Home / Salute / Le malattie emergenti più pericolose
Le malattie emergenti più pericolose

Le malattie emergenti più pericolose

Le malattie richiedono attenzione. L’attenzione è generata dai media. L’attenzione è monetizzabile e il denaro significa poter fare ricerca e avvicinare la cura, il vaccino, per mali pericolosi. Più cure efficaci e più vaccini portano a un numero minore di morti.

Quali sono le malattie emergenti più pericolose

Ebola, febbre emorragica del Congo, virus di Marburgo e Nipah, febbri di Lassa e della Rift Valley, Mers e Sars: ecco le malattie emergenti più pericolose del pianeta. In questo senso si è espressa l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). E’ scarso il rilievo offerto dai media nei confronti di tali malattie; di conseguenza, sono scarsi anche i fondi disponibili.

Malattie emergenti, un gruppo internazionale di esperti

Un gruppo internazionale di esperti, a Ginevra, in questi giorni, hanno compilato la lista delle malattie più pericolose: la prima fase, nella redazione di un Piano per il controllo di future epidemie.

Ebola e interesse mediatico

Non si può dire che l’Ebola non abbia destato interesse mediatico: lo scorso anno, in Africa, è stato responsabile della morte di diecimila persone. La malattia, nonostante le nuove ricerche, resta incurabile.

Malattie emergenti, le patologie escluse

Cathy Roth, una responsabile dell’Oms, si è espressa in questo modo: “Nella lista, abbiamo deciso di non includere malattie come Hiv o l’influenza aviaria, perché attirano molta più attenzione e fondi destinati alla ricerca”. Il punto importante è questo.

Malattie meno pericolose

Malattie considerate un poco meno pericolose, ma da non sottovalutare, hanno costituito una seconda lista. Sono comprese Chikungunya, febbre alta con sindrome trombocitopenia (Sfts) e il virus Zika.

Malattie emergenti, che cosa bisogna fare ora

Ora la commissione di esperti porrà annualmente sotto monitoraggio lo stato di avanzamento delle ricerche su ogni malattia, in modo da definire le priorità via via, risolvendo le problematiche quando si presentano e prendendo nota dei progressi.

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi
Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.