Home / Benessere / Art&Show – Sergio Cammariere, un po' jazz, un po' melodico
sergio cammariere

Art&Show – Sergio Cammariere, un po' jazz, un po' melodico

Sergio cammarierePer presentare dal vivo, “Mano nella mano”, qualche sera fa al Teatro Dal Verme di Milano è approdato uno dei più grandi artisti jazz che il nostro belpaese abbia mai sfornato: Sergio Cammariere.

Accompagnato da una band eccezionale: Amedeo Ariano (batteria), Luca Bulgarelli (contrabbasso) e Bruno Marcozzi (percussioni), danno vita ad uno spettacolo che riesce ad emozionare il pubblico con momenti davvero toccanti.

Il tutto arricchito dalla presenza dell’ospite e amico Fabrizio Bosso, noto trombettista di fama internazionale.

Sergio Cammariere parte forte,  il nostro “cantautore piccolino”, intona il “Tema di malerba” e poi “La vita ci vuole”, tratte dall’ultimo album. Sembra quasi un cupido, che scocca parole d’amore ai cuori del vasto pubblico che riempie il teatro.

E il pubblico apprezza Sergio Cammariere cominciando a dondolarsi sulle poltroncine del teatro, ma il meglio arriva quando intona le storiche canzoni che lo hanno portato al successo più di dieci anni fa, “Tempo perduto” e “dalla pace del mare lontano”.

Quando giunge però il momento di cantare “tutto quello che un uomo”, col suo fare dolce, Sergio Cammariere invita il pubblico a intonarla a cappella ed in quel attimo si compie la magia, cantano tutti all’unisono e il teatro diventa un unico grande palco e tutti in quel preciso attimo sono parte dello spettacolo.

Fortunati quegli innamorati di ogni età che in quegli istanti hanno potuto, voltandosi, guardare negli occhi la persona amata, cantando le bellissime parole della canzone.

Il concerto di Sergio Cammariere si chiude con “Ed ora”, preceduta da “Cantautore piccolino” e “Sorella mia”,il pubblico è tutto in piedi ad applaudire, e il cupido Sergio si prepara per le prossime date, per continuare a regalarci emozioni.

sergio cammariere

INTRO – TEMA DI MALERBA

LA VITA CI VUOLE

MANO NELLA MANO

IO SENZA TE, TU SENZA ME (Lauzi)

LE PORTE DEL SOGNO

L’AMORE NON SI SPIEGA

LE INCERTEZZE DI MARZO

ANCORA NON MI STANCO

TEMPO PERDUTO

SERGIO (solo piano)

LA CANZONE DELL’IMPOSSIBILE

PADRE DELLA NOTTE

DALLA PACE DEL MARE LONTANO

TUTTO QUELLO CHE UN UOMO

VIA DA QUESTO MARE

LIBERO NELL’ARIA

SORELLA MIA

CANTAUTORE PICCOLINO

ED ORA

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »