Home / Benessere / Mese dello Shiatsu: arrivano i trattamenti gratuiti in 18 città
Mese dello Shiatsu: arrivano i trattamenti gratuiti in 18 città

Mese dello Shiatsu: arrivano i trattamenti gratuiti in 18 città

Mese dello Shiatsu: è prevista una serie di eventi a ingresso libero. Dal 15 settembre al 15 ottobre, in 18 città e centri specializzati sarà possibile provare gratuitamente i benefici dello Shiatsu: se ne occuperà la nota Accademia italiana Shiatsu Do. I partecipanti riceveranno trattamenti dalle mani esperte di operatori e insegnanti. Ma c’è di più. Essi potranno imparare le tecniche base in workshop dedicati e partecipare a lezioni aperte. Non mancheranno serate di pratica, per allievi dei percorsi professionali.

Mese dello Shiatsu: per saperne di più

600mila persone in Italia praticano abitualmente lo Shiatsu: per loro, esso costituisce una passione. Tra le discipline del benessere è il rimedio antistress adatto a tutti, adulti e bambini, anziani e adolescenti, nonché donne in gravidanza.

Questa pratica manuale (da shi significa dito e atsu pressione) è stata codificata in Giappone nel periodo tra le due guerre mondiali. Parliamo di un trattamento manipolatorio, non di un massaggio.

Il trattamento consiste nella pressione, applicata con le sfere dei pollici e delle dita e i palmi delle mani, in punti specifici sulla superficie del corpo. Fin dalle origini, è caratterizzato dalla staticità della pressione: essa agisce perpendicolarmente alla superficie del corpo, vestito in abiti leggeri (meglio se in Mese dello Shiatsu: arrivano i trattamenti gratuiti in 18 cittàmateriale naturale, come cotone, lana o lino). Nella disciplina non esistono sfregamenti, manipolazioni, utilizzo di oli. Essa valorizza le risorse vitali, stimola i processi di autoregolazione del corpo: genera dunque una miglior qualità della vita.

Le pressioni entrano in profondità senza scivolare sulla pelle e producono uno stimolo, al quale l’organismo della persona trattata “risponde”, recuperando e manifestando dal profondo le proprie risorse vitali.

Sylvia Dittadi, presidente dell’Accademia, si è espressa in questo modo: “Con l’iniziativa Mese dello Shiatsu Do vogliamo promuovere lo Shiatsu e la sua pratica, che in Accademia è il fulcro di un progetto formativo per il benessere della persona. Lo scopo è anche quello di coinvolgere sempre più persone nella pratica dei trattamenti e dei suoi benefici. Seguire e praticare lo Shiatsu Do porta ottimi risultati anche a chi lo fa, non soltanto a chi lo riceve”.

Mese dello Shiatsu: l’Accademia

L’Accademia italiana Shiatsu Do conta 20 sedi, 2000 associati e oltre 40 istruttori-professionisti. Si tratta della principale scuola di Shiatsu, in Italia come in Europa. È stata fondata nel 1985 da operatori e istruttori professionali e ha lo scopo di diffondere lo Shiatsu attraverso la formazione e la pratica, nel rispetto della tradizione giapponese. Viene proposto un percorso didattico, che accompagna l’allievo in modo molto graduale nell’apprendimento della disciplina.

Il metodo di insegnamento, collaudato in oltre 1000 corsi amatoriali e 700 corsi professionali, è basato sul “fare”, cioè sulla proposta concreta di acquisire abilità reali in un training di esperienze pratiche, incentrate sui Kata (forme di trattamento “ottimale”, codificate nella pratica collettiva di anni), che accompagnano l’allievo in tutte le fasi dell’apprendimento.

Mese dello Shiatsu: ecco le 18 città

Sono 18 le città che aderiranno al Mese dello Shiatsu Do. Ecco l’elenco: Milano, Brescia, Varese, Venezia, Treviso, Vicenza, Torino, Cuneo, Genova, Bologna, Rimini, Reggio Emilia, Parma, Correggio, Firenze, Roma, Cagliari e Lecce.

About Rita Tosi

Rita Tosi
Manager della comunicazione, che da circa 20 anni si occupa di di tecniche di relazioni e sviluppo strategico per aziende e privati che cercano visibilità. Dopo un necessario passaggio (e sosta) nelle principali agenzie di comunicazioni internazionali (Edelman, Gruppo Publicis e Hill&Knowlton) con ruoli apicali, continua a creare eventi e rafforzare il proprio know-how attraverso l'attività in proprio. Allena la sua capacità organizzativa, gestionale e di relazione anche in famiglia, con 1 marito, 3 figli, 1 cane, 4 tartarughe, 4 pesci rossi, 1 geco e un terrazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.