Home / Salute / Eutanasia, bisogna aiutare ad usufruirne?
Eutanasia, bisogna aiutare ad usufruirne?

Eutanasia, bisogna aiutare ad usufruirne?

Marco Cappato, radicale, si è auto-denunciato per aver aiutato una donna a ottenere l’eutanasia, proposito annunciato alle Forze dell’ordine.

La donna in questione è Dominique Velati, militante radicale e malata terminale, che si è sottoposta di sua volontà a suicidio assistito a Berna, in Svizzera: la data della morte è stata il 15 dicembre.

Cappato ha annunciato la disobbedienza civile, posto quanto prevede, in Italia, il Codice penale.

I Radicali hanno fatto da cassa di risonanza a questa scelta: al fine di attrarre sulla tematica l’attenzione del Parlamento, pagheranno il viaggio dei malati terminali che intendono raggiungere la Svizzera per sottoporsi a eutanasia.

Eutanasia, un’associazione

E’ stata costituita l’associazione ‘Sos eutanasia’, dotata di un conto presso una sede bancaria: in tal modo saranno raccolti pubblicamente i fondi. Ma quali sono i dettami del Codice penale italiano? La reclusione fino a 12 anni è prevista per chi agevola l’esecuzione di un suicidio in “qualsiasi modo”.

Eutanasia, voce ai protagonisti

Nel corso di una conferenza stampa, la notizia della morte di Dominique Velati è stata diffusa nella sede del Partito radicale: oltre a Marco Cappato, c’erano Mina Welby e Filomena Gallo, segretario dell’associazione “Luca Coscioni”.

Eutanasia, il caso

Dominique Velati è stata la prima persona proveniente da territorio italiano, che sia stata aiutata economicamente e seguita mentre seguiva l’iter per accedere all’eutanasia in territorio svizzero.

I mezzi di comunicazione si erano già occupati di questo caso: Dominique aveva annunciato di voler morire e di volersi recare in Svizzera. Queste le parole di Cappato in proposito: “ha ottenuto il suicidio assistito a Berna lo scorso 15 dicembre, ed oggi ne diamo notizia seguendo le volontà da lei indicate in merito ai tempi per rendere pubblico l’evento. Sono circa 90 le richieste ricevute nelle ultime settimane, da parte di cittadini malati terminali che chiedono un aiuto per ottenere l’eutanasia in Svizzera”. Una comunicazione in tal senso da parte dei Radicali ha già raggiunto la Questura di Roma, la Procura generale della Repubblica e il ministro della Giustizia.

Che cos’è l’eutanasia

L’eutanasia, dolce morte, è la scelta estrema per i malati terminali. Se si dissente per i propri cari, si dissentirebbe allo stesso modo per se stessi? Sottolineiamo il fatto che la libertà impone che si possa dissentire. E’ giusto proibire chi agevola l’esecuzione di un suicidio, in qualsiasi modo sia determinato, oppure bisogna distinguere alcune specificazioni del concetto, imprescindibili? La parola ai lettori.

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »