Home / Salute / Profilassi Meningite: è boom di richieste . Ecco quanto costa il vaccino
Profilassi Meningite: è boom di richieste . Ecco quanto costa il vaccino

Profilassi Meningite: è boom di richieste . Ecco quanto costa il vaccino

Le vaccinazioni contro la meningite in Italia hanno visto un incremento del +77% nel 2016 (da gennaio a ottobre rispetto allo stesso periodo del 2015). Fonte QuintilesIMS Italia.

Le vaccinazioni sono erogate attraverso le ASL e la distribuzione ospedaliera, ma anche attraverso il canale della farmacia che ha registrato una crescita record delle richieste di acquisto.

Profilassi meningite. Il Vaccino si compra anche in farmacia

In Italia sono state vendute in farmacia oltre 41.000 dosi nel periodo Gennaio-Ottobre 2016, 27.000 in più rispetto allo stesso periodo del 2015. Il picco si è registrato fra febbraio e marzo 2016 con la prima ondata di casi di meningite in Centro Italia. A novembre un ulteriore incremento record (+172%) di richieste in farmacia con 4.000 confezioni vendute. Numeri importanti considerando che si tratta di ricette quasi esclusivamente a carico dei pazienti.

Il vaccino meningococcico coniugato del gruppo A,C,W,Y costa 46,584 euro. Il vaccino meningococcico coniugato sierotipo C costa 20,074 euro. Il vaccino meningococcico coniugato sierotipo B csta 83,291 euro (sono necessarie due dosi).

In Lombardia le maggiori richieste per la profilassi meningite

La Lombardia registra l’aumento più significativo delle richieste ai farmacisti, + 300% di dosi acquistate (2.011 il numero di confezioni vendute nel 2015 a fronte delle 7.960 vendute nel 2016). A seguire in questa classifica della crescita sul territorio, il Lazio dove le richieste in farmacia sono cresciute del 108% arrivando alle 3.567 confezioni vendute tra gennaio e ottobre 2016.

Tra le regioni interessate da un aumento significativo dei consumi totali di vaccini, (farmacia e diretta ospedaliera), dopo la Toscana, prima nei consumi anche nel 2015, ci sono ancora le regioni del centro come Umbria (+110%) e Lazio (+82%). Un incremento si registra anche nel Nord Est: Veneto e Friuli Venezia Giulia, rispettivamente a + 97% e + 123%.

Al Sud la Sicilia raddoppia le dosi erogate arrivando a superare le 147.000 dosi utilizzate (+128%) seguita dalla Calabria con quasi 20.000 vaccini (+70%) e dalla Campania con più di 56.000 (+68%)

L’Emilia Romagna quadruplica, invece, la componente di acquisto in farmacia (+456% per un totale di sole 506 confezioni), ma il grosso della distribuzione avviene attraverso la diretta ospedaliera/ASL con crescite più contenute.

About Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.