Home / Benessere / Covid-19 e testosterone: le complicazioni nei maschi sono più frequenti
Covid-19 e testosterone: le complicazioni nei maschi sono più frequenti

Covid-19 e testosterone: le complicazioni nei maschi sono più frequenti

Gli uomini e le donne sono diversi anche quando si parla di coronavirus: i dati raccolti in tutto il mondo sui casi COVID-19 rivelano che uomini e donne hanno la stessa probabilità di contrarre il COVID-19, ma la reazione alle complicanze legate al virus sono profondamente diverse e questo sembrerebbe dipendere dai livelli di testosterone.

Il numero di pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 complicato da gravi eventi clinici, come la coagulazione intravascolare disseminata, la tromboembolia venosa, le lesioni cardiovascolari e renali acute o la sepsi e l’insufficienza multiorgano, è statisticamente più elevato per gli uomini rispetto alle donne.

“A un esame più attento, si sospetta che fattori specifici potrebbero causare una propensione verso una prognosi sfavorevole negli uomini affetti da COVID-19, in particolare enfatizzando il ruolo del testosterone“, spiega Andrea Militello Urologo e Andrologo a Roma.

Covid-19 e testosterone: i livelli sono importanti

Semplificando molto, gli esperti ritengono che siano proprio i livelli di testosterone, il principale ormone maschile, a essere implicato in questa maggiore propensione alle complicanze che possono insorgere in seguito al contagio.

“In una revisione della letteratura pubblicata su Andrology, i colleghi italiani hanno dedotto che i dati osservativi mostrano che i pazienti con peggiore progressione clinica, spesso gli adulti più anziani con una o più malattie croniche sottostanti, hanno maggiori probabilità di avere bassi livelli di testosterone”, continua il Militello.

“Inoltre, l’enzima di conversione dell’angiotensina 2 o ACE2, che è indispensabile per introdurre  SARS-CoV-2 nelle cellule ospiti, e tale recettore è anche espresso nei testicoli”, dice ancora l’andrologo Militello.

“Questi risultati suggeriscono che SARS-CoV-2 può infettare i testicoli, influenzando potenzialmente anche la secrezione di testosterone nei pazienti più giovani. Pertanto, come nei casi di uomini più anziani o di quelli con malattie dismetaboliche come l’obesità, un basso livello sierico di testosterone può predisporli a una ridotta risposta immunitaria, portando a un peggioramento della progressione dell’infezione da SARS-CoV-2 negli uomini”, continua il dottor Militello.

Il rischio aumenta in caso di altre malattie croniche

Lo studio italiano ha affermato che l’ipotesi è stata recentemente dimostrata in un piccolo studio a centro singolo che ha valutato 31 uomini con polmonite COVID-19 ammessi in terapia intensiva in Italia. Nello studio, pubblicato su Andrology a maggio, i ricercatori hanno scoperto che gli uomini con COVID-19 grave e ipogonadismo manifesto avevano maggiori probabilità di morire rispetto agli uomini con livelli più alti di testosterone.

La ricerca suggerisce che livelli più bassi di testosterone plasmatico, che possono essere comuni tra gli uomini anziani o gli uomini con obesità, così come tra gli uomini con altre malattie croniche, potrebbero portare a infiammazione sistemica, compromissione della funzione cardiovascolare, tromboembolia e peggiori esiti COVID-19.

Covid-19 e testosterone, un legame stretto

“Il testosterone predispone gli uomini a una risposta immunitaria meno efficace contro gli agenti infettivi e l’ipogonadismo maschile può innescare una disfunzione dannosa delle citochine (proteine coinvolte nella comunicazione extracellulare) che potrebbe essere responsabile di cattive prognosi negli uomini con COVID-19″, racconta ancora Militello.

“La ricerca di base dovrebbe mirare a chiarire quale ruolo, se del caso, ricopre quel recettore degli androgeni nella facilitazione dell’infezione da COVID-19 e sulla sua gravità. In secondo luogo, la ricerca clinica dovrebbe essere condotta per valutare il ruolo patofisiologico del diverso ambiente ormonale nell’infezione COVID-19 per entrambi i sessi e se l’infezione COVID-19 facilita la riduzione dei livelli di testosterone, poiché può influenzare negativamente i testicoli causando un evidente ipogonadismo. Di conseguenza, potrebbero essere condotti diversi approcci terapeutici all’infezione da COVID-19, sulla base dei risultati degli studi summenzionati”, conclude l’andrologo.

About Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »