Home / Alimentazione / Alimenti 10 e lode. Peperoncino piccante: morso bollente
Alimenti 10 e lode. Peperoncino piccante: morso bollente

Alimenti 10 e lode. Peperoncino piccante: morso bollente

Alimenti 10 e lode. Peperoncino piccante: morso bollenteIl peperoncino piccante, tanto caro ai popoli del Mediterraneo, proviene dal sudamerica e  fu Cristoforo Colombo a introdurla nel vecchio continente nel 1500 dopo la scoperta delle Americhe. Reperti archeologici rinvenuti in Messico e risalenti al 5500 a. C ci danno il primo periodo storico in cui collocare le prime apparizioni del peperoncino. Come per moltissime altre specie, anche per il peperoncino i primi usi sono di tipo terapeutico infatti veniva impiegato in antichità per aiutare la digestione, e superare le malattie invernali ed i reumatismi, veniva inoltre impiegato per conservare il cibo.

Peperoncino piccante, peperone e pepeAlimenti 10 e lode. Peperoncino piccante: morso bollente

Al suo arrivo in Europa, il peperoncino piccante non impiegò troppo tempo per essere utilizzato in cucina infatti, la somiglianza con il suo parente peperone abbreviò i tempi fisiologici legati alla diffidenza verso nuove specie provenienti da mondi lontani. Grazie al sapore di ‘fuoco’, il peperoncino venne da subito impiegato come spezia per insaporire le pietanze infatti, la pianta cresceva molto bene in Italia e se ne poteva ottenere una grande quantità a prezzi bassissimi, sostituì cosi spezie molto più costose come il pepe e la cannella, il nome peperoncino infatti sembrerebbe derivare proprio dal sapore molto simile a quello del pepe.

Esistono moltissime specie di colori e forme diverse sulle quali poter fare la classificazione ma, l’ìndice su cui puntare per la realizzazione della classifica è sicuramente quello della piccantezza infatti, la capsaicina, una particolare sostanza contenuta nel peperoncino responsabile del sapore piccante, varia per quantità da specie a specie e sulla quale è stato possibile realizzare una vera e propria scala detta appunto scala di Scoville.

10 buoni motivi per consumare peperoncino piccanteAlimenti 10 e lode. Peperoncino piccante: morso bollente

1 Aiuta nel dimagrimento. Il sapore piccante inibisce il senso di fame, la capsaicina stimola la digestione e la produzione di succhi gastrici favorendo la digestione.

2 Ricco di antiossidanti, vitamine (A,B,C,D, e vitamina E), zinco, rame, magnesio e potassio ed ancora in significativa presenza il calco ed il ferro. L’insieme di tutti questi elementi, protegge l’organismo dalla formazione dei radicali liberi e da malattie degenerative.

3 La capsaicina aiuta a tenere bassi i livelli di glucosio nel sangue, il peperoncino è dunque un ottimo alleato contro il diabete.

4 Aiuta a migliorare la circolazione sanguigna perché vasodilatatore naturale, mantiene inoltre in salute i vasi sanguigni rendendoli elastici

5 Riduce il colesterolo LDL

6 E’ un ottimo rimedio per le congestioni nasali e tutte le problematiche respiratorie legate ai malanni stagionali, è sufficiente anche solo respirane l’odore.

7 E’ sicuramente un antidepressivo, ne è la prova l’allegria che fa scaturire durante una bella cena in compagnia, questo è provato scientificamente, responsabili sono le endorfine rilasciate dal nostro organismo quando assumiamo la capsaicina.

8 Disintossicante e depurativo, il piccante infatti favorisce la sudorazione provvedendo di fatto in questo modo all’eliminazione delle tossine.Alimenti 10 e lode. Peperoncino piccante: morso bollente

9 E’ un antibatterico naturale, per questo viene impiegato come conservante nelle carni, nei formaggi ed in molti altri alimenti, sull’uomo svolge un ruolo di protezione contro le malattie infettive.

10 Pur essendo piccante, il peperoncino è un antidolorifico. Anche se appena consumato o applicato sulla pelle da sensazione di bruciore, con il passare dei minuti il bruciore diminuisce e l’effetto analgesico si manifesta. Molte creme, unguenti e pomate analgesiche sono a base di peperoncino.

Tabella nutrizionale del peperoncino

INFORMAZIONI NUTRIZIONALI PER 100 g
Valore energetico 26 kcal
Proteine 1.80 g
Carboidrati 3.80 g
di cui zuccheri 1.50 g
Grassi 0.20 g
Di cui saturi 0
Di cui monoinsaturi 0 g
Di cui poli-insaturi 0.2 g
Fibre 1,5 g
Sodio 7 mg

Peperoncino piccante: vietato ai deboli di stomacoPeperoncino piccante: vietato ai deboli di stomaco Visto il bruciore causato dalla cpsaicina, il peperoncino è un alimento da evitare per tutti quei soggetti affetti da patologie dell’apparto digerente, ulcere, gastriti, cistiti, emorroidi e afte e tutte le infiammazioni del mcavo orale. Naturalmente vietato a tutti i soggetti allergici I bambini e le donne in gravidanza dovrebbero consumarlo con moderazione.

  • Visto il bruciore causato dalla capsaicina, il peperoncino è un alimento da evitare da tutti quei soggetti affetti da patologie dell’apparto digerente, ulcere, gastriti, cistiti, emorroidi e afte e tutte le infiammazioni del cavo orale.
  • Naturalmente vietato a tutti i soggetti allergic.
  • I bambini e le donne in gravidanza dovrebbero consumarlo con moderazione.
 

About Daniele Sciotti

Daniele Sciotti
Daniele Sciotti, Esperto di alimentazione Classe 1979 origini contadine e un amore incondizionato per la dieta mediterranea! Inizia lo studio della scienza dell’alimentazione dopo aver sofferto in prima persona e in famiglia di obesità! Attualmente laureando in scienze dell’alimentazione e gastronomia presso l’Università san Raffaele di Roma. Dal 2016 è iscritto all'Enesag (ente nazionale esperti in alimentazione e gastronomia). Altre passioni? Sicuramente la musica che studia da quando aveva 11 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.