acido ialuronico viso

Filler: ecco 5 trattamenti con acido ialuronico

Molti di noi desiderano vedere il proprio corpo sempre giovane e avere un viso privo di rughe: tutto ciò è possibile grazie al filler.

Il filler è una sostanza che viene iniettata nella pelle per correggere gli inestetismi del viso, e in particolare per riempire le depressioni del volto dovute al processo di aging (invecchiamento) o ad un importante dimagrimento con perdita di volume del viso. Si usano inoltre per correggere e/o  aumentare il volume di zigomi, mento, labbra.

La Dott.ssa Elena Guarneri, medico chirurgo specializzato nel trattamento con filler, ci mostra 5 trattamenti di medicina estetica con acido ialuronico.

Filler con acido ialuronico

L’acido ialuronico è una molecola che è presente naturalmente nel nostro corpo e viene prodotta dai fibroblasti, cellule che hanno l’obiettivo di idratare i tessuti, dando loro turgore e plasticità.

“Con il passare del tempo la quantità di acido ialuronico presente nell’organismo tende a diminuire: da qui l’invecchiamento della pelle. Essendo naturalmente presente in tutti gli organismi viventi presenta una totale biocompatibilità“, spiega l’esperta.

Quello che si utilizza in medicina estetica è un gel sterile, viscoelastico, incolore e trasparente composto da molecole incrociate di ialuronato.

Trattamento

Generalmente non è necessaria l’anestesia locale, ma talvolta può essere utilizzata una pomata anestetica soprattutto per il trattamento di zone più fastidiose.

Nelle prime 24-48 ore dopo il trattamento a base di acido ialuronico può apparire un lieve rossore e la zona trattata potrebbe risultare leggermente più gonfia rispetto al risultato finale.

L’acido ialuronico non è permanente, ma viene progressivamente metabolizzato e quindi riassorbito dall’organismo con tempi variabili.

“L’effetto è immediato ed è possibile – continua Guarneri – ripetere il trattamento periodicamente“.

Sollevamento del sopracciglio con acido ialuronico

infiltrazioni acido ialuronicoLe sopracciglia sono un elemento molto importante del volto, infatti, se sono della forma e nella posizione più adatta al viso, donano profondità a occhi e sguardo.

Per ottenere la classica forma ad ‘ala di gabbiano’ (molto arcuate) si può ricorrere a tecniche più impegnative come iniezioni di botulino o impianto di fili di sospensione.

Chi non ama queste due soluzioni può optare per l’acido ialuronico. 

Questa sostanza iniettata nei punti giusti (al centro) riesce a sollevare strategicamente il sopracciglio e pertanto a migliorare lo sguardo nel suo insieme.

Correzione della piramide nasale

Ci sono persone che non apprezzano il proprio naso e vorrebbero modificarlo, ma che non vogliono ricorrere alla tecnica chirurgica.

Specialmente per correggere piccole gobbe o gibbi del dorso e per modellare la punta si può optare per iniezioni di acido ialuronico.

Utilizzando, infatti, un particolare ago piegato a 45°, si possono sia allineare i gibbi di modesta entità (creando nuovi volumi che minimizzino il difetto) sia riconformare punte non perfette.

Correzione del ‘codice a barre’

acido ialuronico labbraNella zona della cute sovrastante le labbra può apparire un difetto estetico conosciuto come ‘codice a barre’.

In pratica, si formano piccole rughe verticali, che invecchiano la zona. Le più soggette al problema sono le forti fumatrici.

Fino a poco tempo fa non esistevano soluzioni particolarmente indicate per questa zona.

“Oggi, invece, si può intervenire in maniera soddisfacente ricreando un vero e proprio ‘pavimento’ nella regione con le iniezioni di acido ialuronico, che cancellano i segni e idratano la zona“, aggiunge Guarneri.

L’acido ialuronico può anche essere abbinato a piccole quantità di codeina, che evita dolori e sanguinamento in un’area che comunque è molto sensibile.

Ringiovanimento genitale

Dopo i 40 anni e soprattutto in menopausa, le donne possono notare una riduzione del trofismo di grandi e piccole labbra e del monte di Venere.

“Il difetto è accentuato dalla moda di oggi, che impone depilazioni integrali o quasi”, commenta Guarneri.

Per rimediare al problema, si possono eseguire delle iniezioni di acido ialuronico, che rimodellano la zona e le donano nuovo turgore.

Rassodamento dell’area addominale con acido ialuronico

L’acido ialuronico, in associazione con la tossina botulinica opportunamente diluita può essere anche iniettato nell’addome un po’ flaccido.

Questa combinazione di sostanze, infatti, aiuta a rendere più soda e rimodellata la zona.

Il trattamento con acido ialuronico può essere associato anche al PRP (un trattamento di rigenerazione cellulare che sfrutta le proprietà del sangue di ricostruzione delle cellule).

 

 

 

Coeprtina Foto di Andrea Piacquadio: https://www.pexels.com/it-it/foto/foto-di-riflessione-di-donna-sorridente-3785803/

Immagini di Elena Guarneri

 

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »