Home / Attualità / Perché un tumore può tornare
Perché un tumore può tornare

Perché un tumore può tornare

La partita con il tumore non è mai chiusa una volta per tutte: il male, inopinatamente, può tornare. Che cosa avviene alle cellule tumorali? Per proteggersi dalla chemioterapia esse possono addormentarsi, per poi tornare in attività, anche dopo lustri di quiete. A muoversi in questo campo sono stati i ricercatori del The Institute of Cancer Research di Londra. Pubblica lo studio la rivista Leukemia. La ricerca si è svolta mediante analisi di campioni di sangue e midollo osseo appartenenti a un individuo con una grave forma di leucemia. Si trattava di campioni ottenuti in un lasso di tempo pari a 20 anni: al momento della diagnosi, attuata al quarto anno di età, dopo la ricaduta a 25 anni e dopo 22 anni di remissione. La scoperta eccezionale è stata che, geneticamente, la leucemia originale e quella recidivante sopravvenuta dopo decenni avevano una radice comune e l’una discendeva dall’altra. Quindi le cellule si rendono inattive per evitare il trattamento e generano mutazioni: preparano, in sintesi, un nuovo attacco.

In effetti, quando parliamo di remissione completa del tumore, ci riferiamo al fatto che, con i mezzi diagnostici a disposizione, dagli esami del sangue alle indagini per immagini, non rileviamo tracce di tumore o leucemia. Ma non basta, perché la malattia può riproporsi: non parliamo di guarigione completa. Sapendo che un tumore discende dall’altro, tuttavia, e mettendo a punto farmaci come chiavi che aprono la porta genetica del cancro, creando armi mirate contro un tumore, potremo riproporre le stesse armi, o armi simili, contro il tumore che si ripresenta, con mutazioni, dopo un certo numero di anni.

 

 

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi
Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.