Home / Medicina dolce / Nuova Medicina Germanica o metodo Hamer: di che cosa si tratta?
Nuova Medicina Germanica o metodo Hamer: di che cosa si tratta?

Nuova Medicina Germanica o metodo Hamer: di che cosa si tratta?

Prima di iniziare la trattazione di questo sistema medico alternativo (chiamato appunto Nuova Medicina Germanica) tanto ostacolato e criticato ritengo necessario fare una premessa. Questo articolo – così come tutti i miei altri che si focalizzano sulle terapie olistiche/naturali, definite anche ‘alternative’ o ‘integrative’ – non vuole in nessun modo promuovere tale tipologia di trattamento, ma solo informare.

Sì, informare, perché avere una mente aperta e essere disposti al dialogo e quindi a valutare, a prendere in considerazione punti di vista e approcci diversi e che forse possono inizialmente suscitare qualche dubbio, consentono all’Umanità di progredire e, conseguentemente, alla Scienza ed alla stessa Medicina di approdare a nuovi risultati.

L’obiettivo finale è creare non un Mondo da curare perennemente, ma, al contrario, uno a cui garantire una salute ottimale quanto più a lungo possibile tramite una reale prevenzione ed un’altrettanta vera guarigione.

Non è forse questo il fine ultimo della Scienza e della Medicina?

Questo, probabilmente e secondo quanto ho potuto capire io stessa, era anche l’ottica con cui approcciò il discorso malattia-salute-guarigione il Dr. Hamer.

Chi era il padre della Nuova Medicina Germanica

Ryke Geerd Hamer era nato a Mettmann, in Germania, il 17 maggio 1935 e si era laureato in Medicina e Chirurgia superando l’esame di Stato per l’abilitazione nell’aprile 1962 a Marburg, il che gli permise l’esercizio della professione medica dal 1963.

Dopo aver lavorato alcuni anni presso le Cliniche Universitarie di Tübingen e Heidelberg, Hamer completò il suo percorso accademico specializzandosi in Medicina Interna nel 1972.

Continuò a praticare medicina in Germania fino al 1986 anno in cui la sua vita cambiò drasticamente e, per una serie di circostanze che non esaminiamo in questo articolo per non deviare dal nostro obiettivo, la sua licenza fu sospesa. Fu costretto ad un esilio forzato che lo costrinse a trasferirsi in vari paesi dell’Europa e ad approdare, alla fine, in Norvegia dove visse fino alla sua morte avvenuta il 2 luglio 2017 all’età di 82 anni a causa di un infarto.

Nuova Medicina Germanica o metodo Hamer: di che cosa si tratta?Come nacque l’idea della Nuova Medicina Germanica

Nell’estate del 1978 mentre era in vacanza sull’isola di Cavallo, vicino alla Corsica, il figlio del Dr. Hamer, Dirk, fu ferito da un colpo partito dalla carabina di Vittorio Emanuele di Savoia durante una lite. Successivamente, malgrado i numerosi trattamenti ed operazione cui fu sottoposto, morì nell’ospedale di Heidelberg.

Più tardi il Dr. Hamer si ammalò di cancro. Fu a quel punto che iniziò a chiedersi se ci fosse un collegamento tra il dramma e la sofferenza vissuti a causa della morte di suo figlio ed il suo cancro.

Per verificare se questa sua intuizione potesse avere un fondamento scientifico o meno, da quel momento in poi Hamer iniziò a documentarsi sulla situazione ‘cancro’ che affliggeva i suoi pazienti.

Ad ogni paziente che si rivolgeva a lui e a cui veniva diagnosticata questa aggressiva e debilitante malattia, Hamer chiedeva se ci fossero state delle esperienze particolarmente negative o addirittura traumatiche che erano avvenute nella loro vita negli ultimi due anni e che avevano scosso e travolto emotivamente e psicologiamente l’individuo.

Inoltre, sottoponeva ognuno di loro ad un’ecografia cerebrale ed in base alla

  • tipologia di cancro
  • tipologia di trauma e conseguente conflitto emotivo ed
  • aree del corpo e del cervello affette dal cancro

elaborò una classifica riuscendo – a modo suo – a dimostrare come questi elementi fossero strettamente collegati tra loro.

I risultati cui le sue ricerche pervennero furono i seguenti:

  • Conflitto legato alla preoccupazione concernente il proprio “nido”: Cancro ghiandolare al seno;
  • Conflitto del “boccone” indigesto, legato a problemi con familiari costretti a vivere sotto lo stesso tetto o nelle vicinanze: Cancro al colon;
  • Conflitto legato al timore della morte: Cancro al polmone;
  • Conflitto legato al senso di abbandono: Cancro al rene;
  • Conflitto legato al timore di separazione: Cancro intraduttale al seno;
  • Conflitto sessuale femminile: Cancro cervicale;
  • Conflitto legato al timore di una perdita profonda: Cancro ovarico/testicolare;
  • Conflitto legato all’autovalutazione: Cancro osseo:
  • Conflitto sessuale maschile: Cancro alla prostata

Principi e leggi della Nuova Medicina Germanica

Secondo l’intendimento di Hamer relativo alla dinamica Salute-Malattia-Guarigione, la Nuova Medicina Germanica identifica quelle che vengono definite le Cinque Leggi Biologiche.

Come già anticipato, i risultati raccolti dal Dr. Hamer lo fecero approdare alla conclusione che

  • ogni tipo di cancro è il risultato di uno specifico trauma che si manifesta psicologicamente e biologicamente in una determinata area del cervello che controlla quel tipo di cancro;
  • benché alcune tipologie di malattie debilitanti e degenerative possano essere causate da inquinamento ambientale e da altri fattori, molti tipi di cancro sono, o possono essere causati da uno specifico trauma o ‘shock da conflitto’.

Le cinque leggi biologiche: cosa sono

Per quanto riguarda le Cinque Leggi Biologiche che costituiscono il nucleo della teoria della Nuova Medicina Germanica, possono essere sintetizzate nel modo seguente:

1. La Prima Legge Biologica – definita DHS (Dirk Hamer Syndrome) in ricordo di suo figlio Dirk Hamer – afferma che molte tipologie di cancro, o malattie simili al cancro, sono causate da un trauma quale conseguenza di un evento che l’individuo non poteva prevedere e per il quale non era preparato. Questa prima legge biologica è articolata su tre criteri:

  • Ogni Programma Biologico Speciale Significativo (SBS) ha origine da una DHS, che è inaspettata, molto acuta e da uno shock da conflitto isolante che avviene contemporaneamente nella psiche, nel cervello e nell’organo corrispondente;
  • Il contentuto del conflitto determina l’area dell’Amartoma ipotalamico (HH = Hypotalamic Hamartoma) nel cervello e dove esattamente a livello di organo il relativo Programma Biologico Speciale Significativo farà il suo corso;
  • Ogni Programma Biologico Speciale Significativo (SBS) si manifesterà contemporaneamente a livello di psiche, cervello ed organo;

2. La Seconda Legge Biologica secondo la quale ogni cancro o malattia simile al cancro si articola in due fasi:

  • la prima fase, chiamata ‘fase attiva del conflitto’ in cui il sistema nervoso simpatico domina ed è carattrizzata da pelle ed estremità fredde, stress, perdita di peso e disordini del sonno. Una volta che la persona supera questa fase entra nella cosiddetta ‘fase di guarigione post-risoluzione’ in cui il sistema nervoso parasimpatico domina, che è, al contrario, uno stato caldo;
  • la seconda fase è quella in cui l’individuo corre più rischi a causa dell’intensità dello shock provato a livello emotivo, cosicché di fatto, e secondo tale principio, quanto più intenso è il trauma vissuto a livello psicologico tanto più drammatica sarà la manifestazione dei sintomi durante la fase di guarigione. Questo implica che non appena una persona affronta uno shock da conflitto dovrebbe cercare di risolvere quanto prima il problema o quantomeno fare del proprio meglio per ridurlo al fine di limitare l’impatto della malattia sulla sua salute durante la fase di guarigione (ossia quando la malattia si manifesta);

3. La Terza Legge Biologica, chiamata anche Sistema Ontogenetico del Cancro e

  • Malattie Equivalenti al Cancro evidenzia il fatto che il progredire della malattia è controllato principalmente dal cervello, o per mezzo del ‘cervello antico’ o tramite il ‘cervello recente’ o cervello propriamente detto, con il cervello antico che controlla funzioni legate alla sopravvivenza, quali respirazione, alimentazione e riproduzione, ed il cervello recente che gestisce funzioni più elaborate, quali problemi personali e sociali e conflitti;

4. La Quarta Legge Biologica – definita Sistema Ontogenetico dei Microbi – vede i

microbi non come causa delle malattie, ma piuttosto come ausili usati dal corpo e coordinati dal cervello per facilitare il processo di guarigione, supponendo che i necessari microbi siano disponibili nel momento del bisogno;

5. La Quinta Legge Biologica, o Quintessenza, afferma che la fase attiva del conflitto

e la fase di guarigione della malattia dimostrano di essere ‘programmi speciali significativi della natura’ che includono l’intervento di batteri, funghi e virus.

Il mio punto di vista come Naturopata ed Omeopata circa la Nuova Medicina Germanica

Come anticipato all’inizio di questo articolo, ritengo che avvicinarsi ad un qualcosa di nuovo, ed in questo caso ad un sistema medico o ad una metodologia alternativa/olistica o comunque si voglia considerare la NMG, sia molto utile in quanto è approcciando una disciplina da un’ottica diversa, persino insolita, che nuove idee scaturiscono ed ulteriori progressi possono essere fatti.

A mio avviso, quindi, il fatto di aver elaborato le Cinque Leggi Biologiche ed aver identificato nell’Embriologia il meccanismo di sviluppo e conseguente dinamica relativa alla moltiplicazione e alla diffusione delle cellule cancerogene è un merito che va riconosciuto ad Hamer.

Personalmente non ritengo opportuno, come Naturopata ed Omeopata, soprattutto in caso di malattie debilitanti e particolarmente aggressive come il cancro che ci si limiti ad osservare il processo di autoguarigione senza intervenire.

Quando il sistema immunitario non è stato in grado di intervenire prontamente e la salute è stata già gravemente compromessa, l’individuo va assolutamente aiutato per evitare che soccomba alla malattia.

I casi variano, naturalmente, da individuo a individuo e la scelta è sempre personale ed insindacabile. Ciò che può andare bene per una persona potrebbe non andare bene per un’altra.

Qualunque sia il metodo utilizzato per la cura ed il trattamento, le terapie alternative – che vengono impegate come sistemi alternativi o integrativi – unite ad un regime alimentare specifico e personalizzato e a cambiamenti nello stile di vita sono altamente consigliate in quanto potenzialmente in grado di migliorare la situazione generale e di facilitare la guarigione attraverso il ripristino di un nuovo equilibrio e, quindi, della salute ottimale.

IMPORTANTE

Le informazioni contenute nel presente articolo hanno solo scopo informativo e non sono da considerarsi assolutamente parere medico. Qualunque sia il vostro problema di salute, consultate prima il vostro medico. Per quanto riguarda l’attuale emergenza COVID-19 contattate gli organi competenti.

 

 

 

 

 

 

About Maria Teresa De Donato

Maria Teresa De Donato
Maria Teresa De Donato, Scrittrice olistica e multidisciplinare Romana di nascita, vive da oltre 25 anni negli USA dove ha ultimato i suoi studi giornalistici presso l’American College of Journalism e conseguito le lauree Bachelor, Master e Dottorato in Salute Olistica presso Global College of Natural Medicine specializzandosi in Omeopatia Classica, Ayurveda e Medicina Tradizionale Cinese. Naturopata, Omeopata, Life Coach, iscritta a vari albi professionali, è anche Autrice di molte pubblicazioni. I suoi libri sono disponibili su tutta la rete Amazon, librerie incluse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »