Home / Alimentazione / Canapa mundi, la fiera internazionale
Canapa mundi, la fiera internazionale

Canapa mundi, la fiera internazionale

Al Palacavicchi di Roma, dal 19 al 21 febbraio del nuovo anno, avrà luogo la Fiera internazionale della canapa: ci saranno 1500 metri quadri dedicati all’uso alimentare di questo alimento ideale per celiaci e vegani.

Buona salute e longevità sono legati alla canapa a tavola. I semi della pianta sono molto ricchi di Omega 3 e Omega 6, indispensabili per il benessere del sistema cardiocircolatorio. Non mancano proteine, vitamine, carboidrati, sali minerali e fibre: questi elementi rendono la canapa uno degli alimenti più nobili e completi.

In cucina a Canapa mundi

Sono numerosi gli utilizzi della pianta officinale in cucina: saranno posti in luce nell’ambito della fiera internazionale, organizzata dall’Associazione culturale Tuanis. Ci sarà una vera e propria fiera nella fiera: sarà dedicato all’alimentazione l’80% dei 2000 metri quadrati di spazio dedicati all’hemp industry, l’industria. Saranno tre nel padiglione gli stand gastronomici: uno 100% vegan, uno 100% gluten free e uno 100% a base canapa. Ognuno degli stand offrirà birra alla spina alla canapa. Senza contare il menu vegano previsto, rigorosamente in tema.

Canapa nella dieta, i benefici

I benefici legati all’inserimento della canapa nella dieta saranno evidenziati in questa edizione del 2016. Al mattino del 21 febbraio sono previsti incontri con medici nutrizionisti; saranno presenti negli stand aziende e associazioni del settore, come Cioccolateria Dolcevita, iCanapai, l’associazione culturale iVegan, Sativa alimentari, Sale e argento, Hemp Farm Italia.

Alta concentrazione di nutrienti nella canapa per uso alimentare

La diffusione della canapa per uso alimentare è sempre più veloce in tutto il mondo.

Sebbene l’alimento con la più alta concentrazione di Omega 3 e 6 è l’olio di pesce, quest’ultimo ha un sapore sgradevole e non bisogna dimenticare che non è contemplato nell’alimentazione di vegetariani e vegani. E ancora: si estrae chimicamente e se proviene da pesci grossi può contenere mercurio, idrocarburi o metalli pesanti. L’olio di semi di canapa, invece, è privo di inquinanti e ha un odore gradevole. Viene estratto a pressione, a freddo e ha un gradevole sapore di nocciola.

La farina ricavata dai semi di canapa può sostituire la farina di frumento di tipo 00 e può essere utilizzata in diete particolari. Non contiene glutine ed è adatta al celiaco. E ancora: rispetto alla farina 00, possiede il 21% di calorie in meno e appena il 3,8% è costituito da carboidrati. Il 30% della massa complessiva è composto da proteine e sono contenuti tutti gli amminoacidi essenziali in quantità significativa. Facendo parte del nostro corredo genetico, la canapa è totalmente assimilabile e ha un elevato contenuto di fibre, che sono utili per la regolarità intestinale. Con la soia, è consigliata nella dieta vegana.

Canapa, la parola all’esperto

Silvio Saraceni, presidente dell’Associazione culturale Tuanis, si è espresso in questo modo:

“In Italia, la coltivazione della canapa per la produzione di semi a scopo alimentare è consentita solamente dal 2011, ma sono già numerose le piccole ditte e aziende agricole che hanno iniziato a coltivare terreni a questo scopo. Purtroppo, però, non se ne parla abbastanza, per questo abbiamo deciso di creare una vera e propria fiera nella fiera, dedicando una grandissima parte della fiera agli utilizzi della pianta nel campo alimentare. Dal punto di vista dei valori nutrizionali, la canapa è un alimento completo e, oltretutto, è facilmente digeribile. Introdurla nella nostra dieta quotidiana contribuisce al mantenimento della nostra salute e al contenimento dei sintomi di diverse patologie”.

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi
Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.