proprie capacità, la sensazione di aver conquistato uno dei passi più alti delle Alpi vale più del record della gara. Non importa se uno sia un atleta o un semplice appassionato: un servizio navetta gratuito attende tutti i partecipanti al traguardo e li riporta comodamente a Bormio, in tempo per la cerimonia di premiazione.

Per chi pensa di possedere quel tocco in più per essere il prossimo “Re dello Stelvio”, le iscrizioni alla gara sono aperte fino a giovedì 10 luglio, a questo link

Per tutte le informazioni, visitare il sito del Mapei Day  o Re Stelvio

Per maggiori informazioni su Bormio, cliccare qui

 

 

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »