Home / Benessere / Pulizia del piumino: tutto quello che c’è da sapere
Pulizia del piumino: tutto quello che c'è da sapere

Pulizia del piumino: tutto quello che c’è da sapere

Pulizia del piumino: è il momento di occuparsene. La bella stagione è finalmente arrivata e con essa un turbinare di luci e colori accesi. Con la calura, è giunto il tempo di togliere dal letto il piumino: ha protetto e coccolato nei mesi più freddi, ma ora bisogna riporlo. Bisogna lasciare nell’armadio il soffice compagno di tante notti serene, per trovarlo di nuovo ad attenderci, quando sarà necessario.

Pulizia del piumino: qualche attenzione in più

Si mette a riposo durante i mesi estivi, in particolare, l’autentico piumino in piuma d’oca, che richiede in effetti qualche attenzione in più. Parliamo del piumino per eccellenza.

Piumino: la definizione sul dizionario

Pulizia del piumino: tutto quello che c'è da sapereMa che cos’è un piumino? Ecco la parola sul dizionario (Vocabolario Treccani on line), che ha più di un significato: si tratta nel nostro caso di una “Specie di grosso sacco, a doppia fodera, riempito di piume d’oca (o di altro materiale, anche sintetico), trapunto o no, leggero e caldissimo, usato come coperta da letto”.

Piumino da arieggiare quotidianamente

Quando è in uso, il piumino deve essere arieggiato quotidianamente, scosso e spiumacciato delicatamente: il fine, come appare chiaro, è ridare volume alle piume. Ma… attenzione: è piuttosto delicato e deve essere trattato con attenzione. Occorre infatti evitare di esporlo al sole o a fonti dirette di calore, come i termosifoni.

Pulizia del piumino: traspirazione naturale della piuma

C’è di più. E’ anche opportuno lavare spesso il sacco copri-piumino: in questo modo, infatti, si aiuta la traspirazione naturale della piuma.

Pulizia del piumino: non occorre lavarlo ogni anno

Non occorre lavare il piumino ogni anno, quando lo si toglie dal letto nei mesi caldi. E’ infatti consigliabile lasciar passare due o tre anni tra un lavaggio e l’altro.

Pulizia del piumino: come attuare il lavaggio in acqua

Il lavaggio in acqua, quando necessario, può avvenire anche con una lavatrice domestica da 5-8 chilogrammi. C’è, comunque, chi preferisce rivolgersi a una lavanderia. In tal caso, è possibile raggiungere una portata 12-13 chilogrammi, a una temperatura di 30-40 gradi.

Pulizia del piumino: che cosa avviene a fine lavaggio

A fine lavaggio, è fondamentale utilizzare un’adeguata asciugatrice. Il fine è evitare che l’umidità residua possa danneggiare le piume.

Che fare, una volta completata questa fase? Il piumino deve essere riposto in un sacco morbido, preferibilmente di cotone, e conservato poi in un luogo asciutto.

Pulizia del piumino: le “esigenze” della piuma naturale

La piuma naturale ha in effetti caratteristiche peculiari. Ha bisogno, per esempio, di “respirare”. EccoPulizia del piumino: tutto quello che c'è da sapere perché è sconsigliato utilizzare per riporre il piumino tecniche sottovuoto, borse di plastica o altri contenitori che possano impedire la traspirazione. Non soltanto si corre il rischio di rovinare il prodotto, ma anche di attirare batteri e cattivi odori.

Pulizia del piumino: in attesa dei primi freddi

Si agisce in tal modo in attesa dei primi freddi: quando la necessità di preservare il calore corporeo tornerà all’ordine del giorno. Quando le temperature rigide ritorneranno, il piumino sarà pronto per l’uso, soffice e in ottime condizioni. Sarà in tal modo possibile concedersi un riposo sano e confortevole.

About Rita Tosi

Rita Tosi
Manager della comunicazione, che da circa 20 anni si occupa di di tecniche di relazioni e sviluppo strategico per aziende e privati che cercano visibilità. Dopo un necessario passaggio (e sosta) nelle principali agenzie di comunicazioni internazionali (Edelman, Gruppo Publicis e Hill&Knowlton) con ruoli apicali, continua a creare eventi e rafforzare il proprio know-how attraverso l'attività in proprio. Allena la sua capacità organizzativa, gestionale e di relazione anche in famiglia, con 1 marito, 3 figli, 1 cane, 4 tartarughe, 4 pesci rossi, 1 geco e un terrazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.