Home / Medicina dell'habitat / Le piante d’appartamento che aiutano a purificare l’aria
Le piante d'appartamento che aiutano a purificare l'aria

Le piante d’appartamento che aiutano a purificare l’aria

Malgrado si parli molto di condizioni ambientali e climatiche forse non tutti sanno che esistono piante d’appartamento in grado di ridurre il livello di purificare l’aria riducendo l’ inquinamento interno ma anche di stimolare la produttività delle persone.

Oggi prenderemo in considerazione alcune tipologie di piante che oltre a rendere più accoglienti le nostre case possono aiutare a purificare l’aria proprio negli ambienti interni.

Spatifillo o Giglio della Pace

Lo Spathiphyllum, o spatifillo, è un genere di giglio che appartiene alle piante da fiore ‘monocotiledoni’, ossia caratterizzate da embrione con un solo cotiledone o foglia carnosa, con funzioni nutritive e protettive della famiglia delle Araceae.

È una pianta originaria delle regioni tropicali delle Americhe e dell’Asia sudorientale. Alcune specie di spatifillo sono comunemente conosciute come gigli della pace. Sono piante erbacee perenni sempreverdi con foglie grandi che variano dai 12 ai 65 cm di lunghezza e dai 3 ai 25 cm di larghezza. I fiori sono prodotti in uno spadice, circondato da una spata lunga 10-30 cm, bianca, giallastra o verdastra.

Diverse specie di spatifillo sono considerate e, conseguentemente utilizzate, quali piante per interni. Questa tipologia di giglio non necessita di particolari cure, vive meglio all’ombra, ha bisogno di poca luce solare ed è sufficiente annaffiarla circa una volta alla settimana. Benché sia preferibile lasciare il terreno sempre un po’ umido, è assolutamente necessario annaffiare questa pianta solo se il terreno è completamente asciutto.

Purificare l’aria con lo Spatifillo

Secondo alcuni studi, tra cui uno condotto dalla NASA, questa pianta riesce a ripulire l’ambiente da alcuni contaminanti gassosi, inclusi benzene e formaldeide entrambi altamente tossici per la salute dell’uomo. È stato accertato, infatti, che la formaldeide è cancerogena e che chi è stato esposto ad avvelenamento acuto da benzene ha maggiori probabilità di ammalarsi di leucemia.

Pur essendo chiamato “giglio”, il giglio della pace non è un vero e proprio giglio come quelli appartenenti alla famiglia delle Liliaceae. Questi ultimi, infatti, sono altamente tossici per cani e gatti ed in grado di provocare loro insufficienza renale acuta, mentre il giglio della pace è solo e leggermente tossico per l’uomo e altri animali se ingerito, in quanto contiene cristalli di ossalato di calcio, che possono causare irritazione cutanea, sensazione di bruciore in bocca, difficoltà a deglutire e nausea.

Sanseviera o Sanseverinia

La Sansevieria è un genere di piante da fiore originaria dell’Africa, soprattutto del Madagascar e dell’Asia meridionale. È anche conosciuta come la lingua della suocera, la lingua del diavolo, la lingua del jinn, la corda di canapa dell’arco, la pianta del serpente e la lingua del serpente.

In tempi relativamente recenti, questa pianta è stata classificata come Dracaena, categoria a cui appartengono piante di varia tipologia tra cui piante succulente del deserto come la Dracaena pinguicula e piante tropicali dalle foglie più sottili come la Dracaena trifasciata. Le piante spesso formano densi cespi da un rizoma diffuso (fusto allungato di piante erbacee perenni, strisciante sul terreno o sotterraneo, ricco di sostanze di riserva) o da stoloni (rami che crescono strisciando orizzontalmente sul terreno ed emettono radici in corrispondenza di ogni nodo).

Le foglie delle specie precedenti di Sansevieria sono tipicamente disposte a rosetta attorno al punto di crescita. C’è una grande variazione nella forma del fogliame. Tutte le specie precedenti possono essere suddivise in specie a foglia dura, provenienti da climi aridi, e specie a foglia morbida, originarie delle regioni tropicali e subtropicali. Le specie dalle foglie dure hanno una serie di adattamenti per sopravvivere alle regioni secche che includono foglie spesse e succulente in grado di immagazzinare grandi quantitativi d’acqua e cuticole spesse per ridurre la perdita di umidità.

I fiori delle specie ex Sansevieria sono generalmente bianco-verdastri, anche rosati, rosso-lilla, brunastri, prodotti su un racemo semplice o ramificato. Il frutto è costituito da una bacca rossa o arancione. In natura sono impollinati dalle falene, ma sia la fioritura che la fruttificazione sono irregolari e vengono prodotti pochi semi. A differenza di piante come l’agave che muoiono dopo la fioritura, un germoglio fiorito smetterà semplicemente di produrre nuove foglie. Il germoglio fiorito continua a crescere producendo piantine attraverso i suoi rizomi o stoloni.

Il nome del genere Sansevieria ha origine dal famoso scienziato e inventore italiano Raimondo di Sangro (1710–1771), principe di San Severo. Il genere fu originariamente chiamato Sanseverinia da Vincenzo Petagna nel 1787, in onore del suo mecenate Pietro Antonio Sanseverino, conte di Chiaromonte (1724–1771), nel cui giardino Petagna aveva visto per la prima volta questa pianta. Nel 1794 Carl Peter Thunberg usò il nome Sansevieria, anche se non è chiaro se il nome di Thunberg fosse inteso come nuovo, o fosse un errore tipografico per il nome di Petagna.

Diverse specie facili da curare

Diverse specie di ex Sansevieria sono piante d’appartamento usate nelle regioni temperate. La Dracaena trifasciata sembra essere la tipologia più venduta. In Cina, la pianta viene solitamente conservata in un vaso spesso decorato con draghi e fenici. La crescita è relativamente lenta, ma la pianta durerà per molti anni. Esistono due varietà principali: le sansevieria di tipo selvatico che hanno foglie rigide, erette, sparse, lanceolate e le sansevieria a nido d’uccello che crescono a rosette.

Come piante d’appartamento, a scopo ornamentale, le sansevieria prosperano grazie al calore e alla luce intensa, ma tollerano anche l’ombra. Se le annaffiature sono eccessive o troppo frequenti, queste piante possono marcire, quindi è importante che siano in vaso in un terreno ben drenato. Per la successiva annaffiatura è bene aspettare che il terreno sia appena umido, mentre se è completamente asciutto la pianta necessita assolutamente di essere annaffiata. Di tanto in tanto queste piante hanno bisogno di essere rinvasate o divise alla radice per evitare che queste ultime crescano a tal punto da rompere il vaso che le contiene.

In Corea, le sansevieria in vaso vengono comunemente presentate come regalo durante le cerimonie di apertura di attività commerciali o altri eventi di buon auspicio. Alle Barbados, la sansevieria è anche popolarmente chiamata la “pianta del denaro”. Secondo la credenza popolare, infatti, la persona che la possiede avrà sempre soldi.

Altre specie ex Sansevieria sono meno comuni in coltivazione. Un’altra specie è la Sansevieria cylindrica, che ha foglie che sembrano molto diverse dalla Dracaena trifasciata, pur essendo altrettanto dura.

Le piante possono essere propagate per seme, taglio delle foglie e divisione. I semi sono usati raramente, poiché le piante possono normalmente essere coltivate molto più velocemente da talee o divisioni.

Purificare l’aria con la Sansevieria 

Secondo uno studio della NASA sull’aria pulita, la Sanseviera è capace di eliminare alcune molecole tossiche. Come lei, anche altre Le piante d'appartamento che aiutano a purificare l'ariapiante come il golden pothos (Epipremnum aureum), la pianta del mais (Dracaena fragrans) e la Dracaena trifasciata sono in grado di purificare l’aria rimuovendo alcuni agenti inquinanti come la formaldeide, lo xilene e il toluene.

L’effetto principale dell’inalazione di vapore di xilene è la depressione del sistema nervoso centrale (SNC), con sintomi quali mal di testa, vertigini, nausea e vomito. L’inalazione di toluene a livelli da bassi a moderati può, invece, causare stanchezza, confusione, debolezza, azioni da ubriachezza, perdita di memoria, nausea, perdita di appetito, perdita dell’udito e della visione dei colori. Alcuni di questi sintomi di solito scompaiono quando l’esposizione viene interrotta. L’inalazione di alti livelli di toluene in breve tempo può causare vertigini, nausea o sonnolenza, perdita di coscienza e persino la morte.

Adatte per purificare l’aria in camera da letto

Sansevieria utilizza il processo di metabolismo dell’acido crassulaceo, che assorbe l’anidride carbonica di notte, sebbene l’ossigeno venga rilasciato durante il giorno. L’assorbimento notturno di CO2 le rende piante da camera particolarmente adatte proprio perché capaci di purificare l’aria dall’anidride carbonica prodotta durante il sonno. Tuttavia, poiché le foglie sono potenzialmente velenose se ingerite, di solito non sono consigliate per le camerette dei bambini.

Crisantemo

Chrysanthemum morifolium o crisantemo, noto anche come margherita del fiorista e mamma da giardino rustica, o in Cina juhua, è una specie di pianta perenne della famiglia delle Asteraceae.

In Cina esiste dal 500 a. C. In Europa, soprattutto in Olanda, è nota dalla metà del XVII secolo, ma la sua diffusione generale avvenne solo nel XIX secolo. Il crisantemo è stato apprezzato per la prima volta in Cina come pianta medicinale.

È classificato nella più antica materia medica cinese, Shennong Ben Cao Jing (prima età moderna), nella categoria dei farmaci superiori e fa parte dei prodotti legati alla ricerca dell’immortalità.

Secondo la tradizione “In un uso prolungato, solleva l’inibizione del sangue e del qi, allevia il corpo, rallenta l’invecchiamento e prolunga la vita”.

“Alleggerire il corpo” era un obiettivo per raggiungere lo stato etereo di immortali in grado di volare e “cavalcare le nuvole”. Dalle dinastie Jin e Tang (intorno al V secolo d.C.), il crisantemo iniziò ad essere apprezzato come pianta ornamentale, pur continuando ad essere utilizzato per motivi dietetici.

La prima monografia sui crisantemi fu pubblicata nel 1104 d.C.

Liu Meng autore di un “Trattato sui crisantemi” li classifica in base ai loro colori: quelli normali sono gialli, poi vengono i bianchi, i viola e infine i rossi. Elenca un totale di 35 varietà coltivate che possono essere osservate nei giardini vicino ai santuari buddisti delle grotte di Longmen.

Nel XVI secolo, il famoso medico ed erborista Li Shizhen nel suo Grande Trattato di Materia Medica, riporta un centinaio di coltivazioni. Attribuisce loro alcune proprietà medicinali come “eliminare calore e tossine” e “migliorare l’acuità visiva”.

Nel XVII vengono studiate anche in Europa

Il primo autore europeo a menzionare il crisantemo fu Jacobus Breynius (Jacob Breyn) nel 1689 nel suo Prodromus Plantarum Rariorum. Questo mercante e botanico descrive la Matricaria japonica maxima, come una pianta fiorita molto elegante, doppia, rosa o rosso chiaro ed esistente in diverse varietà. Naturalmente all’epoca nessuno immaginava che queste piante fossero capaci di purificare l’aria.

La prima descrizione botanica del crisantemo dei fioristi è attribuita a Thomas d’Audibert de Ramatuelle. Nel 1792, nel Journal of Natural History, questo botanico descrisse la pianta coltivata, dai grandi fiori purpurei, riportata dalla Cina dal navigatore Marseillais Blancard, con il nome di “Camomilla dai grandi fiori”, Anthemis grandiflora.

Insistette nel distinguerlo dal Chrysanthemum indicum di Linneo caratterizzato da capolini gialli. In una nota propose di chiamarlo anche Chrysanthemum morifolium.

Da questa prima pianta coltivata riportata dalla Cina nel 1789 da Blancard, poi da quelle riportate dalla Cina nel 1846 e dal Giappone nel 1863 furono create in Europa migliaia di coltivazioni e ibridi.

L’autore Wilhelm Miller scrive: “I crisantemi comuni dei fioristi (C. hortorum) sono spesso chiamati ‘crisantemi a fiore grande’ e ‘crisantemi autunnali’, per distinguerli dalle specie rustiche all’aperto. Sono il prodotto miscelato di C. indicum e C. morifolium, due specie di piante che crescono spontanee in Cina e Giappone. I crisantemi da esterno o rustici sono derivati ​​dalla stessa specie, essendo forme meno sviluppate. Il crisantemo del fiorista non è necessariamente un soggetto da serra.”

Infinite varietà e colori

Le oltre 1.000 varietà che esistono in Europa dal 19° secolo sono suddivise in numerose varietà. Gli ibridi indicum come il gruppo più antico hanno il Chrysanthemum indicum come genitore.

La pianta è alta e larga 30–90 centimetri e cresce come pianta erbacea perenne o leggermente legnosa sul terreno. Gli steli stanno in piedi. Le foglie sono larghe, ovali e a forma di cuneo nel picciolo; la lunghezza delle foglie è superiore a 150 mm. Le foglie inferiori sono piumate. Le foglie caduche compaiono in primavera, lunghe fino a 12 cm, carnose e ricoperte di peli grigi.

La consistenza della pianta è spessa e coriacea. I numerosi rami, serici e ricoperti da una corta peluria, formano un fitto cespo. I tipici capolini sono radiati, cioè formati da fioretti periferici, femminili, zigomorfi, con ligule e fioretti centrali attinomorfi, tubulosi, bisessuali.

Nelle infiorescenze totali complesse ci sono da alcune a molte infiorescenze parziali a forma di coppa insieme. I fiori della lingua possono avere molte varietà di colori dal verde, bianco o giallo, dal rosa al viola. Ci sono varietà con fiori semplici che sembrano margherite e varietà con fiori doppi, che sembrano pompon più o meno grandi. La pianta inizia a fiorire quando la durata della luce del giorno è inferiore a 14 ore.

Purificare l’aria col Crisantemo

Questa pianta deve la sua popolarità come pianta d’appartamento anche per la sua capacità di purificare l’aria.

Secondo uno studio condotto dalla NASA, infatti, è in grado di rimuovere tricloroetilene, sostanza carcinogena con effetti nocivi sul sistema nervoso centrale, i reni, il fegato, il sistema immunitario, il sistema riproduttivo maschile e sull’ embrione/feto in via di sviluppo. Inoltre il Crisantemo è in grado di neutralizzare benzene, formaldeide, ammoniaca e altre sostanze chimiche dall’aria.

In medicina naturale il “fiore” è usato contro le infiammazioni oculari e la pelle impura.

Importante

Le informazioni contenute nel presente articolo hanno solo scopo informativo e non sono da considerarsi assolutamente parere medico.

Qualunque sia il vostro problema di salute, consultate prima il vostro medico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi approfondire puoi contattare l’autrice QUI

 

 

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »