Home / Alimentazione / Dolci di Natale: ecco come si preparano intorno al mondo
Dolci di Natale: ecco come si preparano intorno al mondo

Dolci di Natale: ecco come si preparano intorno al mondo

Dolci di Natale: Panettone, Pandoro, e poi? Si propongono di seguito tutte le leccornie, per capire come si preparano per tradizione intorno al mondo (ce le spiegano i cuochi della community Gnammo). Ecco, dunque, i dolci più stuzzicanti, al fine di pregustare i manicaretti della tavolata del cenone, oppure di trovare qualche idea per preparare il dessert.

Dolci di Natale: in Francia, la bûche de Noël

Dolci di Natale: ecco come si preparano intorno al mondo
Bûche de Noël © Mathieu MD (WIKIMEDIA)

Dolci di Natale: la nostra rassegna incomincia. La bûche de Noël è il dolce della tradizione natalizia francese. E’ composto da biscotto e crema. A vedersi, è in tutto simile a un tronchetto di legno. Letteralmente, il nome vuol dire “ceppo di Natale”. Esso deve la sua origine a riti pagani della celebrazione del solstizio d’inverno. Era costume, infatti, avere un ciocco di legno che ardeva lentamente nel camino, per almeno tre giorni. Nel migliore dei casi, durava fino all’inizio del nuovo anno o all’Epifania. Il ceppo riscaldava la famiglia, riunita per la veglia natalizia. La bûche de Noël, essa stessa, promana, nell’animo e nel palato, un piacevole calore: forse è merito del rum e del cioccolato.

Propone la ricetta Sylvie Anna Capelli.

Ingredienti per il biscotto: 5 uova, 50 grammi di farina 00, 50 grammi di fecola di patate, 170 grammi di zucchero, un pizzico di sale, un cucchiaio di acqua, un bicchiere di rum

Ingredienti per la crema: 1 uovo, 1 tuorlo, 300 grammi di cioccolato fondente, 250 grammi di burro, 150 grammi di zucchero, una tazzina di caffè, un terzo di bicchiere di acqua.

Preparazione del biscotto – Separare i tuorli dagli albumi. Montare gli albumi a neve. Con una frusta sbattere i tuorli con zucchero e sale fino a ottenere un impasto morbido. Aggiungere acqua e rum e farli incorporare con delicatezza. Aggiungere farina e fecola e mescolare. Incorporare gli albumi montati a neve, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto. Stendere l’impasto su una leccarda rettangolare, ricoperta di carta forno (o in alternativa imburrata e infarinata). Pre-riscaldare il forno a 120°C e infornare per 15 minuti: l’impasto deve solo iniziare a dorarsi. Togliere il biscotto dal forno e sformarlo delicatamente su un canovaccio umido. Arrotolare il biscotto ancora caldo nel canovaccio umido, senza stringere. Lasciarlo raffreddare, evitando il frigorifero.

Preparazione della crema – Preparare lo sciroppo di zucchero facendo attenzione a non farlo caramellare. Fondere il cioccolato a bagno-maria con un cucchiaio di caffè, aggiungere il burro in pezzi. Mettere le uova nello sciroppo di zucchero caldo e mescolare con cura. Unire e amalgamare dolcemente i due composti. Lasciar raffreddare e rapprendere in frigorifero.

Assemblare – Srotolare delicatamente il biscotto, che deve aver raggiunto la temperatura ambiente. Con una spatola spalmare circa due terzi della crema. Arrotolare il tutto, senza stringere. Tagliare le estremità (1 o 2 centimetri) per pareggiare la bûche e conservare gli “scarti”, da utilizzare per realizzare dei nodi o dei monconi di ramo. Ricoprire il tutto con la crema rimasta e creare delle striature con una forchetta.

Servire in tavola – La bûche de Noël è pronta per essere servita, mostrandola prima intera e affettandola direttamente a tavola. Chi lo desiderasse, può aggiungere delle decorazioni per rendere questo dolce tradizionale il più possibile simile a un tronco di legno.

Dolci di Natale: il Makowiec dalla Polonia

Dolci di Natale: la nostra rassegna continua. Tutti, come è noto, hanno bisogno di buona sorte. Ci si può affidare al dolce natalizio tipico della Polonia, il Makowiec.

Dolci di Natale: ecco come si preparano intorno al mondo
Makowiec © Alina Zienowicz (WIKIMEDIA)

Tra gli ingredienti ci sono i semi di papavero che, secondo la tradizione polacca, rappresentano un segno di abbondanza e fertilità: ecco un simbolo di buona fortuna. Se si ha bisogno di prosperità per tutto l’anno, è possibile gustare il Makowiec anche ogni mattina, con un tè caldo o con il caffè.

Ingredienti per la pasta – 200 gr di farina, 3 uova (tuorlo), 10 gr di lievito di birra, 40 gr di zucchero a velo, 100 ml di latte, 55 gr di burro, 1 bustina di vanillina.

Ingredienti per il ripieno – 125 gr di semi di papavero, 20 gr di gherigli di noci, 30 gr di uvetta, 30 gr di arancia candita a cubetti, 1 cucchiaio di burro, 1 cucchiaio di miele, 2 uova, 200 gr di zucchero a velo, 1 cucchiaio di vodka.

Preparazione della pasta – Sciogliere il lievito con 25 ml di latte tiepido, un cucchiaino di zucchero e un cucchiaio di farina. Coprire e lasciar lievitare per 15 minuti al caldo. Poi, montare i tuorli d’uovo con lo zucchero per ottenere una crema, quindi unire vanillina, farina, 75 ml di latte tiepido, lievito e burro (sciolto e lasciato raffreddare). Dopo aver ottenuto un impasto liscio ed elastico, coprirlo con la pellicola e lasciarlo lievitare per un paio d’ore.

Preparazione del ripieno – Nel frattempo, è possibile dedicarsi al ripieno: per prima cosa, mettere i semi di papavero in una scodella, coperti con acqua bollente, e lasciarli riposare con sopra un coperchio per mezz’ora. Dopo averli scolati e strizzati, frullarli e aggiungere noci sbriciolate, uvetta, cubetti di arancia candita, burro (sciolto e lasciato raffreddare), vodka. Montare i tuorli con lo zucchero a velo e a parte montare anche gli albumi a neve. Poi unire tutto per ottenere il ripieno.

Assemblare – Stendere quindi l’impasto una volta lievitato, poi ricoprirlo con il ripieno lasciando una cornice di un paio di centimetri. Arrotolare e mettere su una teglia rivestita con carta da forno, con la chiusura verso il basso. Coprire con una pellicola e lasciare ancora lievitare per 30 minuti. Quindi cuocere a 180° per 45 minuti. Decorare a piacimento con canditi, glassa di zucchero e semi di papavero.

Dolci di Natale: la Pumpkin pie dagli Stati uniti

La Pumpkin pie è un dolce invernale della tradizione a stelle e strisce. La si può assaporare non soltanto

Dolci di Natale: ecco come si preparano intorno al mondo
Pumpkin Pie © Peggy Greb (WIKIMEDIA)

in occasione del Natale, ma anche durante tutta la stagione invernale. La torta è originaria del Nord America. Lo si nota, perché essa contiene la zucca: uno degli ingredienti più utilizzati dagli americani per preparare gustose portate, in particolare per il Thanksgiving day. La Pumpkin pie, soffice e delicata, si prepara con una crema pasticciera alla zucca, aromatizzata con cannella, zenzero in polvere, noce moscata e chiodi di garofano.

La ricetta è di Stefi&Carl.

Ingredienti – 175 gr di zucchero, mezzo cucchiaino di zucchero, un cucchiaino di semi di cannella, mezzo cucchiaino di chiodi di garofano, 2 uova grandi, 400 gr di purea di zucca (far bollire la zucca per 30 minuti e poi frullarla), 400 gr di latte condensato, 1 rotolo di pasta frolla precotta.

Preparazione – Mescolare zucchero, sale, cannella, zenzero e chiodi di garofano in una ciotola. Aggiungere le uova. Mescolare la purea di zucca con le spezie. Unire le due ciotole e poi aggiungere gradualmente il latte condensato. Preparare una tortiera con la carta forno e stendere la pasta frolla, quindi versare la crema e infornare in forno preriscaldato a 220° per 40-50 minuti. Lasciar freddare un paio di ore. Servire immediatamente o conservare in frigorifero.

Dolci di Natale: Christmas Pudding dall’Inghilterra

Il Christmas pudding è il regnante della tavola inglese. E’ a base di uova, frutta candita e spezie: la

Dolci di Natale: ecco come si preparano intorno al mondo
Christmas pudding © James Petts (FLICKR)

preparazione comincia durante l’Avvento, ma si porta in tavola rigorosamente il 25 dicembre.

Il pudding, come vuole la tradizione, dovrebbe nascondere una serie di oggetti, che portano fortuna a chi li trova. In particolare: anelli per l’amore, 1 penny per la prosperità, 1 bottone delle mutande per il nonno, 1 ditale da cucito per la nonna, 1 maialino (in plastica) per il più goloso. Le superstizioni legate a questo dolce sono tante: esso dovrebbe contenere tredici ingredienti, come il connubio tra Cristo e apostoli, ed essere preparato in senso orario da tutti i membri della famiglia.

Ingredienti – 200 gr di margarina, 350 gr di uvetta, 200 gr di uva sultanina, 200 gr di uva passa, 50 gr di canditi misti, 25 gr di mandorle tritate, 175 gr di farina, 2 cucchiaini di spezie miste in polvere (chiodi di garofano, cannella, zenzero), 1 cucchiaino di noce moscata in polvere, 175 gr di briciole di pane fresco (pane al latte, senza crosta), 700 gr di zucchero di canna, 2 uova, succo di 1 limone, 1 cucchiaio di melassa, 4 cucchiai di latte, 2 cucchiai di brandy.

Preparazione – Mescolare in una ciotola grande tutti gli ingredienti, lavorare in modo da ottenere un impasto ben legato. Con l’impasto riempire lo stampo da budino (capacità da 1 litro), ben imburrato. La superficie deve rimanere al di sotto del bordo di circa 2,5 centimetri. Coprire quindi con doppio foglio di carta oleata, con la parte imburrata rivolta verso l’interno, piegato bene intorno al bordo e legato con spago da cucina. Mettere quindi il pudding in una pentola e aggiungere acqua calda per coprire la forma fino ad un terzo. Coprire con il coperchio e cuocere a fuoco basso per sei ore, aggiungendo acqua calda man mano che evapora. Al termine del tempo indicato, togliere il pudding e lasciar raffreddare. Sostituire il coperchio di carta oleata con un altro, da legare allo stesso modo del precedente e conservare il pudding in luogo fresco. Il giorno di Natale, il pudding deve essere riscaldato per circa tre ore, utilizzando lo stesso metodo della prima cottura, sempre aggiungendo acqua man mano che evapora. Quindi, rovesciarlo sul piatto di portata e decorarlo con l’agrifoglio, e con un cucchiaio di brandy riscaldato in pentolino. Per finire, flambare quando si serve in tavola.

Dolci di Natale: Flan de Calabaza da Cuba

Dolci di Natale: ecco come si preparano intorno al mondo
Flan de Calabaza (PXHERE)

La cucina di Cuba è un vero e proprio mix di colori e sapori, provenienti dalle tradizioni spagnole, caraibiche e africane. Il gustoso Flan de Calabaza è a base di zucca. Si tratta di un piatto molto popolare nella cucina cubana, con radici molto antiche: le prime ricette giungerebbero dall’antica Roma, dove i flan si preparavano per via della grande quantità di uova locali. Ci sono molte varianti della ricetta, a seconda della tradizione di ogni famiglia cubana o della regione in cui ci si trova. Si serve il Flan de Calabaza con un bicchierino di rum, al fine di portare un pizzico di alma cubana in tavola.

La ricetta è di Wilfredo Torres.

Ingredienti (per 6/8 persone) – 500 gr di polpa di zucca, 250 gr di zucchero, 600 ml di latte fresco, 4 uova, qualche goccia di estratto naturale di vaniglia

Preparazione – Tagliare la zucca a fette di circa 2 centimetri e cuocerla a vapore (7-10 minuti in pentola normale). Mettere tre cucchiai di zucchero in un pentolino e farlo caramellare, versare il caramello in uno stampo rettangolare foderato con carta da forno e distribuirlo sul fondo dello stampo. Mettere la zucca cotta in una terrina con lo zucchero rimasto, aggiungere un po’ di latte e frullare con il frullatore a immersione, ottenendo una purea uniforme. Aggiungere il resto del latte, le uova e la vaniglia e frullare ancora. Versare il composto nello stampo e cuocere in forno, a bagnomaria a 200°C per 45 minuti. Lasciare raffreddare, quindi tenere in frigorifero per almeno due ore. Rovesciare il budino su un piatto rettangolare ed eliminare la carta.

Deliziatevi tutti, con le mille sfaccettature delle tradizioni natalizie: per voi pace, serenità e dolci di Natale.

About Rita Tosi

Rita Tosi
Manager della comunicazione, che da circa 20 anni si occupa di di tecniche di relazioni e sviluppo strategico per aziende e privati che cercano visibilità. Dopo un necessario passaggio (e sosta) nelle principali agenzie di comunicazioni internazionali (Edelman, Gruppo Publicis e Hill&Knowlton) con ruoli apicali, continua a creare eventi e rafforzare il proprio know-how attraverso l'attività in proprio. Allena la sua capacità organizzativa, gestionale e di relazione anche in famiglia, con 1 marito, 3 figli, 1 cane, 4 tartarughe, 4 pesci rossi, 1 geco e un terrazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.