alimentazione sana

Alimentazione in estate: ecco come arrivare preparati

Con l’arrivo del primo caldo estivo bisogna prestare attenzione all’alimentazione: se, infatti, da un lato si moltiplicano eventi e occasioni sociali che favoriscono la consumazione di cibi veloci e magari più calorici del dovuto e l’abuso di alcolici, dall’altro la calura ci fa sentire la necessità di assumere alimenti freschi e leggeri.

Il rischio è di abbandonarne altri che, però, sono altrettanto importanti per il nostro fabbisogno giornaliero.

Ma qual è la dieta più adeguata da seguire nei mesi estivi?

Non esiste una vera e propria dieta legata ai mesi più caldi. Tuttavia, possiamo segnalare alcune accortezze che possono aiutarci a mantenere un’alimentazione sana ed equilibrata anche in estate”, spiega Nicolò Ermini,  Biologo nutrizionista.

L’importanza dell’idratazione

Il caldo aumenta la sudorazione corporea, portando l’organismo a una disidratazione più veloce, per questo la regola di 1,5-2 litri d’acqua al giorno, nei mesi estivi, è di primaria importanza.

alimentazione e idratazioneTuttavia, questo numero rimane indicativo, in quanto una donna sedentaria che pesa 50kg avrà bisogno di bere meno acqua rispetto a un uomo di 95kg che pratica attività fisica durante i mesi più caldi.

“È importante ricordarsi di bere senza aspettare di avvertire la sete: si tratta infatti di uno stimolo che è già di per sé sintomo di disidratazione. Il fabbisogno giornaliero di idratazione varia da individuo a individuo, ma è importante che ciascuno faccia attenzione al proprio, se possibile aumentando la quantità d’acqua che si beve durante il giorno”, aggiunge l’esperto.

Così come è importante bere molta acqua, lo è altrettanto limitare il consumo di alcolici, che sembrano dissetarci, ma in realtà contribuiscono ad aumentare la disidratazione.

Anche i cocktail, alcolici e analcolici, e le bibite gassate sarebbero da evitare.

L’effetto dissetante, come abbiamo detto, nel caso degli alcolici è solo apparente, mentre l’apporto di zuccheri è effettivo.

Lo stesso vale per le bibite analcoliche, che contribuiscono ad aumentare i livelli di zuccheri nel nostro organismo. A queste, dunque, sono da preferire gli infusi freddi con frutta ed erbe di stagione.

Alimentazione durante l’estate: sì a frutta e verdura

Frutta e verdura sono particolarmente indicate nei mesi estivi. La buona regola delle cinque porzioni al giorno (tra frutta e verdura) si applica anche in questa stagione. Inoltre, sarebbe importante consumare prodotti stagionali e a km 0“, spiega il nutrizionista.

Per quale motivo?

Frutta e verdura sono ricche di vitamine e sali minerali utili a reintegrare le scorte che rischiamo di perdere attraverso la sudorazione. Inoltre, sono ottime fonti d’acqua per mantenere una corretta idratazione.

Ma i prodotti, come affermato dall’esperto, non sono tutti uguali.

Quando viaggiano per molti chilometri, stipati dentro a container, questi prodotti perdono molte delle loro proprietà benefiche. E, inoltre, questi viaggi intercontinentali contribuiscono alle emissioni di CO2 nell’atmosfera.

Quindi, in un certo senso, potremmo dire che frutta e verdura di stagione ‘del contadino locale’ sono sempre da preferire.

I prodotti di stagione, quindi, sono più sani, perché sono più ricchi di nutrienti e privi di conservanti.

Tra i frutti stagionali troviamo: albicocche, melone, anguria, pesche nettarine, prugne, susine, fichi.

Tra le verdure: melanzane, zucchine, peperoni, carote, cetrioli, finocchio, pomodori, lattuga e insalate varie.

E le proteine?

È buona regola preferire pesce di stagione, cioè le specie che non sono nella loro stagione riproduttiva, come l’orata, la sogliola, la spigola e la sardina, e carni bianche (da assumere con moderazione), oltre ai legumi.

alimentazione correttaLa tendenza è quella di assumere i legumi soprattutto nei mesi invernali, dimenticandoli durante l’estate, ma non c’è niente di più sbagliato: i legumi sono naturali fonti di proteine e andrebbero integrati nella nostra alimentazione anche nei mesi estivi.

Aggiungendoli alle insalate o mangiandoli come contorno, per esempio, oppure in una zuppa nelle sere più fresche.

Rallentano invece la digestione la carne rossa e in generale i grassi saturi e gli alimenti troppo elaborati o pesanti, come il fritto.

“La carne rossa, inoltre, andrebbe limitata e consumata 1-2 volte a settimana, in quanto alimento inserito dall’OMS nella categoria ‘potenzialmente’ cancerogeno“, conclude Ermini.

Infine, al burro si può sostituire l’olio d’oliva, utilizzato a crudo su verdure mangiate al naturale o cotte al vapore: un trucco culinario per mantenere intatte le sostanze nutritive.

Da diminuire anche la quantità di formaggi e affettati, che non mancano mai durante gli aperitivi e le occasioni conviviali, e il sale, a cui si dovrebbe preferire quello iodato.

Cibi crudi in estate

Proprio la conservazione in estate diventa una vera criticità a causa delle alte temperature: attenzione quindi ai cibi crudi (tartare di carni o pesce o crudités di frutti di mare) e alle salse fatte con uova crude e non ben conservate, perché le elevate temperature possono favorire la proliferazione di germi ed essere cause di pericolose patologie gastroenteriche e tossinfezioni alimentari.

 

 

Copertina Foto di Abet Llacer: https://www.pexels.com/it-it/foto/frutta-assortita-3025236/

Foto di Andrea Piacquadio: https://www.pexels.com/it-it/foto/acqua-potabile-della-donna-3794165/

Foto di Harry Dona: https://www.pexels.com/it-it/foto/piatto-fritto-sulla-piastra-2418486/

 

 

 

About Umberto Urbano Ferrero

Umberto Urbano Ferrero, collaboratore - Torinese d’origine, cittadino del mondo per credo. Laureato in Lettere moderne, ama l’arte in tutte le sue forme e viaggia per conoscere il mondo, oltre che se stesso. Umberto è appassionato di sport e Urbano, al contrario di ciò che l’etimologia suggerisce, apprezza la vita a contatto con la natura. Ritiene la curiosità una delle principali qualità in una persona, caratteristica essenziale per guardare il mondo da più angolazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »