Home / Attualità / Alla base dei pasti eccessivi c’è un ormone carente
Alla base dei pasti eccessivi c’è un ormone carente

Alla base dei pasti eccessivi c’è un ormone carente

Che cosa scatta quando ci abbandoniamo al cibo, abbuffandoci a dismisura? Si riscontra una vera e propria carenza ormonale nel nostro cervello.

Capire questo può rappresentare un grosso passo avanti, per la cura di una delle piaghe del nostro secolo: l’obesità. Una ricerca in questo senso è stata posta in essere dall’équipe di studiosi della Rutgers university. Pubblica la ricerca la rivista Cell report.

Un peptide simile al glucagone, il Glp-1 (glucagon-like peptide 1) è carente nelle persone che mangiano e mangiano ancora, senza sentirsi mai sazie. Si tratta di sequenze di amminoacidi, che vengono prodotte da cellule che si trovano sia nel cervello, sia nel piccolo intestino: segnalano all’organismo che si è mangiato abbastanza.

Come si è svolta la ricerca

I livelli dell’ormone presi in considerazione sono stati esaminati sulle cavie da laboratorio, inducendone il deficit. I topolini con quantità insufficiente di Glp-1 hanno mangiato a dismisura, più del necessario, preferendo alimenti con alta quantità di grassi. La preferenza di cibi grassi è stata bloccata aumentando la quantità della sostanza presente nel cervello dei topi, come dichiara Vincent Mirabella, co-autore dello studio.

Un farmaco esiste già

Un farmaco la cui molecola imita questo ormone è stato pensato per migliorare, nei diabetici, la tolleranza al glucosio, ma viene utilizzato proprio per trattare soggetti obesi.

I lati negativi

Gli effetti collaterali di questo farmaco, tuttavia, riguardano pancreas, cistifellea e reni ed esso agisce su tutto il corpo. La svolta sarebbe studiare un preparato che agisca soltanto sui neuroni cerebrali: una terapia mirata, dunque, con minori effetti collaterali, che auspica Zhiping Pang, autore principale della ricerca. L’obesità, in sintesi, è sempre più trattata e da trattare come una dipendenza da cibo, quindi un disturbo neuropsichiatrico. Resta da scoprire come il sistema nervoso centrale regoli l’assunzione di cibo attraverso il Glp-1.

 

 

 

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi
Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.