Home / Elvia Grazi / Combatti la cellulite in 5 mosse. I consigli di Elena Guarneri
Combatti la cellulite in 5 mosse. I consigli di Elena Guarneri

Combatti la cellulite in 5 mosse. I consigli di Elena Guarneri

Inizia il countdown per le vacanze, il mare ci attende, ma la gioia viene stemperata, come sempre, dalla spada di Damocle della prova bikini. E anche quando la silhouette non è appesantita da qualche chilo di troppo, la cellulite fa la sua comparsa. Cancellarla del tutto non è possibile, chi lo dice mente, tuttavia si può fare molto, basta avere costanza, giocare d’anticipo e consultare il medico estetico che può orientare verso un trattamento terapeutico mirato e aiutarci a scegliere il prodotto giusto per fare sì che la circolazione sanguigna e quella linfatica migliorino. Il risultato sarà una pelle più liscia e tessuti tonici senza ritenzione idrica.

1. Sottoporsi alla visita dello specialista

“Molto spesso il ‘fai da te’ non è sufficiente per ottenere dei risultati concreti sulla cellulite”, sottolinea la dottoressa Elena Guarneri, medico estetico e flebologo. “E’ importantissimo sottoporsi all’accurata visita del medico estetico che dirime la diagnosi tra le varie forme di cellulite (adiposa, edematosa, sclerotica, fibrotica) e propone la terapia più idonea nella tipologia di affezione in esame”.

2. Spezziamo una lancia per le creme

Ma siamo sicuri che le creme funzionino? I soliti disfattisti, dissentiranno eppure possiamo garantirvi che se il prodotto è buono e ricco di attivi specifici, e viene applicato con costanza, potrete verificarne l’efficacia già nel giro di qualche settimana di applicazione. Perché agisca al meglio fate penetrare la crema con un buon massaggio, partendo dalle caviglie per risalire fino ai fianchi e alternando pressioni leggere e sfioramenti. Su pancia e glutei, invece, eseguite dei movimenti circolari più decisi alternati a qualche leggero pizzicottamento.

In profumeria, in farmacia, al supermercato e perfino in internet, ormai si trovano creme anticellulite ovunque, ce n’è per tutti i tipi e le tasche, ma cosa fa davvero la differenza? I principi attivi, è evidente. I prodotti migliori sono a base di caffeina, carnitina ed estratto del cacao, tutte sostanze che aiutano a sciogliere i grassi. Escina, che migliora la resistenza dei capillari e riduce i gonfiori, Centella, mirtillo e rusco, infine, migliorano la circolazione sanguigna.

3. Quando le coccole non bastano

“Se la cellulite è a prevalente componente adiposa”, spiega la dottoressa Elena Guarneri, “l’intralipoterapia con Aqualyx sconfigge concretamente e durevolmente gli accumuli di grasso tanto odiati, che si depositano su glutei, cosce (culotte de cheval) e ginocchia. Si tratta di trattamenti non dolorosi e non chirurgici, ambulatoriali e rapidi, che svolgono l’azione di una liposcultura sfruttando la capacità di alcune sostanze naturali di sciogliere il grasso localizzato. Se invece l’inestetismo associa lievi accumuli di adipe a prevalente ritenzione idrica (tendenza a trattenere liquidi), funziona egregiamente il trattamento di intradermoterapia distrettuale con Alidya, in grado di permettere il ripristino degli scambi della matrice extracellulare con effetto drenante e snellente selettivo. Anche questa è una terapia non chirurgica e priva di effetti collaterali. Qualora sia presente cute a materasso o a buccia d’arancia, significa che i tralci sclero-fibrotici intrappolano il grasso e ostacolano il microcircolo, pertanto si può lavorare con ottimi risultati con Jaluronidasi, capace di degradare queste impalcature fibrose nel tessuto di glutei e cosce”.

4.  Vietato nutrire la cellulite

Iniziamo con il dire che mangiare troppo saporito non aiuta. Il sale da cucina, infatti, dà sapore ma fa in modo che l’organismo trattenga l’acqua all’interno dei tessuti inibendo il corretto scambio di liquidi tra le cellule e l’esterno. Imparate quindi a limitare l’uso del sale insaporendo i cibi con gli aromi : aglio, peperoncino, prezzemolo, erba cipollina e basilico. Evitate anche  di mangiare cibi fritti, salse e intingoli troppo elaborati che affaticano il fegato e gli impediscono di eliminare le sostanze di rifiuto. Incrementate invece l’uso di carote, agrumi e kiwi tutti cibi ricchi di potassio un minerale prezioso che contrasta la ritenzione del sodio. “Se i chili da perdere, associati a cellulite sono tanti” consiglia la dottoressa Elena Guarneri, “efficacissima è la dietoterapia metabolica Vlcd, rigorosamente impostata dal medico, che ci permette di perdere anche 8-10 kg al mese, senza fatica, senza dover pesare gli alimenti. Ha un’azione immediata e stabile nel tempo”.

5. Curare le patologie associate alla cellulite

“Frequentemente accanto alla cellulite compaiono anche vene varicose e capillari dilatati” aggiunge Elena Guarneri. “Poiché tra insufficienza veno-capillare e ristagni cellulitici si crea un circolo vizioso, è corretto interromperlo. Con la Trap (fleboterapia rigenerativa ambulatoriale tridimensionale) si eliminano con le fibre ottiche, definitivamente vene e capillari in evidenza, il microcircolo si ristabilisce e le gambe si sgonfiano sensibilmente”.

Elena Guarneri ci ricorda che:

NO

  • Agli alcolici che dilatano le vene
  • Ai jeans troppo attillati che ostacolano la circolazione
  • Alle pillole anticoncezionali a basso dosaggio perché possono favorire la pelle a buccia d’arancia
  • Agli snack salati che favoriscono la ritenzione idrica
  • All’esposizione eccessiva a sole e fonti di calore (come la sauna)

SI’

  • All’acqua minerale naturale, bevetene almeno un paio di litri nel corso della giornata, serve ad eliminare in modo naturale le tossine
  • A un cuscino da mettere sotto il materasso per dormire con le gambe leggermente sollevate, favorisce il ritorno venoso
  • Al tè verde, ricchissimo di polifenoli, per depurare l’organismo
  • Alle camminate in mare, il massaggio dell’acqua salata fa miracoli
  • All’utilizzo di anti-ossidanti che combattono i danni da radicali liberi e migliorano l’ossigenazione cellulare

 

 

 

About Elvia Grazi

Elvia Grazi
Elvia Grazi, la nostra Ambasciatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.