carboidrati

Carboidrati: attenzione ai tempi di assunzione, non alla quantità

Non si tratta del digiuno intermittente, ma piuttosto di uno stop dei carboidrati a base di amido, quelli più temuti per chi è a dieta. È come fare un pieno di energia senza pensare alle quantità di carboidrati, e senza smettere di mangiare per il resto della giornata.

È questa una delle regole del Metodo Bianchini che sta riscuotendo notevole successo.

“Esiste un meccanismo biochimico che limita il tempo di assunzione dei carboidrati amidacei, per intenderci quelli della pasta, del riso del pane e della pizza. Il tempo migliore per la migliore assunzione corrisponde al mattino, tra le 7 e le 8.30 e la spiegazione viene dalla produzione di cortisolo da parte del nostro fisico – interviene Paolo Bianchini, consulente nutrizionale e nutraceutico di Salò, e autore del metodo omonimo – che ha come picco questa fase della giornata. Lo scopo è quello di fornire al corpo l’energia di cui ha bisogno per affrontare la giornata. In questo modo è possibile elaborare a livello biochimico l’amido e quindi il glucosio di cui la pasta è composta. Diversamente provocherebbe un disequilibrio insulinico e relativa conseguenza infiammatoria sulle cellule oltre che un aumento di massa grassa”.

Uno stop intelligente senza rinunciare a tutto il resto

carboidrati complessi“Il digiuno a intermittenza del mio Metodo  riguarda solo i carboidrati amidacei, a cui molti dei miei pazienti non potrebbero mai rinunciare. Così facendo possono mangiarne in quantità illimitate con l’unica restrizione legata alla fascia oraria. Le proteine e gli altri carboidrati come quelli delle verdure continuano a esserci nel regime alimentare del mio Metodo già molto apprezzato. Perché apprezzato? Non si usa la bilancia, non si contano le calorie, non si assumono farmaci, non si acquistano prodotti particolari e non serve fare attività fisica. Di contro, oltre al digiuno intermittente di quei carboidrati – prosegue Bianchini – per via dell’azione immuno-squilibrante di molte bevande, va evitato il latte, gli alcolici, le bibite, i succhi, le spremute, il caffè d’orzo e il ginseng. Un divieto che vale anche per i composti aggiunti quali zucchero e aceto. Nessuna restrizione sui condimenti e sulla scelta della cottura e c’è solo una preferenza per alcune proteine, insaccati e frutta fresca”.

Qual è il meccanismo biochimico dei carboidrati?

“Non appena mangiamo carboidrati amidacei, vengono convertiti in glucosio che fa salire la glicemia e il pancreas è costretto a secerne l’insulina. Il pancreas non riesce a elaborare la quantità di zucchero e le molecole di glucosio e di insulina rimangono in circolo favorendo l’aumento del grasso addominale. Di conseguenza  – continua Bianchini – le calorie per dare energia al corpo vengono meno quindi inizia a mancare il carburante. Il risultato è che nonostante i carboidrati vengano ingeriti, si depositano nel grasso corporeo ma non nutrono, per cui si è sempre più stanchi e affamati. Nel tempo si genera l’insulino-resistenza, cioè le cellule non captano più l’ormone e la glicemia continua a crescere. Questa è una delle principali cause del diabete tipo 2.  Per questo motivo la quantità che può esser consumata è illimitata fino a senso di sazietà. Se l’alimento è biochimicamente favorevole non influisce la quantità assunta”.

Pasta: lunga o corta? Di grano duro, integrale o all’uovo?

“Importante sceglierla tra le varie tipologie a disposizione. Da preferire, rispetto a quella di grano duro, quella all’uovo. La pasta integrale la sconsiglio perché le fibre bloccano l’assorbimento di vitamine liposolubili (A, D, E e K2), e del colesterolo. Il mio Metodo predilige la pasta lunga, visto che gli spaghetti hanno un indice glicemico basso (40), che è decisamente inferiore a quello della pasta corta, ravioli o lasagne. Questo perché – precisa Bianchini – il processo di pastificazione che prevede l’estrusione della pasta, determina la formazione di una pellicola protettiva, che contribuisce a rallentare la gelatinizzazione degli amidi durante la cottura e quindi la loro digestione. Mi raccomando la cottura che deve essere al dente -max 5 minuti per gli spaghetti-perché così ha un basso indice glicemico visto che l’amico può essere assimilato in maniera graduale”.

Pasta o riso con…?

quali sono i carboidrati“Per condire la pasta o il riso, suggerisco l’abbinamento semplice e gustoso del burro che rallenta l’assorbimento degli zuccheri, come anche quello con aglio, olio e peperoncino oppure con il semplice tonno. Ottimo anche la pasta alla carbonara – spiega Bianchini – perché ha anche le proteine e in questo modo si assumono i 3 nutrienti essenziali e il bilanciamento ormonale risulta perfetto“.

E per quanto riguarda la pizza?

“Suggerisco di mangiare la pizza con una proteina (es. tonno, prosciutto, wurstel, salame, etc) – aggiunge Bianchini – ma senza pomodoro che è uno zucchero. Va benissimo anche la mozzarella, verdure e ovviamente l’olio di oliva e spezie”.

Pane alla soia, ai semi, integrale o proteico?

“La tipologia di pane è pressoché indifferente, eccezion fatta per quelli da evitare come quello alla soia per l’effetto dei fitoestrogeni e quello integrale. Il pane alla soia invece, molto in voga negli ultimi anni, viene considerato fonte di preziosi minerali, ma pochi sanno che i semi sono in realtà tossici per animali e uomo. Non c’è nulla di male nel mangiare una manciata di semi per fare dolci o pani, ma l’eccesso è assolutamente deleterio per la salute e per il girovita. Ottimo invece il pane proteico – prosegue Bianchini – e per chi ha del tempo da dedicare in cucina, esistono valide ricette. Anche io ne propongo una versione tra le numerose ricette Metodo Bianchini, dove all’impasto di farina si aggiunge dell’albume d’uovo“.

Cosa mettere in un panino?

“Cosa mettiamo nel panino? Da privilegiare è sicuramente il prosciutto crudo, il solo composto da carne e sale. Per quanto riguarda gli altri insaccati, il mio Metodo non ne limita il consumo o la scelta, con una semplice considerazione biochimica. Poiché i nitrati contenuti (utili come conservanti e coloranti) possono essere convertiti in nitriti – conclude Bianchini- questa conversione può avere effetti positivi sulla salute generale, grazie all’azione dell’ ossido nitrico generato, che è fondamentale per la salute cardiovascolare e per il corretto funzionamento degli organi. È importante mantenere un equilibrio nella dieta, privilegiando fonti di nitrati come le verdure (circa l’80%), che offrono una serie di altri benefici per la salute”

 

 

Copertina: Foto di Mariana Kurnyk: https://www.pexels.com/it-it/foto/pane-a-fette-sulla-superficie-bianca-1775043/

Foto di JÉSHOOTS: https://www.pexels.com/it-it/foto/ciotola-di-penne-pasta-226004/

Foto di Trista Chen: https://www.pexels.com/it-it/foto/riso-cotto-sul-piatto-in-ceramica-nera-723198/

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »