Home / Bellezza / Effetti negativi dello stress: come prendersi cura di pelle e capelli
Effetti negativi dello stress: come prendersi cura di pelle e capelli

Effetti negativi dello stress: come prendersi cura di pelle e capelli

Lo stress non influenza negativamente solo l’umore o i livelli di energia, ma l’equilibrio dell’intero organismo, a partire dalla pelle, l’organo più esteso del corpo umano.

A causa dello stress e degli alti livelli di cortisolo, infatti, la cute è meno elastica, meno idratata, più soggetta a secchezza, irritazioni e rossori e si presenta con un colorito spento e opaco.

“Lo stress influenza i livelli di idratazione della pelle e incide anche sul rinnovamento cutaneo stimolando la produzione di sebo, intaccando le scorte di collagene e favorendo la comparsa di acne e imperfezioni”, spiega Valentina Abramo, Brand Partnership Manager di Abiby e Managing Director di Syster. “Per questo, in periodi di forte stress, è importante prestare molta attenzione alla propria skincare routine, prediligendo prodotti per pelli sensibili, meglio se delicati e naturali, e pensati per idratare in profondità”.

Ecco quindi, 5 passaggi da non dimenticare e i prodotti e gli ingredienti più adatti per prendersi cura di pelle e capelli nei momenti più difficili.

Pelle e capelli: i 5 step anti stress

  • Eseguire la pulizia con detergenti delicati

Una corretta beauty routine parte da una corretta pulizia.

La detersione è fondamentale non solo per eliminare sporco e batteri, soprattutto se si vive in città e si è esposti allo smog, ma anche per preparare la pelle agli step successivi.

In caso di periodi di forte stress è importante prediligere prodotti delicati, che non vadano a irritare la cute, meglio se arricchiti con vitamine, come la B3, che vanta proprietà depurative, seboregolatrici, idratanti e anti-age.

  • Applicare un tonico per ridurre le infiammazioni e contrastare il colorito spento

Secondo step, dopo la detersione, è l’applicazione di un tonico, che aiuta a ripristinare il film idrolipidico e il pH naturale della pelle rafforzando le difese naturali e prevenendo così la comparsa di squilibri cutanei.

Anche in questo caso i prodotti da prediligere hanno formulazioni delicate, nutrienti, idratanti e rivitalizzanti, meglio se a base di acidi della frutta, che aiutano a contrastare il colorito spento causato dallo stress.

  • Idratare in profondità con ingredienti naturali

A causa dello stress la pelle può risultare meno elastica e più secca ed è quindi fondamentale, dopo la detersione e il tonico, prendersene cura idratando in profondità con sieri, maschere e creme idratanti, meglio se nelle ore notturne, quando la cute è più ricettiva.

Tra gli ingredienti amici della pelle l’Olio di Jojoba e l’Olio di Argan, che illuminano e idratano, ma anche il Burro di Karitè e Cupuacu, che favoriscono la rigenerazione cellulare.

  • Prendersi cura del contorno occhi

Tra le prime aree del viso a risentire dello stress c’è il contorno occhi: una zona estremamente delicata dove la pelle è più sottile e presenta naturalmente una minore quantità di collagene.

Proprio per le sue caratteristiche, è meglio coccolarla con prodotti mirati, che vanno applicati dopo il siero (ma prima della maschera o della crema idratante) e picchiettando delicatamente con la punta delle dita per favorire non solo l’assorbimento del prodotto, ma anche la microcircolazione.

  • Non dimenticare i capelli

Così come la pelle, anche i capelli risentono dello stress, che da una parte può intaccare l’equilibrio del cuoio capelluto, portando alla comparsa di forfora e prurito, e dall’altra può ridurre l’assunzione delle sostanze nutritive, alterando così il ciclo vitale dei capelli e favorendone la caduta.

L’ideale, in questo caso, è optare per prodotti delicati e indicati per capelli secchi o danneggiati, così da nutrire in profondità dalle radici alle punte, ma senza causare irritazioni.

 

 

 

Immagine copertina di Andrea Piacquadio https://www.pexels.com/it-it/foto/foto-di-riflessione-della-donna-che-tocca-la-sua-guancia-3785806/

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »