Home / Benessere / PRP-Priapus Shot: per potenziare l’erezione c’è una tecnica Made in USA
PRP-Priapus Shot: per potenziare l'erezione c'è una tecnica Made in USA

PRP-Priapus Shot: per potenziare l’erezione c’è una tecnica Made in USA

Si chiama PRP-Priapus Shot e il riferimento a Priapo, dio greco dal fallo enorme, ci fa capire immeditamente di che cosa stiamo parlando. Nonostante la sua natura divina e la perenne erezione, infatti, Priapo sotto le lenzuola colleziona soltanto insuccessi.

La disfunzione erettile, quella che un tempo veniva impietosamente chiamata impotenza, colpisce solo in Italia, oltre tre milioni di uomini. Di questi solo un terzo si cura utilizzando uno dei tanti farmaci dedicati, disponibili sul mercato e che devono necessariamente essere prescritti e utilizzati sotto stretto controllo medico.

Il deficit di erezione cioè la difficoltà parziale o totale di mantenere l’erezione fino al completamento del rapporto sessuale può avere diverse cause, sia fisiche e psichiche. Tra le cause organiche, una delle più frequenti è legata a problemi di circolazione sanguinea nella zona genitale o nel pene.
In questi casi esiste un’innovativa possibilità di prendersi cura di “Lui”: viene dalla medicina rigenerativa, quella che applica la terapia con i fattori di crescita piastrinici (prp) in grado di stimolare le cellule staminali dei tessuti.

PRP-Priapus Shot: lo hanno inventato gli americani

Il trattamento, messo a punto negli USA, come è accaduto in ortopedia, traumatologia, dermatologia, e tricologia, è ora finalmente eseguibile anche in Italia e si estende alla sfera genito-sessuale, per la cura della disfunzione erettile (impotenza) e dell’induratio penis plastica (incurvamento del pene).

La cosa davvero interessante è che la tecnica PRP-Priapus Shot, è indicata nei pazienti che soffrono di alterata o insufficiente erezione peniena, anche e sprattutto quelli che non rispondono o rispondono poco alla terapia con le csiddette pillle dell’amore, cioè gli inibitori delle fosfodiesterasi di tipo 5.

Il PRP-Priapus Shot è indicato anche nei soggetti affetti da un anomalo incurvamento dell’organo genitale, che non consente la penetrazione durante l’atto sessuale.

La metodica, approvata dal Ministero della Salute italiano, deve essere obbligatoriamente praticata da medici autorizzati legalmente alla terapia prp.

PRP-Priapus Shot: per potenziare l'erezione c'è una tecnica Made in USA“E’ un trattamento indolore, privo di rischi per la salute e di effetti indesiderati”, spiega la dottoressa Elena Guarneri,  chirurgo generale e medico estetico. “Il PRP infatti è una tecnica rigenerativa ed autologa, cioè si basa sull’utilizzo di materiale biologico prelevato dal paziente stesso, un po’ come l’autotrasfusione o l’autotrpianto. Non si utilizzano farmaci e non è previsto il ricovero in ospedale”.

Come si esegue il PRP-Priapus Shot

  1. La procedura medica, inizia attraverso un semplice prelievo di sangue a cui fa seguito un processo di centrifugazione che serve a separare le componenti corpuscolate ematiche e a trattenere soltanto le piastrine iperconcentrate.

2. Il paziente, sdraiato sul lettino, riceve dal medico una serie di micro-iniezioni nel tessuto interessato. La procedura, per quanto PRP-Priapus Shot: per potenziare l'erezione c'è una tecnica Made in USApossa sembrare fastidiosa, è praticamente indolore, in quanto il pene viene reso insensibile grazie all’applicazione di una crena anestetica.
3. Il trattamento, dal momento del prelievo sin al termine, dura 20/30 minuti e per assicurarne l’efficacia va ripetuto per una serie di volte. Sarà il medico a consigliare il numero di trattamenti caso per caso.

PRP-Priapus Shot come funziona

L’efficacia del trattamento prp si deve alla stimolazione rigenerativa sul sistema vascolare del pene (neo-angiogenesi) e sul trofismo dei corpi cavernosi, ciò comporta un netto miglioramento della circolazione sanguigna nell’organo maschile. “Grazie a questa terapia il paziente puo concretamente constatare il potenziamento dell’erezione, della personale percezione del piacere e dell’orgasmo, e la correzione della deformità peniena, qualora affetto da incurvamento patologico”, aggiunge la dottoressa Guarneri. “Ricordo che il prp non ha alcuna controindicazione e non prevedendo limiti d’età assicura il rinnovamento della vita sessuale, con rapporti appaganti per lui, e di riflesso anche per lei”.

About Redazione

Redazione

7 comments

  1. dove si fa? ,io sono in prov di cosenza

  2. BUONASERA VORREI SAPERE DOVE VENGONO FATTE LE PUNTURE I PUNTI DEL PENE GRAZIE

    • Redazione

      Gentile Sig. Osvaldo,
      le iniezioni vengono effettuate nel corpo del pene, i punti precisi variano a seconda dell’anatomia del paziente. Si tranquillizzi però: non sono affatto dolorose.
      Dott.ssa Elena Guarneri
      Chirurgo generale, a Brescia, Milano e Cremona
      Tel. 329 789 7397

  3. Quanto durano gli effetti dell’iniezione? Sono permanenti o vanno ciclicamente ripetuti perché la crescita che si sviluppa in seguito alle iniezioni poi tende a scomparire col tempo?

    • Redazione

      Gentile Sig. Fabio, come tutte le terapie mediche, il numero di sedute varia in relazione alle eventuali patologie e ai problemi del paziente. Per questo è molto importante la visita preliminare, proprio per prospettare l’orientamento terapeutico e la durata.
      Dottoressa Elena Guarneri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *