intuito significato

Possiamo fidarci del nostro intuito?

Vi è mai capitato, in una data circostanza, di essere guidati dal vostro intuito?

Valeria Antonelli

Una relazione che si è rivelata essere tossica, un lavoro che non poteva donare benessere e felicità, un vicolo in una città che, per qualche strano motivo, chiedeva quasi di essere attraversato.

Sono solo alcuni esempi delle molteplici situazioni in cui il nostro intuito, che potremmo definire come una sorta di ‘voce interiore’, ha provato a comunicarci qualcosa di importante.

Dobbiamo ascoltarlo? Ha sempre ragione? Possiamo allenarlo? E, soprattutto, siamo in grado di riconoscerlo?

Ne abbiamo parlato con Valeria Antonelli, Curandera dell’Anima e Coach Eco-somatico.

Spesso ci sentiamo dire che è importante seguire l’intuito, ma che cos’è davvero l’intuito?

L’intuito è quella capacità innata di comprendere qualcosa con immediatezza senza un ragionamento logico.

È quel sapere che non sai ma sai che arriva dal profondo.

È un sentire che risuona con il nostro cuore e la nostra anima con cui entriamo in contatto quando siamo in ascolto di noi stessi, in ascolto di quella parte di noi che ci guida nel compiere azioni ispirate da un sentire profondo e a fare scelte il più possibile autentiche.

L’educazione che riceviamo raramente ci insegna a dare ascolto all’intuito. Anzi, più di frequente siamo invitati a essere il più possibile razionali.

Come se l’intuizione non avesse alcun valore quando, invece, è un dono sacro. Ciascuno di noi è dotato di intuito.

E anche se spesso si è convinti del contrario, la sua voce è sempre lì. È sempre presente.

Se non riusciamo a sentirla è perché ci siamo chiusi a quell’ascolto, per affidarci sempre solo alla mente razionale.

Eppure, è proprio la connessione alla nostra intuizione, a quel sentire più profondo a far sì che, di fronte alle scelte, ci risulti più chiara la direzione da seguire.

Perché quando la mente logica è bloccata in uno schema di pensiero fisso da cui non riesce a liberarsi, ritornare a quell’ascolto ci mostra altre possibilità.

I suoi messaggi arrivano improvvisamente o su nostra richiesta?

Seguire l’intuito nella pratica significa prendere decisioni e agire in allineamento con le sensazioni che proviamo, senza seguire un ragionamento logico.

E il corpo è una risorsa incredibile a nostra disposizione attraverso cui poterlo fare: basta prestare attenzione alle sensazioni fisiche e alle emozioni che emergono quando ci troviamo in determinate situazioni o di fronte a una scelta.

I messaggi dell’intuito possono arrivare improvvisamente, senza preavviso, quando meno ce lo aspettiamo. Ma possiamo anche sollecitare consapevolmente il nostro intuito ponendo domande specifiche che richiedano una risposta sì o no e stare in ascolto di ciò che emerge nel corpo.

Per esempio, potremmo chiedere: “È opportuno per me accettare quella proposta? Mi posso fidare di quella persona? Questa cosa è vantaggiosa per me?”.

Inoltre, possiamo fare domande più articolate e rimanere aperti a ricevere risposte che potrebbero non manifestarsi immediatamente, restando nella fiducia che la risposta arriverà al momento giusto.

Per esempio, potremmo chiedere: “Cosa posso fare per risolvere questa situazione? Cosa è importante conoscere in questa situazione?”.

Una volta ricevuta la risposta, stare in ascolto dei segnali che riceviamo dal corpo ci permette di sentire se quella risposta è effettivamente una risposta che arriva dall’intuito oppure da una delle altre voci.

Perché è importante fidarci del nostro intuito?

Perché l’intuito è la voce della nostra Anima. Ci mette in contatto con la nostra saggezza interiore, con le nostre verità, quelle più profonde. Ci offre ispirazioni e un punto di vista differente. Ci permette di guardare le cose con nuovi occhi, perché agisce fuori dagli schemi del pensiero razionale.

intuito femminileAffidarsi all’intuito è un modo molto potente per uscire dai soliti ragionamenti che ci fanno girare in loop. Perché la realtà che vediamo attraverso le lenti della nostra mente razionale non è l’unica possibile.

È l’unica che abbiamo imparato a conoscere attraverso la logica. E la prospettiva che ci mostra è sempre la stessa, poiché è legata alle nostre convinzioni, a ciò che crediamo vero, a ciò che ci è stato insegnato e/o mostrato, al si fa così, a ciò che consideriamo possibile, alle nostre certezze.

Quando si ha una mente razionale molto forte, come l’avevo io, è molto difficile ascoltare l’intuito.

Ma stare troppo nella testa ci fa perdere di vista il quadro più ampio, ci chiude dentro confini rigidi che impediscono di scorgere nuove direzioni e opportunità.

L’intuito, invece, ci aiuta a vederci più chiaro. È una sorta di bussola interiore che ci fa compiere le scelte più giuste per noi.

Blaise Pascal, famoso filosofo, affermava che “Il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce”.

L’intuito, infatti, si attiva proprio attraverso il centro energetico del cuore, per poi comunicare l’informazione al nostro cervello che recepisce ed elabora i segnali. L’intuito non è pensare ma sentire, rimanere in ascolto. Per poterlo percepire è necessario fargli spazio.

Ma l’intuito è infallibile? Va seguito sempre?

Personalmente credo nel potere dell’intuito e nella sua capacità di aprirci orizzonti infiniti di possibilità.

Per la mia esperienza personale, l’intuito è infallibile nel guidarci verso le scelte più allineate a noi e a ciò che rappresenta il nostro massimo bene in ogni momento, ma non è detto che quel massimo bene sia privo di sofferenza o difficoltà: alle volte c’è una prova da superare, una sfida da affrontare, una lezione da imparare.

In altri casi, invece, ci guida a compiere scelte che ci preservano, perché ci aiuta a fiutare il pericolo insito, per esempio, in una situazione, in un lavoro, in un ambiente, in un farmaco, in un viaggio, in un’occasione apparentemente imperdibile, in un investimento, in una persona, in una relazione.

A tale proposito, mi viene in mente la fiaba di Barbablù in cui la protagonista, non fidandosi del suo intuito che l’aveva messa in guardia, finisce nelle grinfie di Barbablù da cui rischia di essere fatta a pezzi.

Esiste una grande bellezza nel seguire le indicazioni dell’intuito. Se il nostro desiderio è quello di seguire il cammino che la nostra anima ha scelto e onorare la nostra missione, l’intuito ci mostra la strada.

Questo spesso significa fare delle scelte coraggiose che ci portano fuori dalla nostra area di sicurezza. La scelta di metterlo a tacere dunque è sempre personale.

Per mia esperienza, quando non si ha fiducia in se stessi facilmente non si dà ascolto al proprio intuito. Allo stesso modo, quando è la paura a parlare anziché l’amore.

In quale lingua ci parla? Come possiamo distinguerlo dalle altre voci interiori che percepiamo: idee autosabotanti, credenze, paure?

L’intuito si manifesta attraverso il corpo e i sensi fisici, rendendolo accessibile a tutti.

Possiamo percepirlo ascoltando le sensazioni che il corpo ci trasmette all’improvviso in determinate situazioni.

Per esempio, potremmo avvertire pelle d’oca, occhi che si strizzano in un sorriso, ‘friccicore’ sulla testa, calore al tronco o brividi lungo la schiena.

Oppure, peso allo stomaco, oppressione al petto, nodo in gola, respiro tagliato, tensione muscolare.

Le sensazioni per noi piacevoli sono quelle che ci danno il via libera. Ognuno ha le sue.

L’intuizione può arrivare come un insight improvviso, una soluzione intuitiva a un problema che appare quando meno ce l’aspettiamo e, in genere, è sempre accompagnata da sensazioni fisiche piacevoli.

La paura spesso si manifesta attraverso sensazioni fisiche spiacevoli ed è accompagnata da ansia, agitazione o una sensazione di pericolo imminente. Mentre l’intuito porta con sé un senso di pace interiore e di allineamento con la situazione.

Il giudice interiore tende a emettere giudizi, critiche, basati sulla mancanza, sulla sfiducia, sul non essere all’altezza, mentre l’intuito si manifesta con una sensazione di calma, fiducia, chiarezza.

Le idee autosabotanti e le credenze limitanti tendono a ostacolare il nostro progresso, mentre l’intuito ci guida verso azioni ispirate.

La pratica della consapevolezza e dell’auto-osservazione ci aiuta a discernere tra queste voci interiori, imparando a riconoscere i segnali distintivi dell’intuito e a ignorare le voci che ci limitano o ci condizionano negativamente.

L’intuito si allena? Come?

Sì, l’intuito può essere allenato. Ecco tre pratiche con cui iniziare a sperimentare.

  • Carte di ispirazione

Le carte di ispirazione sono uno strumento potente e molto utile per allenare l’intuito e ricevere consigli e azioni ispirate da portare nella propria quotidianità.

Le carte hanno il potere di mostraci proprio ciò che ci serve. In commercio esistono molti mazzi disponibili tra cui scegliere. È importante acquistare un mazzo che ci piace e che risuona con noi.

Per iniziare ad allenare l’intuito con questo strumento, la cosa più semplice è pescare una carta (anche ogni giorno) senza porre alcuna domanda, ma lasciando che l’intuito ci parli attraverso le immagini. L’intuito, come dicevo, vive prima di tutto nel corpo; quindi, partiamo dalle nostre sensazioni fisiche per riconoscerlo.

Dopo aver pescato la carta, osserviamola con attenzione facendo caso alle sensazioni e alle emozioni che ci suscita.

Osserviamo quale dettaglio cattura la nostra attenzione e ascoltiamo i messaggi che questo particolare manda al nostro intuito.

Poi chiediamoci: “Quale consiglio posso trarre dalla carta, oggi?”. Lasciamo fluire liberamente le suggestioni che il nostro intuito ci propone e annotiamole.

  • Visualizzazione guidata

La visualizzazione guidata è una pratica molto potente per connetterci consapevolmente con la nostra guida interiore e ricevere le risposte.

Essenzialmente, si tratta di un’esperienza immaginativa in cui si ‘vede mentalmente’ attraverso l’uso delle immagini e dell’immaginazione.

Durante una pratica di visualizzazione guidata, siamo guidati da una voce esterna attraverso un racconto immaginale che sollecita l’emergere di immagini e simboli all’interno di noi stessi.

Questi simboli e immagini che affiorano sono manifestazioni dell’intuito e permettono di ‘sentire’ con maggior chiarezza ciò verso cui è necessario indirizzarsi per realizzare ciò che profondamente desideriamo.

Sul web si possono trovare numerose risorse gratuite che offrono esercizi audio guidati, permettendo così a chiunque di iniziare a praticare e sperimentare i benefici della visualizzazione guidata.

  • Esplorazione sensoriale in natura

intuito sesto senso frasiL’esplorazione sensoriale in natura rappresenta un’opportunità preziosa per connettersi in modo profondo con l’ambiente circostante e risvegliare il proprio intuito.

Attraverso l’uso consapevole dei sensi (tatto, vista, udito, olfatto e gusto) possiamo immergerci completamente nell’esperienza sensoriale della natura e lasciarci guidare dalle sensazioni e dalle percezioni che emergono.

Questa pratica favorisce una connessione più profonda con la saggezza della natura fuori e dentro di noi, a patto di essere disposti a rallentare, a camminare a sensi sgranati e in ascolto di ciò che è intorno.

Annusando l’aria, ascoltando i suoni della natura, il fruscio dell’erba, il calore del sole sul viso, il profumo dei fiori e della resina dei pini, l’odore della terra bagnata dopo la pioggia, il mormorio di un ruscello, le sfumature di verde delle foglie degli alberi, i riflessi dell’acqua.

Questa pratica ci aiuta a connetterci profondamente con la natura e a diventare più ricettivi ai segnali intuitivi che possono manifestarsi attraverso le nostre percezioni sensoriali.

Ci aiuta, inoltre, a liberarci dalle distrazioni mentali e a entrare in uno stato di calma e apertura che favorisce l’emergere dell’intuito.

 

 

Copertina Foto di Andrea Piacquadio: https://www.pexels.com/it-it/foto/foto-di-donna-che-guarda-allo-specchio-774866/

Foto di Kelvin Valerio: https://www.pexels.com/it-it/foto/uomo-che-indossa-cappello-nero-con-gli-occhi-chiusi-sotto-il-cielo-nuvoloso-810775/

Foto di Daniel Torobekov: https://www.pexels.com/it-it/foto/donna-irriconoscibile-meditando-sull-erba-negli-altopiani-in-giornata-di-sole-5694121/

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »