Home / Attualità / Lavora con il cuore
Lavora con il cuore

Lavora con il cuore

In occasione della Giornata mondiale per il cuore, la Fondazione italiana per il Cuore, con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, promuove “Lavora con il cuore”. Si tratta di una campagna attuata al fine di sensibilizzare e valutare i principali fattori di rischio cardiovascolare: parliamo dicolesterolo Ldl, trigliceridi e glicemia. Per fare ciò, è sufficiente un semplice test ematico indolore, un prelievo di sangue dal polpastrello, che ha riguardato tutti i dipendenti del dicastero.

Un esame molto importante, posto che le patologie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte nei paesi occidentali. Secondo le previsioni, nel 2030 i decessi annui aumenteranno da 17 a 23 milioni.

I dati che emergeranno (sui livelli di Hdl-Ldl, colesterolo totale, trigliceridi, glicemia, ecc.) saranno poi raccolti in un database anamnestico e di valutazione del livello di rischio cardiovascolare. Ogni lavoratore, al fine di controllare il rischio cardiovascolare e intervenire sugli stili di vita scorretti, potrà rivolgersi a un medico e ottenere ulteriori consigli.

Lavora con il cuore, informare la popolazione

Grazie all’iniziativa, la popolazione sarà informata in merito all’importanza della valutazione e della misurazione dei fattori di rischio responsabili delle malattie cardio e cerebrovascolari. Tra questi ultimi, spiccano gli elevati livelli di colesterolo (in particolare il colesterolo Ldl), elevata pressione sanguigna, diabete, sovrappeso e obesità, influenza, alimentazione scorretta, sedentarietà e stress.

Lavora con il cuore, l’obiettivo del progetto

Si intende raggiungere l’obiettivo “25by25” delineato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità: si tratta dell’opportunità di ridurre del 25% la mortalità per malattie croniche non trasmissibili entro il 2025.

Lavora con il cuore, un manifesto informativo

Un manifesto informativo sarà distribuito in alcuni uffici pubblici e privati presenti in altre Regioni: riguarderà i corretti stili di vita per le malattie cardiovascolari.

Lavora con il cuore, una consapevolezza alla base del progetto

Di una cosa si è consapevoli: per mezzo di uffici e luoghi di lavoro si possono raggiungere i lavoratori e le loro famiglie, un numero elevato di persone. Si tratta di un campione significativo dell’intera cittadinanza.

E’ nel mirino la prima causa di morte in Europa e in Italia. Le patologie cardiovascolari sono responsabili, nell’Unione Europea, del 49% delle morti sia nell’uomo che nella donna e sono in aumento sulla base delle statistiche internazionali.

L’Onorevole Luigi Bobba, sottosegretario di Stato del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, ha dichiarato: “La collaborazione tra le istituzioni del mondo del lavoro e quelle della Salute è fondamentale per contribuire alla tutela della salute e al benessere dei cittadini, attraverso campagne di sensibilizzazione, e informazione mirata e azioni concrete. Nei luoghi di lavoro è infatti possibile raggiungere un numero elevato di persone di un’ampia fascia di età, consentendo di individuare i soggetti maggiormente a rischio di sviluppare patologie cardiovascolari, per le quali la prevenzione può essere determinante. Intervenire per tempo sui fattori di rischio delle malattie cardiovascolari genera un effetto positivo e di lunga durata sulla salute dei cittadini e, di riflesso, sulle attività produttive: avere collaboratori in salute migliora l’ambiente di lavoro, riduce i costi e incrementa efficienza e produttività.”

 

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »