Home / Salute / Un nuovo farmaco contro la leucemia
Un nuovo farmaco contro la leucemia

Un nuovo farmaco contro la leucemia

Ibrutinib permette di trattare con una sola assunzione al giorno la leucemia linfatica cronica e il linfoma mantellare, anche senza chemioterapia. E’ il primo di una nuova classe di inibitori selettivi del Btk (tirosin-chinasi di Bruton: il farmaco lo rende permanentemente incapace, fermando la trasmissione di un segnale che promuove la crescita e la proliferazione delle cellule impazzite, ndr).

Si tratta di un’unica terapia orale ad assunzione giornaliera in tutto e per tutto alternativa alla chemio, a breve disponibile anche in Italia a seguito dell’approvazione dell’European medicines agency (Ema) .

Il farmaco era già stato designato dalla Food and drug administration (Fda) come “breakthrough therapy” (terapia della svolta, ndr): ha dimostrato risultati mai osservati prima in termini di efficacia e sicurezza.

Ibrutinib contro la leucemia, come si è svolta la ricerca

Nello studio di fase 3, sui pazienti con leucemia linfatica cronica pretrattati, la molecola ha mostrato ad un follow-up di 19 mesi una riduzione del rischio di progressione di malattia del 90% e un dimezzamento del rischio di morte (riduzione del 53%), rispetto ad Ofatumumab. Anche per il linfoma mantellare (Ibrutinib è stato approvato per il trattamento di pazienti recidivati o refrattari ad altre terapie) nel 67% di casi si è riscontrata una risposta positiva al farmaco, e di questi, nel 23% dei casi, la risposta è stata completa, con scomparsa dei sintomi della malattia. Il tempo mediano di sopravvivenza libero di progressione di malattia è stato di 13 mesi e la sopravvivenza globale di 22,5 mesi.

E’ apparso chiaro al congresso della American society of hematology: Ibrutinib è efficace anche nei pazienti con leucemia linfatica cronica (età oltre i 65 anni) mai trattati prima.

Leucemia: ibrutinib sostituisce la chemio?

Ibrutinib è stato confrontato con il chemioterapico clorambucile e ha mostrato un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione della malattia e un miglioramento della sopravvivenza globale, riducendo il rischio di morte dell’84%. A 18 mesi, con Ibrutinib, si è ottenuta una percentuale di pazienti liberi da progressione di malattia del 94%, contro il 45% del clorambucile, mentre la percentuale di risposta globale alla terapia è stata dell’86% rispetto al 35% del chemioterapico.

Leucemia e ibrutinib, la parola all’esperto

Il professor Fabrizio Pane, presidente della Società italiana di ematologia, si è espresso in questo modo: “Ibrutinib è il primo di una nuova classe di farmaci biologici destinato a modificare in modo sostanziale la terapia di una serie di malattie tumorali del sistema linfatico di pertinenza ematologica. Ibrutinib è un farmaco che, agendo su uno dei meccanismi che sostiene la crescita neoplastica, può quindi essere risolutivo per le forme aggressive di leucemia linfatica cronica e per tutti i casi linfoma mantellare, in particolare degli anziani, che fino a oggi avevano esito infausto ed erano di difficile gestione clinica. E’ da sottolineare che si tratta di un farmaco che oltre alla elevata efficacia viene somministrato per via orale, e ciò offre un grande beneficio per i pazienti che da oggi potranno curarsi più comodamente anche a casa” .

About Isabella Lopardi

Isabella Lopardi ha lavorato come giornalista, traduttrice, correttrice di bozze, redattrice editoriale, editrice, libraia. Ha viaggiato e vissuto a L'Aquila, Roma, Milano. Ha una laurea magistrale con lode in Management e comunicazione d'impresa, è pubblicista e redattore editoriale. E' preside del corso di giornalismo della Pareto University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »