Home / Benessere / Taekwondo: Vito dell’Aquila è pronto a conquistare Tokyo
Taekwondo: Vito dell’Aquila è pronto a conquistare Tokyo

Taekwondo: Vito dell’Aquila è pronto a conquistare Tokyo

Determinazione, focus sull’obiettivo e concentrazione sono le prerogative che contraddistinguono il campione Vito dell’Aquila.

Il taekwondoka pugliese infatti, ha ben in mente quali sono i traguardi che vuole raggiungere. E per farlo si sta allenando duramente.

Il taekwondo per lui è una scuola di vita. Grazie a questo sport infatti è riuscito a sconfiggere la timidezza e ora è pronto per conquistare l’oro alle Olimpiadi di Tokyo.

Chi è Vito dell’Aquila

Classe 2000, nato a Mesagne, terra dei campioni di taekwondo, fa parte del centro sportivo dei Carabinieri.

1,79 cm d’altezza, combatte nei -58 kg.

Il titolo di Campione del Mondo, vinto nel 2014 nella categoria cadetti, lo ha lanciato già da giovanissimo nell’ambito internazionale.

Un successo dietro l’altro lo ha poi portato a essere la punta di diamante della nazionale italiana.

Infatti, ha conquistato il titolo europeo, l’oro al Grand Prix Final e ben quattro vittorie internazionali, chiudendo il 2019 con la tanto sognata qualificazione olimpica.

A Tokyo combatterà con l’unico obiettivo del gradino più alto del podio.

Oltre a essere un campione nello sport è anche uno studente modello.

Diplomato al liceo scientifico, concluse le Olimpiadi ha intenzione di iscriversi alla facoltà di Scienze della Comunicazione.

Vorrei fare il giornalista sportivo, mi piace scrivere e mi piacciono le materie letterarie.

Ma soprattutto vorrei far conoscere maggiormente il fantastico mondo del taekwondo anche alle nuove generazioni.

È uno sport che da piccolo mi ha aiutato molto e penso possa aiutare anche tanti altri ragazzi come me”, dice Vito dell’Aquila.

Anche supereroe

Vito Dell’Aquila è uno dei 12 migliori atleti di taekwondo al mondo scelti come ambassador per la nuova campagna nata dalla collaborazione tra la World Taekwondo e Hasbro.

Una partnership che riunisce gli eroi dei cartoni animati PJ Masks – Superpigiamini, e i grandi campioni della disciplina per coinvolgere i bambini di tutto il mondo.

I superpoteri? I valori che le arti marziali da sempre diffondono.

Vito dell’Aquila ha scelto il suo: l’integrità.

La campagna, lanciata il 1 dicembre 2020, punta a incoraggiare i bambini a prendere parte a questo sport.

I valori scelti sono 12, così come i campioni-ambassador: onore, disciplina, speranza, pace, coraggio, amicizia, rispetto, fiducia, armonia, libertà, equità e integrità.

Ogni giorno sui canali social della Wt è stato pubblicato un video in cui un campione spiega una tecnica o un movimento che ogni piccolo atleta può ricreare a casa.

Una serie di tutorial unici creati per aiutare i giovani fan del taekwondo e dei PJ Masks ad attivarsi, divertirsi e padroneggiare i propri superpoteri ispirati alla disciplina.

“Credo fortemente che il taekwondo sia uno sport pieno di valori, e sono molto felice di promuoverlo tra i bambini, il vero futuro di questo sport”, dice Vito dell’Aquila.

Il taekwondo per sconfiggere la timidezza

Il taekwondo per Vito dell’Aquila è stato una palestra di vita che l’ha aiutato a crescere, a valorizzarsi e a liberarsi della timidezza.

“Ho iniziato a praticare questo sport nel 2008, a 8 anni.

Ero molto timido e a mio padre piacevano molto le arti marziali, impazziva per Bruce Lee.

Inoltre, a Mesagne, dove abito c’è la palestra di Roberto Baglivo, una realtà molto importante nel taekwondo e quindi ho deciso di provare.

Pensavo che praticare arti marziali potesse aiutarmi a combattere la timidezza e infatti così è stato”, racconta Vito.

Inizialmente per il campione era un gioco, andava in palestra molto volentieri perché passava i pomeriggi con i coetanei invece di stare sempre a casa a studiare.

Poi con i primi risultati è diventata una passione.

Dopo aver vinto diverse gare, tra campionati italiani e mondiali, ha capito che poteva essere qualcosa di più.

É la mia vita, è uno sport che faccio con assoluta passione e ho la fortuna di poterlo considerare il mio lavoro.

Il taekwondo mi ha dato tutto, mi ha permesso di crescere come persone e acquistare consapevolezza in me stesso.

Inoltre è uno sport che insegna molti valori come il rispetto per gli altri e per se stessi, la disciplina e il fatto che devi lavorare sodo per ottenere un risultato”.

Tra allenamenti e dieta sana

Taekwondo: Vito dell’Aquila è pronto a conquistare TokyoIl campione si allena duramente tutti i giorni per raggiungere i suoi traguardi e segue una dieta equilibrata per rientrare nei parametri richiesti dalla sua categoria.

Mi alleno sempre due volte al giorno.

Di mattina di solito curo la preparazione atletica con vari tipi di lavoro come resistenza, forza, equilibrio e agilità.

Nel pomeriggio invece c’è la parte tecnica e tattica con il combattimento vero e proprio.

Sono fondamentali entrambi perché nel mio sport è importante trovare il giusto mix fra attacco e difesa e il giusto equilibrio tra istinto e ragione.

Inoltre, sono seguito da un nutrizionista che fa parte dello staff della nazionale e grazie a lui riesco a mantenere stabile il peso e a mantenermi in forma.

Perché un regime alimentare sano e una dieta equilibrata mi danno anche la giusta forza e la giusta energia per affrontare le gare”, dice Vito dell’Aquila.

Una parte essenziale del taekwondo? La concentrazione

Taekwondo: Vito dell’Aquila è pronto a conquistare TokyoLa concentrazione in questo sport è fondamentale, perché l’incontro dura 3 round da 2 minuti l’uno, con 1 minuto


di pausa.

Quindi in pochissimo tempo i campioni devono cercare di totalizzare più punti possibili per vincere.

Prima di salire sul quadrato la frase che mi ripeto spesso nella mia testa è “devo vincere!”.

Poi cerco sempre di pensare ai miei genitori che mi danno la giusta forza e la giusta carica e sono il motivo per il quale ho iniziato a praticare questo sport.

Inoltre, penso molto anche a tutti i sacrifici che ho fatto e a tutti gli obiettivi che ancora voglio raggiungere“, dice Vito dell’Aquila.

È così che il campione cerca di concentrarsi e trovare la giusta motivazione per vincere le gare.

Inoltre, è da poco seguito da uno psicologo dello sport, perché essendo molto determinato, questa determinazione gli causa un po’ di ansia.

Tenendoci davvero tanto a quello che faccio, spesso sono leggermente teso.

Soffro molto l’ansia prima di una gara e a volte mi complico la vita da solo vedendo problemi anche quando non ce ne sono.

Per questo sia i miei genitori che la figura dello psicologo mi stanno aiutando molto.

Anche perché penso che a certi livelli sportivi la mente conta tanto quanto le abilità.

Un po’ di ansia è normale, l’importante è riuscire a incanalarla nel verso giusto e averla in modo equilibrato riuscendo a gestire le emozioni”.

Verso le Olimpiadi di Tokyo

Le Olimpiadi si avvicinano e il taekwondoka è davvero emozionato e non vede l’ora di arrivare a Tokyo.

Soprattutto perché la terra del Sol Levante, è la patria delle arti marziali.

“Il taekwondo è nato in Corea, le arti marziali provengono tutte dall’Asia: ho sempre detto che quello è un posto che amo in generale.

Il pensiero di andare a Tokyo è una cosa che mi gasa: non solo parteciperò alle Olimpiadi, ma lo farò in uno dei miei posti preferiti.

Adoro il Giappone perché ha una cultura dell’equilibrio in cui mi rispecchio molto”.

Vito dell’Aquila è pronto a dare il meglio di sé.

Ci tengo davvero tanto a vincere la medaglia.

Sono molto entusiasta e felice, darò il 110% per ottenere il miglior risultato possibile.

Perché non ambisco solo a partecipare ma a vincere.

Ho lavorato anni per raggiungere questo obiettivo e l’ho sognato fin da quando ero piccolo

È la molla che mi ha spinto a migliorarmi sempre di più, a dover accantonare altri miei hobby per poter fare solo questo.

Quindi sono davvero molto motivato e mi auguro il meglio. Come auguro il meglio anche a tutti gli atleti italiani che parteciperanno alle Olimpiadi perché anche loro per raggiungere Tokyo e il loro sogno hanno lavorato veramente duro facendo sacrifici come li ho fatti io.

Auguro il meglio e auguro tantissime medaglie d’oro” conclude il campione di taekwondo.

 

 

 

About Emma Rota

Laureanda in Scienze della Comunicazione, da sempre curiosa e affamata di nuove esperienze. Viaggia ogni qual volta le sia possibile, legge, si documenta, osserva quanto la circonda arricchendo così il suo bagaglio personale di conoscenze. Grande appassionata di moda e di tutto ciò che riguarda il settore. Cresciuta in mezzo alla natura, è un’autentica amante degli animali, attenta e rispettosa nei confronti dell’ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »