Home / Medicina dell'habitat / Piante da giardini, balconi, terrazzi, gazebo e pergolati per purificare l’aria
Piante da giardini, balconi, terrazzi, gazebo e pergolati per purificare l’aria

Piante da giardini, balconi, terrazzi, gazebo e pergolati per purificare l’aria

In questi ultimi mesi abbiamo considerato, attraverso gli articoli Le piante d’appartamento che aiutano a purificare l’aria e Piante d’appartamento: per un ambiente più sano e un’aria più pulita, alcune tipologie di piante che purificano l’aria che respiriamo, e di cui i nostri polmoni hanno assolutamente bisogno per la nostra stessa sopravvivenza, da agenti patogeni presenti negli ambienti interni in cui lavoriamo e viviamo.

Con il nostro precedente articolo Piante per combattere l’inquinamento esterno abbiamo, al contrario, iniziato la trattazione di alcuni tipi di piante che aiutano a preservare la salute degli ambienti esterni.

Oggi continueremo a considerare questa tipologia di piante focalizzandoci, come anticipato la volta precedente, su alcune specie da utilizzare per purificare l’aria in ambienti esterni quali giardini, balconi, terrazzi, gazebo e pergolati.

Per quanto riguarda l’utilità di avere piante in grado di combattere gli agenti contaminanti e spesso cancerogeni contenuti nell’aria sia negli ambienti esterni sia in quelli esterni e il modo in cui questi alberi e piante intervengano a tutela della nostra salute e di quella dell’ambiente, rimandiamo quindi agli articoli precedenti.

Piante da giardini: accorgimenti da prendere nella scelta

Come abbiamo già accennato in passato, benché gli alberi e le piante in grado di purificare l’aria siano molteplici la scelta su quali utilizzare dipende da vari fattori tra cui lo spazio a disposizione.

Dal momento che non tutti dispongono di appezzamenti di terra o ampi giardini in cui poter piantare liberamente ogni tipologia di albero, pianta, arbusto o cespuglio, oltre ai fiori, è bene sempre farsi consigliare da un esperto in materia.

Tra gli aspetti da considerare, è fondamentale, infatti, tenere conto dell’eventuale potenziale crescita di ogni tipologia di pianta e/o albero non solo nel senso dell’altezza, ma anche della larghezza (esterna) nonché della profondità ed estensione – anche orizzontale – delle radici nel sottosuolo onde evitare problemi sia agli edifici più prossimi sia alle proprietà dei vicini.

Piante da utilizzare adattandole all’ambiente esterno

Se non avete spazio per creare siepi con piante in grado di catturare l’inquinamento, pareti e tetti ricoperti di verde offrono, anch’essi un’efficace barriera contro gli agenti inquinanti.

Vasi e contenitori di piante sui balconi e terrazzi, così come piante rampicanti e/o ricadenti dai balconi, pergolati o gazebo offrono la stessa protezione.

Tra le numerose altre piante tra cui scegliere troviamo:

  • Piante da giardini: l’Agrifoglio (Ilex aquifolium)

È un genere di oltre 560 specie di piante da fiore nella famiglia delle Aquifoliaceae e l’unico genere vivente in quella famiglia e ha la maggior parte delle specie di qualsiasi genere di angiosperme dioiche legnose.

Le specie sono alberi, arbusti e rampicanti sempreverdi o decidui (ossia che hanno foglie che cadono in autunno) dai tropici alle zone temperate in tutto il mondo.

La specie tipo è Ilex aquifolium, l’agrifoglio europeo comune utilizzato nelle decorazioni e nelle cartoline natalizie.

L’agrifoglio può contenere vari tipi di acidi oltre a quercetina, tannini, rutina, caffeina e teobromina.

(NOTA: Le bacche di agrifoglio possono causare vomito e diarrea e sono particolarmente pericolose nei casi di consumo accidentale da parte di bambini attratti dalle bacche rosso vivo. L’ingestione di oltre 20 bacche può essere fatale per i bambini)

Le foglie di agrifoglio, se mangiate, possono causare diarrea, nausea, vomito e problemi allo stomaco e all’intestino.

Le piante di agrifoglio potrebbero essere tossiche per animali domestici e bestiame.

Si raccomanda quindi di usare questa pianta con estrema cautela.

  • Il Berberis (Berberis vulgaris o Crespino comune)

È un grande genere di arbusti decidui e sempreverdi alti da 1–5 m che si trovano in tutte le regioni temperate e subtropicali del mondo a eccezione dell’Australia.

La diversità delle specie è maggiore in Sud America e in Asia; anche Europa, Africa e Nord America hanno specie autoctone.

La specie di Berberis più conosciuta è il crespino europeo o comune, Berberis vulgaris, che è comune in Europa, Nord Africa, Medio Oriente e Asia centrale ed è stato ampiamente introdotto in Nord America.

Molte delle specie hanno spine sui germogli e lungo tutti i margini delle foglie.

I fiori sono prodotti singolarmente o in racemi fino a 20 su un singolo capolino.

Sono gialli o arancioni, lunghi 3–6 mm.

I sepali (= le foglie modificate che compongono il calice) sono solitamente sei, raramente tre o nove e ci sono sei petali in spirali alternate di tre, inoltre hanno, generalmente, lo stesso  colore dei petali.

Il frutto è una piccola bacca lunga 5–15 mm, matura, di colore rosso o blu scuro, spesso con una fioritura superficiale cerosa rosa o viola.

  • Piante da giardini: la Camelia

Piante da giardini, balconi, terrazzi, gazebo e pergolati per purificare l’ariaÈ un genere di piante da fiore della famiglia delle Theaceae.

Si trova nell’Asia orientale e meridionale, dall’Himalaya orientale al Giappone e all’Indonesia.

Ci sono 100-300 specie descritte, con qualche controversia sul numero esatto e circa 3.000 ibridi.

Il genere è stato chiamato da Linneo in onore del botanico gesuita Georg Joseph Kamel, che lavorò nelle Filippine.

Di importanza economica nell’Asia orientale, nel sud-est asiatico e nel subcontinente indiano, le foglie della Camelia sinensis vengono lavorate per creare la famosa bevanda del tè.

Le ornamentali Camelia japonica, Camelia sasanqua e i loro ibridi sono la fonte di centinaia di coltivazioni da giardino.

La Camelia oleifera produce olio di semi di tè, utilizzato in cucina e in cosmesi.

Descrizione

Le camelie sono arbusti sempreverdi o alberi alti fino a 20 m.

Le loro foglie sono disposte alternativamente, semplici, spesse, seghettate e generalmente lucide.

I loro fiori sono generalmente grandi e vistosi, da uno a 12 cm di diametro, con da cinque a nove petali nelle specie naturali di camelie.

I colori dei fiori variano dal bianco al rosa e persino al rosso, i fiori gialli si trovano solo nella Cina meridionale e in Vietnam.

Le varietà di tè sono sempre a fiore bianco.

I fiori di Camelia in tutto il genere sono caratterizzati da un denso bouquet di vistosi stami gialli, spesso in contrasto con i colori dei petali.

Il cosiddetto “frutto” delle piante di camelia è una capsula secca, a volte suddivisa in un massimo di cinque scomparti, ciascuno contenente fino a otto semi.

Le varie specie di piante di camelia sono generalmente ben adattate ai terreni acidi ricchi di humus e la maggior parte delle specie non cresce bene su terreni gessosi o altri terreni ricchi di calcio.

La maggior parte delle specie di camelie richiedono anche una grande quantità di acqua, sia dalle precipitazioni naturali che dall’irrigazione, e le piante non tollerano la siccità.

Tuttavia, alcune delle camelie più insolite, specie tipiche dei suoli carsici in Vietnam, possono crescere senza troppa acqua.

Le piante di camelia di solito hanno un tasso di crescita rapido.

In genere crescono di circa 30 cm all’anno fino alla maturità, anche se questo varia a seconda della varietà e della posizione geografica

  • il Caprifoglio (Lonicera caprifolium

È un arbusto legnoso arcuate o vite volubile di medie dimensioni dai fiori colorati di bianco e rosso profumati, appartiene alla famiglia delle Caprifoliaceae, originarie delle latitudini settentrionali del Nord America e dell’Eurasia.

Alcune specie sono molto profumate e colorate, quindi vengono coltivate come piante da giardino ornamentali.

In Nord America, i colibrì sono attratti dai fiori, in particolare L. sempervirens e L. ciliosa (caprifoglio arancione).

Il Caprifoglio deriva il suo nome dal nettare dolce commestibile ottenibile dai suoi fiori tubolari.

Il nome ‘Lonicera’ deriva da Adam Lonicer, botanico rinascimentale.

Da tenere in mente che questa specie può diventare invasiva.

  • la Clematide (Clematis

È una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Ranunculaceae, dall’aspetto cespuglioso e con copiose infiorescenze che può essere fatta crescere come arbusto o come pianta rampicante.

Può raggiungere anche i 10 metri di altezza ed è presente in tutti i continenti a eccezione dell’Antartide.

  • Piante da giardini: il Gelsomino (Jasminum)

Comprende circa 200 specie di arbusti e rampicanti alti fino a 4-6 metri, tra cui i più comuni, utilizzati soprattutto come piante ornamentali sono il Gelsomino comune, il Gelsomino di Spagna, il Gelsomino trifogliatoe il Gelsomino marzolino, mentre le specie più rustiche, a fiore giallo e fioritura a fine inverno sui rami nudi, sono il Gelsomino di San Giuseppe e il Gelsomino primulino con fiori generalmente piccoli e di colore bianco o con sfumature rosa sulla parte inferiore dei petali.

Può essere deciduo oppure sempreverde.

È una pianta che può crescere in maniera eretta, diffusa o rampicante e che, perciò ben si adatta a varie esigenze e spazi.

Le sue foglie possono essere di formazione semplice, trifogliata o pennata.

I fiori hanno in genere un diametro di circa 2,5 cm. e sono bianchi o gialli e, in rari casi, leggermente rossastri.

I fiori sono portati in grappoli cimose con un minimo di tre fiori, sebbene possano anche essere solitari alle estremità dei ramoscelli.

Ogni fiore ha da quattro a nove petali e due stami con filamenti molto corti.

Il calice è a forma di campana.

Di solito sono molto profumati.

I frutti del gelsomino sono bacche che diventano nere a maturità.

  • Il Ribes

È un genere di circa 200 specie conosciute di piante da fiore, la maggior parte delle quali originarie delle regioni temperate dell’emisfero settentrionale.

Le varie specie sono conosciute come ribes o uva spina, e alcune sono coltivate per i loro frutti commestibili o come piante ornamentali.

Ribes è l’unico genere della famiglia delle Grossulariaceae.

Le specie Ribes sono piante arbustive medie con una marcata diversità di fiori e frutti sorprendentemente diversi.

Hanno foglie palmate o composte e alcune hanno spine.

I sepali dei fiori sono più grandi dei petali e si fondono a forma di tubo o piattino.

  • Piante da giardini: la Rosa rugosa

È una specie di rosa originaria dell’Asia orientale, della Cina nordorientale, del Giappone, della Corea e della Siberia sudorientale, dove cresce sulle coste delle spiagge, spesso sulle dune di sabbia.

Non va confusa con la Rosa multiflora, nota anche come “rosa giapponese”.

La Rosa rugosa è un arbusto a ventosa che sviluppa nuove piante dalle radici e forma densi boschetti alti 1–1,50 m con steli densamente ricoperti da numerose spine corte e dritte lunghe 3–10 mm.

Le foglie sono lunghe 8–15 cm, pennate con 5–9 foglioline, il più delle volte 7, ciascuna lunga 3–4 cm, con una superficie nettamente ondulata (rugosa, da cui il nome della specie).

La foglia è di forma ellittica con base arrotondata o largamente cuneata con una sensazione di cuoio, parte superiore verde scuro.

Il dorso della foglia è composto da un colore grigio-verde con peli lungo le nervature.

Il margine fogliare è composto da denti lungo i bordi ed è seghettato-crenato.

Il fiore ha cinque petali che di solito sono larghi 6-9 cm.

I fiori sono gradevolmente profumati, mentre i suoi colori variano dal rosa scuro al bianco e sono larghi 6–9 cm, con petali alquanto rugosi.

La fioritura avviene in primavera.

I fianchi commestibili, che ricordano i pomodorini, sono grandi, 2–3 cm di diametro, e spesso più corti del loro diametro, non allungati.

A fine estate e inizio autunno le piante spesso danno frutti e fiori allo stesso tempo.

Le foglie in genere diventano di un giallo brillante prima di cadere in autunno.

Piante da giardini: conclusioni

Piante da giardini, balconi, terrazzi, gazebo e pergolati per purificare l’ariaL’elenco delle piante da poter utilizzare non solo in giardini, anche di piccole dimensioni, ma soprattutto in spazi ristretti come balconi, terrazzi, pergolati e gazebo sarebbe molto più lungo.

In questi articoli abbiamo esaminato solo alcune tipologie cercando di dare un’idea delle numerose varietà disponibili e di come queste piante possano essere adattate in modo tale da farle crescere o come alberi o come pareti o come siepi o per creare recensioni o come rampicanti per adattarle a pergolati e a gazebo.

Il consiglio è, quindi, di farvi guidare nella scelta da una persona competente spiegando esattamente

  • dove volete far crescere le piante da giardini
  • quanto è grande o piccolo lo spazio che avete a disposizione e
  • l’utilizzo che ne volete o dovete fare.

Divertitevi, perciò, con le vostre piante e i vostri fiori, ricordandovi che il giardinaggio fa bene non solo alla vostra salute fisica, ma anche e soprattutto a quella psichica e mentale.

Importante

Le informazioni contenute nel presente articolo hanno solo scopo informativo e non sono da considerarsi assolutamente parere medico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi approfondire puoi contattare l’autrice QUI

About Maria Teresa De Donato

Maria Teresa De Donato, Scrittrice olistica e multidisciplinare Romana di nascita, vive da oltre 25 anni negli USA dove ha ultimato i suoi studi giornalistici presso l’American College of Journalism e conseguito le lauree Bachelor, Master e Dottorato in Salute Olistica presso Global College of Natural Medicine specializzandosi in Omeopatia Classica, Ayurveda e Medicina Tradizionale Cinese. Naturopata, Omeopata, Life Coach, iscritta a vari albi professionali, è anche Autrice di molte pubblicazioni. I suoi libri sono disponibili su tutta la rete Amazon, librerie incluse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »