Home / Benessere / Plantare “Attivo”. L’abbiamo provato per voi
plantare "Attivo". lo abbiamo provato per voi

Plantare “Attivo”. L’abbiamo provato per voi

Plantare "Attivo". L'abbiamo provato per voiEsistono piedi perfetti: belli e sani, ma esistono anche piedi problematici, che hanno bisogno di molte attenzioni e, in qualche caso,  di cure specifiche, come l’uso di plantari prescritti dall’ortopedico e confezionati su misura. Tra la perfezione assoluta, purtroppo rara, e la patologia di cui si occupano gli specialisti, c’è un mondo di piedi doloranti, caviglie gonfie, inizi di alluce valgo, talloniti e altri piccoli o grandi disturbi quotidiani che minano le estremità. E non solo. Perché quando i nostri piedi soffrono, viene messo in discussione tutto il nostro benessere. I piedi infatti sono la nostra base d’appoggio, il punto di partenza per una corretta postura. Pensate: quasi l’80% della popolazione italiana soffre di mal di schiena almeno una volta nella vita, nella maggior parte dei casi il problema è dovuto a un disequilibrio della colonna vertebrale causato, a sua volta, da uno scorretto appoggio plantare.

Che fare allora per dare loro un po’ di sollievo?

Tra i prodotti della cura del piede che si trovano in farmacia abbiamo trovato “Attivo” un plantare preformato (quindi non costruito su misura) ma estremamente interessante perché offre  la possibilità di personalizzare la scelta incrociando pochi, semplici dati che, però, fanno la differenza rispetto all’offerta di mercato. L’acquisto, infatti, va fatto tenendo conto del numero di scarpa e del proprio peso. “Attivo” potrebbe essere scambiato per uno dei tanti plantari “modello standar” visti in TV, in realtà è tutta un’altra cosa.

Per questo abbiamo deciso di provarlo e darvi il nostro parere

Plantare "Attivo". L'abbiamo provato per voiAbbiamo acquistato “Attivo” in una farmacia di Torino (costo € 59) dove ci hanno consigliato il plantare giusto per le caratteristiche fisiche della nostra modella (peso e numero della calzatura). Il farmacista ci spiega che “Attivo” è realizzato in uno speciale polimero di resina. E’ resistente, tant’è che svolge appieno le sue funzioni per un paio d’anni circa. E’ traspirante, perché tutta la superficie è microforata, permette cioè, grazie al movimento del piede, la circolazione dell’aria all’interno della scarpa. E’ igienico, perché contrariamente alle solette di altri materiali può essere lavato con acqua fredda e sapone neutro tutte le volte che si vuole.

Le prime sensazioni dopo averlo indossato

plantare "Attivo". lo abbiamo provato per voiIl plantare deve essere inserito nella scarpa facendolo aderire alla parte posteriore della stessa. Accogliente, flessibile, elastico eppure stabile. Sono le impressioni che si registrano fin dal primo istante. Camminando ci si rende conto che il plantare segue la linea del piede, asseconda il movimento, contiene ma non costringe e soprattutto offre una piacevolissima sensazione di confort, anche indossando i tacchi alti. plantare "Attivo". lo abbiamo provato per voi

Insomma: “Attivo” ci piace. Ma vogliamo saperne di più.

Come funziona e perché funziona

“Attivo” mantiene il  piede in posizione corretta, quindi favorisce una buona postura e migliora equilibrio e stabilità anche facendo l’attività fisica. Per dimostrarlo il farmacista sottopone la nostra modella a un semplice test kinesiologico: senza plantare perde l’equilibrio, col plantare no. E’ come se fosse incollata al pavimento. Un curioso esperimento che dimostra come la stabilità acquisita indossando il plantare sia più che una semplice sensazione.

“Attivo” limita i movimenti involontari, vale a dire: meno distorsioni e microtraumi. Agisce sostenendo le strutture muscolo schelettriche del piede. Risultato: la camminata si fa più sicura, più equilibrata. La pianta del piede lavora meglio e gli effetti sulla circolazione di ritorno si sentono subito.

“Attivo” promette molto di più, soprattutto in fatto di prevenzione (alluce valgo, piede piatto, talloniti, spina calcaneare, fasciti, Morbo di Morthon, cervicalgia, lombalgia, basculamento del bacino, ginocchio varo), ma per questi aspetti dobbiamo affidarci a quanto ci assicurano in farmacia. Per quanto ci riguarda il plantare “Attivo” è promosso.

 

 

 

 

 

About Redazione

Redazione

32 comments

  1. va bene per i piedi piatti??l

    • Redazione

      Gentile Signora Roberta, la correzione del piede piatto con il plantare dipende dell’età del soggetto che lo indossa. Su di un soggetto giovane è più probabile un risultato che varia in percentuale e che dipende da molti fattori. Su tutti gli altri utenti il plantare serve ad evitare i problemi che il piede piatto provoca sulle articolazioni e sulla postura.
      Dott.Marco Gentilini

  2. Problemi di metatarsalgia da sovraccarico e arcata di piede cavo. Eta’ 64 anni. Operata gia ad un piede 8 anni fa ai metatarsi. Iniziano da tempo problemi metatarsali all’ altro piede. Possono alleviare dolori al metatarso questi plantari. Dove si comprano ed il prezzo? Grazie

    • Redazione

      Gentile Signora Giovanna, purtroppo non credo possa essere utile il plantare, visto il piede cavo e soprattutto non avendo altri parametri di valutazione.
      Distinti saluti
      Dott. Marco Gentilini

  3. Io l’ho comprato e veramente efficace,sono un’infermiera sto tante ore impiedi sono sovrappeso con problemi alla schiena e alle anche,dopo qualche giorno ho iniziato a portarlo sempre,perché i primi giorni si sente un po’ di fastidio,io lo consiglio

    • Riesce a portarle con i calzari da infermiera?
      A mia figlia potrebbero essere utili…

      • Redazione

        Buonasera Laura, il plantare si può indossare con qualsiasi calzatura. Nel caso dei calzari medici o infermieristici è opportuno fissarlo sul fondo del calzare utilizzando qualche centimetro di nastro biadesivo in modo che rimanga fermo. Questo si rende necessario quando la scarpa e sprovvista di copertura del calcagno dove, di solito, si appoggia il plantare.
        Se sua figlia sta molte ore in piedi, usando il plantare avrà grande giovamento.

  4. Vorrei più dettagli, grazie

  5. Ma fatevi fare dei plantari seri da persone qualificate. Prima erano bianchi ora blu mah!!!
    I plantari vanno fatti personalizzati, con un’attenta valutazione del piede.
    T.O.

    • Scusa Gianfranco, sicuramente si possono far realizzare plantari “seri” ma non vuol dire che questi non lo siano. Io ne porto un paio da luglio 2015, quotidianamente,e mi trovo benissimo,anzi sono a disagio se non li indosso, li metto perfino negli stivali di gomma quando lavoro nell’orto. Quando indosso scarpe da ginnastica a fondo piatto la caviglia non mi cede più verso l’interno.
      Ah,il colore cambia a seconda del peso e del numero di scarpa.

    • Redazione

      Gentile lettore, anche per fare delle critiche bisogna fare un’attenta valutazione del prodotto e avere una conoscenza del medesimo, cosa che nel suo caso non,visto che si meraviglia è nato con tre colori per differenziare il tipo di elasticità. Parametro che viene valutato in base al peso e al n° di piede del soggetto che lo utilizza; tutto questo fa parte di un brevetto assegnato al plantare. Questa è solo una delle informazioni che le mancavano, per tutte le altre le consiglio di leggere attentamente la scheda
      tecnica che può reperire in un punto vendita.
      Cordialmente la saluto
      Direzione M.G. fitness
      Marco Gentilini

  6. io ho plantari su misura ma il problema piu’ grande e’ che non posso metterlo quando lavoro perche’ non esistono scarpe con i tacchi o scarpe aperte , con un design che non sia da persona anziana, che abbiano il proprio plantare estraibile …. I miei sono plantari alti 1 centimetro in punta e 4 cm al tallone , quindi sono impossibili da mettere nelle scarpe senza plantari estraibili… I vostri plantari che spessore hanno? come si mantengono nelle scarpe col tacco aperte in punta?. io ho problemi alla schiena e facilità a contrarre le fascisti plantari, e allucinante unpo valgo.per lavoro devo portare i tacchi anche 8 ore e di conseguenza ho sempre dolori ai piedi alle gambe che diventano gonfie

    • Redazione

      Gentile Sig.ra Morena,
      il plantare Bionaif e un PREFORMATO tre quarti, quindi non arriva fino alla punta delle scarpe e non porta via spazio, rimane comunque perfettamente in posizione perché la conca del tallone non lo fa scivolare in avanti. Ma il consiglio è quello di provarlo presso un punto vendita così da poter valutare personalmente la portabilità, oltre poter leggere le indicazioni sulla scheda tecnica riguardo ai suoi problemi.
      Cordiali saluti
      Dott. Marco Gentilini

  7. Maria Bruna Picciau

    Dove li posso comprare io abito a Cagliari

    • Redazione

      Gentilissima Maria Bruna, la cosa migliore è comprarli in farmacia, così avrà anche la possibilità di provarli e scegliere quello più adatto a lei. Cerchi il punto vendita più comodo per lei copiando e incollando il segunete indirizzo: http://www.mybenefit.it/shop/sardegna/.
      Continui a seguirci!

  8. Io ho una sanitaria e li vendo con molto successo . Quindi si trovano anche nelle sanitarie

  9. Da un po’ di tempo mi sembra di camminare sui sassi e che le scarpe siano diventate strette ,oltretutto all’-alluce dx e il collo del piede sx sembrano fasciati come se fossero incartati da un cartone rigido ,io che ero una giocatrice di tennis ,ha influito la mia attività sportiva ….perché ho sempre la sensazione di una mano che mi stringe la,pianta del piede anche quando nuoto …ho 75 anni Mi chiamo Sara

    • Redazione

      Gentile signora i fastidi che lei riferisce possono essere multifunzionali: circolazione, artrosi, postura.
      E non ultimo i postumi di attività fisica che lei riferisce; il plantare potrebbe essere un aiuto
      Ad alleviare i suoi problemi,fermo restando la diagnosi di un medico ortopedico come conforto.
      Le porgo distinti saluti
      M.G.fitness

  10. Io volevo sapere se possono andare bene per una ragazzina di 13 anni,con una brutta postura,ma senza nessun problema alla colonna vertebrale.Spesso ha il collo in avanti,rispetto alla spalla.Grazie

    • Redazione

      Gentile lettrice, sicuramente la postura della ragazza avrà un beneficio senza per altro influire sulla scelta delle scarpe
      Cordiali Saluti
      Marco Gentilini

  11. Posso usarli per mio figlio di 10 anni (pesa intorno ai 36 chili) o è troppo giovane? Ha i piedi piatti e qualche problema di equilibrio. La ringrazio.

    • Redazione

      Gentile signora Sabrina,
      il Plantare attivo Bionaif è indicato anche per i giovani per tutti i problemi del piede (compreso il piede piatto) e della postura, anche come prevenzione. Per i giovani ha anche il vantaggio di non essere invasivo all’interno delle scarpe e di essere versatile su tutti i movimenti durante il gioco o facendo attività fisica. Non dà fastidio e fa lavorare il piede in modo corretto migliorando l’equilibrio e i problemi legati a un’errata posizione dell’estremità all’interno della calzatura. Lo scelga sulla base del numero di scarpa e del peso corporeo di suo figlio. Proceda gradualmente con l’utilizzo, iniziando da un’ora al giorno, per aumentare via via di un’ora nei giorni successivi, fino a coprire l’intero arco della giornata. In questo modo il ragazzo non si accorgerà neppure di indossarlo ma il piede inizierà ad assumere la corretta conformazione plantare.
      CORDIALI SALUTI
      M.G.FITNESS

  12. Il mio numero di scarpe è tipo 42,5 ….a volte devo comprare un 43 a volte un 42 dipende dal tipo di calzature e peso 75 kg….quale dovrei scegliere?

    • Redazione

      Gentile Sig. Toni, il plantare segue il piede di chi lo indossa e non la scarpa che, cme giustamente dice lei, non sempre ha lo stesso numero. Per scegliere il plantare giusto per lei,si basi sul numero 42 di piede. Stando al suo peso, prenda “Attivo” color blu nella fascia di numero che va dal 38 al 42.

  13. Soffro di fascite plantare da circa sei anni, ho provato di tutto da infiltrazioni , cure fisiche ,ginnastica posturale,, onde d’urto focali . Il dolore non passa , l’ecografia evidenzia diverse calcificazioni… il mio endocrinologo mi ha consigliato i plantari bionaif… arrivati ieri indossati X circa un’ora , con risultato molto scoraggiante. Ho dovuto toglierli perché mi sembrava di avere dei sassi sotto l’arco plantare. Domanda devo continuare per qualche settimana prima di rinunciare? Dopo averli indossati ho forte dolore ai piedi non so che fare se insistere o rinunciare. Lavoro in ospedale e sto tante ore in piedi…. grazie a chi vorrà aiutarmi

    • Redazione

      Gentile lettrice capisco il suo disappunto, ma molte volte anche la fretta per un miglioramento non sempre è utile, avrei aspettato
      ancora qualche giorno prima di passare ad altro trattamento(plantari) per capire se la terapia fatta sia stata utile. Comunque le consiglierei tra qualche giorno di riprovare i plantari indossandoli al mattino con il piede riposato e facendo attenzione a posizionarli in modo coretto all’interno della scarpa, portandoli solo per poco tempo senza stressare il piede. Ci faccia sapere come andra’ e in quell’occasione ci comunichi il suo peso, il numero di piede e quale plantare sta usando.
      La saluto cordialmente
      M.G.

  14. Salve peso circa 75 kg e ho come scarpa il 43. Quale colore di plantare devo prendere.

    grazie

    • Redazione

      Gentile lettore,
      il plantare Attivo adatto a lei è quello di colore blu del formato medio, quello che calza fino al 42. Il plantare infatti segue il numero del piede (che è sempre più piccolo rispetto alla calzatura) e non quello della scarpa.
      Grazie per aver letto i nostri articoli.

  15. Per problemi all’anca sono stata operata tempo fa e ho messo protesi ad ambedue le gambe l’ortopedico mi ha consigliato di mettere un plantare a una sola gamba di circa 2cm le vostre sono adatte per usarle per solo rialzo ad un solo piede?

    • Redazione

      Gentile lettrice, le suggerisco di seguire il consiglio dell’ortopedico, perché i plantari Bionaif non sono adatti per la dismetria degli arti dovuta ai postumi di un intervento.

      Cordiali saluti
      M.G.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *