Home / Attualità / Curva glicemica per prevedere il diabete a cinque anni
Curva glicemica per prevedere il diabete a cinque anni

Curva glicemica per prevedere il diabete a cinque anni

Il diabete è una malattia che porta a molti effetti negativi a lungo termine, come le ulcere e le complicanze cardiache. Con un semplice test, si potrà dire se persone non considerate a rischio possono contrarre il diabete nei prossimi cinque anni. Sono stati determinati in questo senso nuovi parametri di lettura, mai utilizzati fino ad ora. Parliamo della curva glicemica, esame economico e impiegato comunemente. Si sono espressi in questo senso i ricercatori della Società italiana di diabetologia, dell’Università Magna Graecia di Catanzaro e dell’Università di Roma Tor Vergata. Ha coordinato la ricerca il professor Giorgio Sesti, presidente eletto della Società. Pubblica lo studio il Journal of clinical endocrinology & metabolism.

Come si attua il test di curva glicemica

Il test di curva glicemica, anche detto test da carico di glucosio, che si svolge anche in gravidanza, avviene misurando la glicemia base del paziente; poi quest’ultimo ingerisce 75 grammi di glucosio e si fanno nuovi prelievi, per vedere come le condizioni cambiano: dopo due ore oppure uno ogni trenta minuti. In questo modo è possibile identificare una nuova categoria di soggetti con pre-diabete, con alta glicemia a un’ora, aventi un rischio aumentato del 400% di sviluppare in cinque anni un diabete conclamato. Fino ad ora, questi soggetti non sono stati presi in considerazione nelle strategie di prevenzione, quando dovrebbero essere tenuti sotto controllo.

Secondo le parole di Sesti, la ricerca ha dimostrato “che le persone con normale tolleranza glucidica, ma con valori di glicemia maggiori di 155 mg/dl, un’ora dopo l’assunzione di una bevanda contenente 75 gr di glucosio hanno un rischio maggiore di sviluppare il diabete mellito tipo 2, rispetto a quelli con alterata glicemia a digiuno, una condizione considerata a rischio secondo le linee guida internazionali e caratterizzata da un valore di glicemia a digiuno compreso tra 100 e 125 mg/ml”

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »