Home / Benessere / Eternamente indecisi? Un esercizio ci può aiutare a fare chiarezza
Eternamente indecisi? Un esercizio ci può aiutare a fare chiarezza

Eternamente indecisi? Un esercizio ci può aiutare a fare chiarezza

Vi capita spesso di sentirvi indecisi e rimanere immobili di fronte alle scelte della vita?

Sentite il desiderio di cambiare ma non trovate la spinta per farlo?

La mancanza di autostima è  tra le prime cause dell’indecisione.
È in grado di impattare non solo a livello emotivo e mentale, ma può anche pesare sul piano fisico.
Lo stress provocato dall’impossibilità di prendere una decisione, infatti, genera sintomi somatici che possono palesarsi su vari organi e parti fisiche.
Come fare per comprendere meglio cosa sta succedendo e in che modo affrontarlo?

Capendo l’emozione che questo disagio scaturisce e affidandosi a una figura preparata.

Esperti di coaching e meditazione possono fare al caso nostro.

Nel frattempo ecco un esercizio pratico che mira ad aumentare la sicurezza, l’autostima e la capacità di assumersi le proprie responsabilità decisionali.

Una semplice attività per affrontare l’indecisione, il critico interiore e i giudici esteriori.

Indecisi: ecco l’esercizio giusto

Occorrono solo dieci minuti della tua giornata.

Trova un momento per te, siediti e annota le decisioni che ti stai preparando ad affrontare.

Accogli i pensieri, senza giudicarli.

Siano essi gentili oppure dubbiosi e contraddittori.

Cosa ti sembra non vada bene di te e cosa ti sembra non essere capace di fare?

Scrivilo, insieme agli scenari più catastrofici che si potrebbero realizzare prendendo una piuttosto che un’altra decisione.

Sii il più sincero possibile evitando di forzare la decisione del pensiero.
 Ripeti questo esercizio, giorno dopo giorno.

Noterai come il dialogo interiore porterà alla luce pensieri più chiari e meno negativi. Questi ultimi saranno più deboli e meno invadenti.

E l’impatto emotivo che quei pensieri avevano su di noi si alleggerirà via via, rendendoci meno indecisi.

Vederli nero su bianco ti farà capire che razionalmente hanno poca intensità.

Ti consiglio di integrare con una lista di affermazioni positive, perché la mente ha bisogno di essere rieducata, abituandosi a pensieri e parole che alimentino il buono.

Come funziona l’esercizio

L’obiettivo è quello di affrontare i pensieri e le parole prodotti dalla nostra mente (prima ancora di quelli che arrivano dall’esterno) per due motivi:

  • Scacciare i pensieri scatena una lotta interiore destinata a provocare malessere e scompensi
  • Accogliere ogni parte di sé per conoscersi meglio e relazionarsi in maniera matura e consapevole con l’altro

A questo proposito il Thetahealing è una tecnica energetica molto profonda e potente che lavora su queste dinamiche, permettendo di cambiare il proprio modo di pensare (e di conseguenza agire) usandolo per migliorare la propria autostima, sentendosi a proprio agio con sé stessi e gli altri.

Contattami per saperne di più

Scrivimi qui oppure, se preferisci, QUI

 

 

 

About Valentina Pitozzi

Valentina Pitozzi, giornalista e divulgatrice olistica Laureata in Scienze Antropologiche ed Etnologiche, collabora con agenzie di comunicazione, giornali e blog in qualità di giornalista e copywriter. Da sempre interessata ai temi del benessere e dell’equilibrio della persona ha intrapreso lo studio di diverse discipline olistiche tra cui il Thetahealing e il Dien Chan. Nulla di esoterico: queste tecniche si occupano di capire le disarmonie dell’organismo, lavorando sulla radice. Autrice di due libri in uscita, la sua frase è: “Le parole sono energia” e la sua mission è occuparsi di linguaggio consapevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »