Home / Attualità / L’acne si sviluppa con l’alimentazione
L’acne si sviluppa con l’alimentazione

L’acne si sviluppa con l’alimentazione

Con l’acne si realizza un processo d’infiammazione del follicolo pilifero e della sua ghiandola sebacea. Oltre a essere una problematica legata alla salute, l’acne è una problematica sociale: incide tra i 14 e 19 anni, in piena adolescenza, mentre fioriscono tra i ragazzi i rapporti interpersonali e l’aspetto fisico ha un valore inestimabile. Un fattore antiestetico su viso, spalle, dorso e regione pettorale del torace porta il giovane a chiudersi in se stesso.

Scoperta l’azione della vitamina B12

C’è un nutrimento essenziale che ha la caratteristica di alterare l’attività dei batteri della pelle: è la vitamina B12, contenuta per esempio nella carne, nel pesce, nelle uova, nei latticini. Lo affermano gli scienziati della University of California di Los Angeles: uno studio in questo senso è stato pubblicato dalla rivista Science Translational Medicine. La ricerca si è basata su dieci volontari, cui sono stati somministrati supplementi di vitamina B12.

Vitamina B12: come agisce?

Questa vitamina incide sull’attività metabolica del Propionibacterium acnes, il batterio responsabile dell’acne. Con l’azione della vitamina B12 i batteri secernono un composto infiammatorio, la profirina, fonte degli antiestetici brufoli. Molto, tuttavia, varia da individuo a individuo: alcuni sono più facilmente colpiti di altri, poiché non bisogna sottovalutare la rilevanza del modo in cui i batteri interagiscono con l’organismo del soggetto. Muovendo da questi dati, la strada è segnata: bisogna tentare di applicare le scoperte, definendo nuovi percorsi, al fine di prevenire e curare l’acne.

Nulla di nuovo sotto il sole

Nulla di nuovo sotto il sole: tra gli alimenti da evitare per i soggetti affetti da acne compaiono da tempo grassi saturi e latte vaccino. Indirettamente, quindi, si giungeva al risultato voluto: i cibi sconsigliati per i soggetti a tendenza acneica contengono anche vitamina B12. Una novità può portare a questo quadro la presenza della vitamina B12 nel pesce, fermo restando il fatto che grassi saturi sono contenuti anche nei crostacei.

 

 

 

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi
Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.