Home / Alimentazione / Potassio: a cosa serve, dove si trova, carenza ed eccesso
Potassio: a cosa serve, dove si trova, carenza ed eccesso

Potassio: a cosa serve, dove si trova, carenza ed eccesso

Il potassio è un minerale che rientra nella categoria dei micronutrienti ovvero quegli elementi che devono essere assunti in minima quantità ma che risultano indispensabili per il corretto funzionamento dell’organismo.

Questo minerale svolge molte funzioni nell’organismo e in particolare, nella cellula, dove è più presente e funge da equilibratore del bilancio idrico salino con effetto diretto sulla pressione arteriosa.

Inoltre è coinvolto nell’equilibrio del PH, nell’attività cardiaca, nella muscolatura scheletrica, nella trasmissione neurologica, apparato scheletrico e apparato gastrointestinale.

Il potassio deve essere introdotto nell’organismo con la dieta perché l’essere umano non è in grado di produrlo autonomamente e i livelli devono essere mantenuti stabili perché in casi di carenze o di eccessi possono venire a manifestarsi problematiche anche gravi.

Una dieta sana e bilanciata è sufficiente per mantenere stabili le quantità minime indispensabili all’organismo per ‘’funzionare ‘’ in maniera corretta ma, complici alcune condizioni come l’eccesiva perdita di liquidi attraverso il sudore, l’urina o le feci o una dieta costituita da cibo spazzatura, si può facilmente incorrere in una carenza.

Un eccesso di potassio può invece manifestarsi con una compromissione del funzionamento dei reni, con assunzione di particolari farmaci o per un’eccessiva assunzione di integratori.

Carenza di potassio (Ipokailemia)

La carenza di potassio si riscontra attraverso gli esami ematici di laboratorio ma le cause più frequenti e comuni sono riconducibili al vomito, la diarrea e l’uso di farmaci diuretici oltre naturalmente a una dieta carente di questo minerale.

I sintomi più comuni da carenza di potassio sono:

  • Stanchezza
  • Tachicardia
  • Astenia
  • Crampi
  • Paralisi

Nei casi di grave carenza può addirittura manifestarsi l’arresto cardiaco.

Eccesso di potassio (iperkaliemia)

Come per la carenza, anche l’eccesso di potassio viene accertato attraverso le analisi ematiche di laboratorio e non sono quasi mai presenti sintomi, solo nei casi più gravi si può manifestare un’alterazione dei battiti cardiaci.

La causa di un eccesso di potassio può essere causata da una disfunzione renale ma anche da abuso di alcol o particolari tipi di tumore che possono portare anch’essi a una condizione di iperkaliemia.

I sintomi più comuni in caso di eccesso di potassio nel sangue sono:

  • Nausea
  • Battito cardiaco rallentato che può portare fino alla perdita di coscienza
  • Arresto cardiaco

Dove si trova e fabbisogno giornaliero

Nella quotidianità, seguire una dieta equilibrata è davvero fondamentale visto che gli alimenti che contengono potassio sono davvero molti.

Molto ricchi ne sono gli alimenti di origine vegetale come fagioli, spinaci, cavolfiori, patate, banane o albicocche.

Il fabbisogno di potassio di un uomo adulto in buona salute corrisponde a circa 3 grammi al giorno, alcuni alimenti che contengono molto potassio son i seguenti:

Potassio: a cosa serve, dove si trova, carenza ed eccesso

Quando sono presenti particolari patologie come per esempio l’insufficienza renale cronica (IRC), è indispensabile affidarsi alle cure di un professionista sanitario ed evitare le diete fai da te.

Nel caso specifico dell’IRC è fondamentale seguire determinati metodi di conservazione e di cottura nonché quantità specifiche che consentano di non sovraccaricare i reni già in difficoltà.

Info utili

Se sei interessato a maggiori informazioni sull’alimentazione o consigli per una dieta più equilibrata puoi chiedere consiglio a Daniele Sciotti scrivendo QUI

About Daniele Sciotti

Daniele Sciotti, dott. in Scienze della nutrizione umana Origini contadine e un amore incondizionato per la dieta mediterranea. Nato a Velletri, in provincia di Roma, da sempre a contatto con il verde e la natura di quei meravigliosi luoghi ricchi di tanta storia e soprattutto di tradizioni, inizia lo studio della scienza dell’alimentazione dopo aver sofferto di obesità. Una laurea magistrale in scienze della nutrizione umana conseguita presso l'Università San Raffaele di Roma Una laurea in scienze dell’alimentazione e gastronomia presso l’Università San Raffaele di Roma. "100 Alimenti 10 e lode" è la sua prima opera letteraria pubblicata ad agosto 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »