Home / Salute / Enfisema polmonare: il trattamento con le valvole endobronchiali
Enfisema polmonare: il trattamento con le valvole endobronchiali

Enfisema polmonare: il trattamento con le valvole endobronchiali

Sono stati presentati al XXIII Congresso della Società Italiana di Pneumologia SIP i dati più recenti sull’impiego delle valvole endobronchiali in pazienti affetti da enfisema polmonare grave e molto grave.

Le valvole endobronchiali sono delle protesi posizionate per via endoscopica nei bronchi con lo scopo di ridurre il volume del lobo polmonare maggiormente affetto da enfisema permettendo al tessuto sano di espandersi in maniera corrispondente.

Cos’è l’enfisema polmonare

L’enfisema è una malattia respiratoria progressiva che colpisce gli alveoli polmonari riducendo la quantità di ossigeno che si può assorbire con ogni respiro.

Nel corso degli anni e nei casi più gravi, l’enfisema rende sempre più difficile la corretta respirazione e lo svolgimento delle attività quotidiane senza fermarsi per respirare, fare una pausa o chiedere aiuto.

L’enfisema in Italia ha una prevalenza di 2,6 milioni con un’incidenza di 300.000 nuovi casi all’anno con alto tasso degenza ospedaliera e di mortalità.

Secondo i dati Istat, in Italia, la bronco-pneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), di cui l’enfisema è una manifestazione, colpisce il 5,6% degli adulti (circa 3,5 milioni di persone) ed è responsabile del 55% dei decessi per malattie respiratorie.

“Anche se questi pazienti sono sottoposti a terapia medica ottimale (TMO)”, spiega il professore Giuseppe Failla, Direttore dell’U.O.C. Servizio Pneumologia Interventistica dell’AORN Cardarelli di Napoli.

“Attualmente non esiste un trattamento in grado di arrestare o ritardare l’evoluzione della malattia.

Per molto tempo l’approccio chirurgico ha previsto la riduzione chirurgica di volume polmonare, fino al trapianto dell’organo.

La cura farmacologica prevede, invece, la somministrazione di farmaci broncodilatatori e antinfiammatori inalatori, la riabilitazione respiratoria e l’ossigenoterapia o ventilazione non invasiva in casi più gravi”.

Le valvole endobronchiali

A partire dalla loro introduzione nel 2003 con l’ottenimento del marchio CE, le valvole endobronchiali si sono diffuse in maniera crescente come alternativa più sicura e meno invasiva rispetto all’intervento chirurgico di rimozione del lobo e possono essere impiegate anche nei casi per i quali la chirurgia non è un’opzione percorribile.

È fondamentale che i pazienti con enfisema siano accuratamente studiati soprattutto attraverso la TAC polmonare e con la spirometria globale per valutare se possono essere trattati con le valvole.

Il funzionamento delle valvole è il seguente: durante l’inspirazione, impediscono l’ingresso di aria nel lobo trattato e, durante l’espirazione, permettono la fuoriuscita dell’aria intrappolata, portando a una diminuzione del volume del lobo.

In questo modo la respirazione diventa meno difficoltosa e inoltre l’aria è indirizzata nelle aree del polmone che sono meno compromesse dalla malattia e possono ancora assorbire ossigeno in maniera efficace.

I benefici delle valvole

La novità rappresentata dalle valvole endobronchiali è che, oltre ad alleviare i sintomi dell’enfisema grave, e dell’affanno in particolare, hanno dimostrato di produrre miglioramenti misurabili nelle condizioni cliniche dei pazienti.

La sicurezza e l’efficacia della terapia con valvole Endobronchiali (EBV) è stata valutata in diversi studi clinici controllati randomizzati.

Gli studi hanno dimostrato che la riduzione unilaterale del volume lobare mediante EBV è sicura e clinicamente superiore alla terapia medica ottimale.

Una revisione sistematica di recente pubblicazione, condotta con metanalisi dei principali trial randomizzati controllati che confrontavano l’efficacia e sicurezza di questo tipo di valvole, con quella della terapia medica ottimale, ha dimostrato un chiaro vantaggio nell’utilizzo di queste protesi.

“Gli studi in tutto il mondo”, dice Failla. “Dimostrano miglioramenti nella qualità della vita (SGRQ), della capacità di esercizio (6MWD) e degli indicatori prognostici di sopravvivenza (BODE) a un anno dal trattamento con le valvole.

In particolare, i trial più recenti hanno registrato un miglioramento delle condizioni cliniche nel 48% dei soggetti.

L’aspettativa di vita proiettata nell’arco di 5 anni cresce dal 66 al 70%, quella a 10 dal 33 al 39%.

Questi dati dimostrano efficacia e costo efficacia di gran lunga superiori alla TMO e ci fanno ben sperare per il futuro.

Grazie al progressivo impiego delle valvole endobronchiali contiamo di poter evitare la morte prematura e di migliorare la qualità della vita di pazienti con capacità respiratorie seriamente compromesse per i quali, a oggi, non esistono trattamenti soddisfacenti”.

 

 

Immagine copertina di Anna Shvets https://www.pexels.com/it-it/foto/persone-donna-alla-ricerca-occhiali-4225880/

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »