Home / Alimentazione / Quaglie ripiene… bondage
Quaglie ripiene... bondage

Quaglie ripiene… bondage

La settimana scorsa, mentre stavo preparando questa ricetta, è improvvisamente arrivata la mia amica Rossana (il direttore de Il Font, tanto per capirci).

“Che c’è di buono in quella pentola?”, mi ha chiesto e, senza aspettare risposta, ha sollevato il coperchio della casseruola dove avevo appena sistemato le quaglie che vi presento oggi.

Rossana ha dato un’occhiatina al contenuto della pentola e ha sospirato:  “Ah…quaglie nude bondage“.

Il commento mi è parso così buffo e originale che ho deciso di modificare il nome al piatto di questa domenica: da quaglie ripiene con le prugne a quaglie ripiene…bondage.

Vagamente ispirate al libro “50 sfumature di grigio” le mie quaglie bondage, potrebbero stimolare pensieri piccanti alle coppie in amore. Naturalmente senza tralasciare anche un pizzico di romanticismo.

Per il palato. E per il cuore

Quando Dio creò l’amore
Quando creò te distesa a letto
sapeva cosa stava facendo
era ubriaco e su di giri
e creò le montagne e il mare e il fuoco
allo stesso tempo.
Ha fatto qualche errore
ma quando creò te distesa a letto
fece tutto il Suo Sacro Universo.

Charles Bukowski

Quaglie ripiene… bondage. Gli ingredienti per 4 persone

  • 4 Quaglie
  • Pane grattugiato 150 gr
  • Formaggio grana 80 gr
  • Sale qb
  • Prezzemolo qb
  • Aglio salvia
  • Uovo 1
  • Burro 50 gr
  • Rosmarino
  • Carota, cipolla per la cottura
  • Prugne secche
  • Mezzo litro di brodo di carne
  • 4 Patate
  • Vino bianco per sfumare
  • Spago da cucina

Quaglie ripiene… bondage. Il procedimento

Quaglie ripiene... bondageQuaglie ripiene... bondagePulire e lavare bene le quaglie. Asciugarle con della carta assorbente, salarle leggermente all’ interno. Preparare un ripieno, di consistenza morbida, con il pane grattato, formaggio, rosmarino, uovo, prezzemolo, le Prugne tritate con il coltello. Salare

 

 

 

Quaglie ripiene... bondage

Riempire le quaglie con il ripieno. Legare le quaglie con lo spago, in  modo che mantengano la forma.

 

 

 

Pulire e lavare bene le quaglie. Asciugarle con della carta assorbente, salarle leggermente all' interno.Quaglie ripiene... bondageIn una casseruola mettere il burro, l’olio, alcune prugne secche, rosmarino, salvia, cipolla, carota, tagliati a tocchetti.

 

 

 

Quaglie ripiene... bondageQuaglie ripiene... bondagePorvi le quaglie, farle rosolare per bene, sfumando con vino bianco e farle cuocere per circa 25 minuti, aggiungendo pian piano il brodo,fino a quando l’intingolo si rapprenderá.

 

 

 

Quaglie ripiene... bondagePelare le patate, tornirle con uno spelucchino e farle cuocere al forno, aggiustando di sale e rosmarino alla fine. Impiattare e irrorare il tutto con l’intingolo di cottura delle quaglie.

 

 

 

Quaglie ripiene… bondage. Il parere del medico

Delizioso il connubio tra i profumi delle piante aromatiche e la dolcezza delle prugne secche, al fine di esaltare il gusto delicato delle quaglie, peraltro dotate di un sostenuto quantitativo di proteine nobili, e di semplice  digeribilità. Le prugne essiccate svolgono un deciso ruolo antiossidante, e da recenti studi, emerge anche il loro ruolo protettivo sulle ossa, e sono consigliate per contrastare l’osteoporosi tipica della menopausa.
Per coloro che devono porre attenzione ai grassi, è consigliabile la sostituzione del burro con un cucchiaio di yogurth magro.

 

About Fiona Schena

Fiona Schena
Sono nata a Lonato del Garda nel 73, in casa, proprio sopra la cucina del ristorante dei miei genitori. Era inevitabile che diventassi una cuoca, sto in cucina da più di vent'anni: non so se mi spiego... Mi piacciono gli animali, ho un cane che si chiama Cesare e due gatti. Adoro il mare, ma anche il lago, come è ovvio per una persona che è diventata grande su Garda. Amo leggere, sopratutto le poesie. Sono una donna semplice con idee chiare e passioni profonde. Amo la vita in ogni sua forma e come tale la rispetto, mantenendo un'etica personale. La cucina e la poesia sono passioni incontrollabili: farle convivere può diventare un'opera d'arte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.