sognare di tradire il partner

Cosa ci spinge a tradire? Esiste un elisir di lunga vita della coppia?

sognare di tradireEsistono persone più propense a tradire?

Inoltre, quali sono le circostanze che determinano un tradimento?

Numerose ricerche hanno tentato, nel tempo, di stimare la prevalenza del tradimento nella popolazione generale.

Tuttavia, i risultati sono eterogenei e compresi in un range decisamente ampio che oscilla tra l’1,5% e il 60% (Smith, 1991; Gordon et al., 2004) a seconda del campione di riferimento e della domanda sperimentale.

Alcuni di noi si sentono traditi nel momento in cui vengono a sapere che il partner ha avuto un rapporto sessuale con qualcun altro, per altri la vera questione riguarda la vicinanza emotiva.

Ma non è tutto. Sono più solide le coppie in cui entrambi i partner hanno avuto svariate esperienze sessuali, oppure non è un dato che influenza la longevità di una coppia?

Quanti partner sessuali sono necessari prima di avere una relazione stabile?

Incontri-ExtraConiugali.com, descritto dagli ideatori come il sito più sicuro dove cercare un’avventura in totale discrezione e anonimato, ha posto la domanda a mille uomini e mille donne iscritti al portale: il 63% degli uomini ed il 58% delle donne hanno risposto “dai 10 ai 14 amanti“.

Il risultato è molto simile a quello osservato in uno studio condotto dal professor Nicholas H. Wolfinge dell’Università dello Utah, negli Stati Uniti, secondo il quale sono necessari in media 10 partner sessuali per considerare una relazione di coppia stabile.

“Per giungere a questa conclusione, il professore americano ha sviluppato un calcolo che dimostra che le persone che hanno avuto meno di 10 partner sessuali non durano più di 5 anni“, spiega Alex Fantini, fondatore di Incontri-ExtraConiugali.com.

Tradire può effettivamente contribuire a costruire relazioni più stabili “, aggiunge Fantini, riferendosi sia allo studio condotto dall’Università dello Utah che al sondaggio interno al portale, che sfida le convenzioni tradizionali sulle relazioni e offre una prospettiva nuova sul modo in cui le persone affrontano la monogamia e l’intimità.

Il nuovo sondaggio condotto da Incontri-ExtraConiugali.com il 2 maggio 2024 su un campione di 1.000 uomini e 1.000 donne dai 24 ai 65 anni, con un margine di errore del 2,19% a un livello di fiducia del 95%, conferma dunque questa sorprendente correlazione tra tradimento e relazioni stabili.

“Abbiamo sempre creduto nell’importanza di esplorare la propria sessualità. Questo studio conferma che l’apertura e l’esplorazione possono effettivamente rafforzare i legami emotivi. Un uomo o una donna che hanno avuto meno di 10 partner sessuali sono, invece, emotivamente meno stabili“, conclude Fantini.

Ma è davvero così?

“L’infedeltà è uno dei segreti della longevità delle coppie, un modo per aprire una parentesi quando c’è una diminuzione del desiderio nei confronti o da parte del coniuge”, spiega Fantini.

Gianluca Castelnuovo

Forse sarebbe più opportuno indagare i motivi del calo del desiderio, o comunque di ciò che non funziona nella coppia, prima di cercarlo altrove.

“Inoltre, parlando del numero di partner con i quali condividere dei rapporti prima di una relazione stabile, è innegabile che queste relazioni possano accrescere il proprio ‘bagaglio esperienziale’. Tuttavia, la nostra società è sempre più ossessionata dai numeri, proprio come in questo caso, quasi si trattasse di una competizione, di un motivo di vanto. Quello che conta, secondo me, non è tanto il numero di relazioni, quanto la loro qualità“, afferma Gianluca Castelnuovo, Ordinario di Psicologia Clinica all’Università Cattolica di Milano e Direttore del Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia all’Auxologico.

Tradire, o non tradire, questo è il dilemma

Rispetto a qualche anno fa, la società odierna appare molto più ‘fluida’ e, con questo termine, non si intende solamente la varietà di orientamenti sessuali. Ma bensì anche le logiche attraverso le quali viviamo i rapporti sentimentali.

Non stiamo dicendo che oggi il tradimento sia una pratica comune ma, tuttavia, in molti possono concordare che si tratti di un fenomeno in crescita. Magari, nel passato, tutto ciò accadeva allo stesso modo, ma le persone si facevano più scrupoli ad ‘agire nell’ombra’.

Dissacrata quindi l’associazione coppia del passato = coppia senza problemi, possiamo fare qualche ragionamento.

Il matrimonio, anni fa ancor di più rispetto a oggi, era un grattacielo le cui fondamenta non importava più di tanto se fossero state stabili o meno, perché la struttura nel suo insieme ‘doveva’ reggere. Era una questione di famiglia, economica (molte donne, per esempio, non lavoravano e dipendevano dai mariti), e spesso anche di facciata.

Enrico VIII d’Inghilterra, il sovrano che spesso si associa alla triste storia delle sei mogli e alla nascita della Chiesa Anglicana (proprio per un divorzio non accettato dalla Chiesa cattolica), si potrebbe quasi definire, in questo contesto, un traditore ante litteram.

“È quasi ‘pericoloso’ pensare che in una coppia debba sempre tutto andar bene e, il matrimonio, in un certo senso, spinge un po’ su questa idea”, spiega Gianluca Castelnuovo.

“Infatti, non esiste rapporto idilliaco, senza attriti e problemi. ‘L’elisir di lunga vita delle coppie‘, se così possiamo definirlo, è proprio riuscire a non darsi per scontati. Il nostro partner non è una nostra proprietà, e andrebbe ‘riconquistato’ continuamente anche attraverso piccoli gesti e attenzioni. Solo così possiamo tirare fuori il meglio da noi stessi e, di conseguenza, dalla relazione”, aggiunge lo psicologo.

Per quale motivo, quindi, c’è chi sceglie di tradire?

La fase iniziale di una coppia, cioè il cosiddetto ‘innamoramento‘, ha una durata che secondo gli esperti varia tra i 6 mesi e un anno. Le emozioni, in questa fase, sono spesso molto forti e si rischia di idealizzare il partner.

sognare di tradire il proprio ragazzoSuccessivamente, la relazione evolve in amore maturo, pianificato (corrisponde infatti, secondo alcuni studi, a una maggiore attività della corteccia frontale del cervello). Non si sentono più le famose ‘farfalle nello stomaco’. Ed è qui che si iniziano a notare i difetti del partner.

Ed è proprio in questa seconda fase che possono nascere nuovi innamoramenti (anche presunti) verso altre persone e, di conseguenza, si è più propensi a tradire.

“Tuttavia, è importante comprendere che il tradimento non è sempre legato a una mancanza (rapporti sessuali, distanza, poche attenzioni ecc.)”, aggiunge Castelnuovo.

Infatti, quando si viene traditi, spesso la prima cosa che pensiamo è proprio “cosa non ho dato al mio partner, perché l’ha cercato altrove”. Ma questo meccanismo, oltre a essere poco sano, spesso non offre una valida spiegazione.

Il tradimento, molto spesso, avviene per ‘aggiunta’, e non per mancanza, e può assumere vari connotati.

Talvolta, un tradimento estemporaneo che prevede un rapporto sessuale, può essere meno ‘grave’ di un tradimento che non si verifica nella pratica, ma che rimane latente nel pensiero anche per molto tempo. E, con gravità, intendiamo la distanza dal proprio partner, una sorta di crepa nel rapporto.

Che si tratti di un tradimento per aggiunta, o per mancanza, potremmo dire che ‘l’amante vince sempre’, o comunque molto spesso.

Infatti, con un’altra donna o uomo, il clima è quasi festaiolo, ci si cala nelle emozioni del momento senza dover decidere chi paga le bollette o chi porta a scuola i figli. Ed è proprio questa ‘evasione’ dal proprio rapporto, e dalle responsabilità, a giocare un ruolo molto importante.

Essere traditi è un fallimento?

Accettare la fine di una storia non è un fallimento. Per quanto non sia piacevole, bisogna comprendere che tutto ha un inizio e una fine. Tuttavia, è importante sistemare bene i ricordi dell’esperienza appena vissuta e riemergere dal trauma più forti e consapevoli di prima. È in questo caso che la fine di un rapporto diventa un’opportunità. Anche perché, appunto, essere traditi non per forza comporta una mancanza da parte nostra nel rapporto appena concluso”, sottolinea Castelnuovo.

 

 

Copertina Foto di Vera Arsic: https://www.pexels.com/it-it/foto/donna-e-uomo-seduto-sul-banco-di-legno-marrone-984949/

Foto di Nathan Cowley: https://www.pexels.com/it-it/foto/uomo-in-camicia-a-quadri-blu-e-marrone-che-tocca-i-suoi-capelli-897817/

Foto di Anastasiya Lobanovskaya: https://www.pexels.com/it-it/foto/madre-e-figlia-che-si-siedono-sul-ceppo-di-albero-840566/

About Umberto Urbano Ferrero

Umberto Urbano Ferrero, collaboratore - Torinese d’origine, cittadino del mondo per credo. Laureato in Lettere moderne, ama l’arte in tutte le sue forme e viaggia per conoscere il mondo, oltre che se stesso. Umberto è appassionato di sport e Urbano, al contrario di ciò che l’etimologia suggerisce, apprezza la vita a contatto con la natura. Ritiene la curiosità una delle principali qualità in una persona, caratteristica essenziale per guardare il mondo da più angolazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »