Home / Attualità / Interviene anche il farmacista? Cittadino più attento alle cure
Interviene anche il farmacista? Cittadino più attento alle cure

Interviene anche il farmacista? Cittadino più attento alle cure

Il farmacista può intervenire in collaborazione con il medico curante, quando si tratta di somministrare farmaci ai pazienti. In tal modo, il cittadino è più attento alle cure. Il presidente della Federazione degli ordini dei farmacisti italiani Andrea Mandelli dichiara di condividere le preoccupazioni espresse dall’Agenzia del farmaco a proposito della scarsa aderenza alla terapia. Tali valutazioni sono state fatte a partire da dati inequivocabili, “confermati anche dalla nostra prima sperimentazione condotta sui pazienti asmatici”. E’ soltanto il 18% dei pazienti, infatti, a non presentare alcun problema con la terapia prescritta. Che cosa avviene alla maggioranza? Il 46% dimentica di assumere i farmaci, oppure li assume in maniera scorretta e il 60% presenta “qualche difficoltà nell’uso dei medicinali prescritti”.

Aumentare l’aderenza alla terapia con l’aiuto del farmacista

Aumentare l’aderenza alla terapia “è un compito che richiede l’intervento di tutti i professionisti sanitari, a cominciare dai farmacisti”. Che cosa è accaduto in Inghilterra? “Le farmacie accreditate hanno eseguito nel primo semestre 2015 oltre un milione e trecentomila prestazioni a supporto dell’aderenza terapeutica”. L’utilizzo dei medicinali è stato sottoposto a revisione (Mur, Medicine use review). In Italia, la Federazione degli ordini ha sperimentato questo sistema, promuovendo uno studio randomizzato e controllato “di cui a breve verranno comunicati i risultati”.

Farmacista e medico, uno studio condotto in dieci regioni

Lo studio si chiama Re I-Mur: è stato condotto in 10 regioni. Il Nice inglese lo ha già segnalato “per la sua impostazione rigorosa e innovativa” Se il farmacista interviene in sinergia con il medico curante, lo stato di salute del paziente migliora e il costo dei trattamenti scende. Per la gestione delle malattie croniche, il processo di cura è migliorato con questo strumento “in paesi come il Canada e la Nuova Zelanda, ma anche in Belgio”.

Studiare e adattare il Mur alla realtà italiana crea un vantaggio per i cittadini. “Chiediamo quindi, conclude Mandelli, che i mezzi e le strategie per aumentare l’aderenza alle terapie vengano messi all’ordine del giorno della conferenza Stato-Regioni: la Federazione degli ordini è pronta a presentare proposte concrete”.

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi
Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »