Home / Medicina dolce / Curare la lombalgia con i rimedi naturali: dai bagni agli impacchi
Curare la lombalgia con i rimedi naturali: dai bagni agli impacchi

Curare la lombalgia con i rimedi naturali: dai bagni agli impacchi

La lombalgia è una condizione caratterizzata da intenso dolore provato nella zona lombare che può essere causato da mialgia dei gruppi muscolari, del segmento lombare della colonna vertebrale in seguito a fratture, lussazioni, lomboartrite, spondilosi deformante, ernie dei dischi intervertebrali, malformazioni congenite o da lesioni che affliggono la regione lombare. Comunemente chiamata ‘mal di schiena’ nella sua forma acuta è anche conosciuta come ‘colpo della strega’.

Curare la lombalgia nella vasca da bagno

L’uso del calore è ciò che facilita la distensione dei muscoli contratti.

Docce o bagni molto caldi sono i primi strumenti che dovrebbero essere utilizzati. Ai bagni caldi può essere aggiunto dell’aceto nella misura di 1 litro in una vasca piena d’acqua.

Mai quando si è soli

Le docce o i bagni molto caldi dovrebbero essere assolutamente evitati quando si è soli in casa in quanto possono provocare ipoventilazione, ossia problemi di respirazione dovuti ad una quantità di ossigeno non sufficiente ai polmoni ed alla conseguente inabilità di espellere quantitativi sufficienti di anidride carbonica.

La lambalgia si cura anche con gli impacchi

L’applicazione di impacchi sulla zona lombare può anch’essa essere d’aiuto nell’eliminare il dolore o quantomeno nel riuscire a gestirlo.

Per la preparazione di eventuali impacchi è consigliato l’uso di un sacchetto di lino (o materiale simile come cotone o garza) riempito di fiori di fieno, camomilla, verbena o semi di lino (mischiati tra loro o anche usati come singoli rimedi).

Proprietà dei rimedi naturali

Tra le proprietà che vengono attribuite loro, i rimedi sopra elencati svolgono le seguenti azioni benefiche:

  1. antispasmodica ed emolliente (fiori di fieno);
  2. calmante, rilassante (camomilla);
  3. calmante, rilassante, antri-stress (verbena);
  4. emolliente (semi di lino)

Come si applicano gli impacchi per la lombalgia

I trattamenti contro la lombalgia dovrebbero essere fatti mentre si è sdraiati (proni). Si dovrà poi restare a letto e ben coperti, meglio se con la lana, per mantenere quanto più a lungo possibile il calore sulla parte su cui il trattamento sarà stato applicato fino a quando il dolore scomparirà.

  • Tra i rimedi della nonna sono inclusi anche gli impacchi con il purè di patate molto calda, spalmata su un panno di lino o cotone che verrà appoggiato sulla zona dolente o un trito di cipolle appena sbollentante in poca acqua, scolate, avvolte in un panno (di cotone, lino o garza)) messo sopra la zona dolente e coperto poi da un asciugamano e da una coperta di lana.
  • Anche la cayenna può essere utilizzata per attenuare o eliminare il dolore grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche. Queste ultime sono dovute alla presenza della capsaicina, che pur essendo considerata un irritante chimico per i mammiferi, uomo incluso, e malgrado possa produrre una sensazione di bruciore e un conseguente arrossamento della parte dopo la sua applicazione cutanea, una volta che è assorbita dalla pelle, agisce da analgesico naturale. La cayenna, il cui uso nel caso della lombalgia è consigliato solo come impacco, dovrebbe essere applicata con cautela non esagerando nelle dosi.  Si consigliano al massimo 1-2 cucchiaini da caffè in 5 litri d’acqua.

Attenzione a non scottarsi

Qualunque sia il rimedio naturale utilizzato per combattere il dolore da lombalgia, una volta applicato l’impacco si dovrebbe rimanere sdraiati e ben coperti, con la parte dolente al caldo, fin quando il dolore non sarà scomparso completamente. L’impacco potrà essere applicato più volte a seconda del bisogno mantenendo però la temperature dell’acqua in cui i rimedi saranno stati immersi (oltre all’eventuale asciugamano utilizzato) molto calda.

L’asciugamano utilizzato ed immerso nell’acqua molto calda dovrà essere strizzato bene prima di essere applicato sulla pelle. Accertarsi che la temperature dell’asciugamano sia di gradimento alla persona prima del contatto con la sua pelle onde evitare ustioni.

IMPORTANTE

Le informazioni contenute nel presente articolo hanno solo scopo informativo e non sono da considerarsi assolutamente parere medico. Qualunque sia il vostro problema di salute, consultate prima il vostro medico. Per quanto riguarda l’attuale emergenza COVID-19 contattate gli organi competenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

About Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »