Home / Bellezza / Nude make up: le tendenze della Primavera 2019 per il trucco
Nude make up: le tendenze della Primavera 2019 per il trucco

Nude make up: le tendenze della Primavera 2019 per il trucco

Nude make up: è conosciuto anche come “trucco-non trucco”, “no make up-make up” oppure “trucco acqua e sapone”. Brilla la bellezza naturale. Rossano De Cesaris, make up artist che lavora per personaggi dello spettacolo, per la moda ed è docente affermato sulla nostra Penisola, dà alcuni suggerimenti.

Questi è autore del libro “Manuale di make-up professionale” (Edizioni Lswr): esso conta 248 pagine, per un prezzo pari a 49 euro ed è giunto alla quarta edizione.

Nude make up: le tendenze del trucco per la Primavera 2019

Nude make up: le tendenze della Primavera 2019 per il truccoPrestiamo attenzione alla Primavera 2019: quali sono le tendenze del trucco, su quali colori bisogna puntare? Quali stili possiamo scegliere?

De Cesaris descrive così proprio il nude make up: “Si tratta di un tipo di make-up adatto pressoché a tutti. Il suo obiettivo è valorizzare la bellezza, nell’ottica di una naturalezza estrema”.

Come realizzare il nude make up

Ma come bisogna realizzarlo? All’inizio, deve essere steso un fondotinta dalla texture ultra-leggera su tutto il viso (in alternativa, si può scegliere una semplice BB Cream).

Una piccola quantità di correttore deve essere successivamente sfumata sulle eventuali discromie rimaste in evidenza. Il tutto può essere infine fissato da pochissima cipria in polvere libera trasparente, possibilmente da applicare esclusivamente sulla zona “T” (che comprende mento, naso e fronte).

Al fine di modellare l’ovale del viso, è sufficiente prelevare una terra (non più scura di due toni rispetto al colore dell’incarnato), tramite un pennello dal taglio trapezoidale. Il colore si applica direttamente nell’incavo sotto-zigomatico.

Aggiunge Rossano De Cesaris: “Le pesanti ombre tipiche del contouring classico sono ormai obsolete. Ora la volumetria del volto, invece, viene plasmata in maniera decisamente più soft, puntando maggiormente su punti luce e ombre lievemente accennate”.

Infine, è necessario applicare un piccolo tocco di blush rosato o aranciato (scelto in base alla propria dominante cromatica), da sfumare delicatamente sulle gote per un effetto “bonne mine”.

Nude make up: gli illuminanti

Al fine di migliorare ancora il risultato, è possibile utilizzare gli illuminanti: essi rappresentano il prodotto chiave.

Gli “Highlighter”, detti anche “Luminizer” oppure “Illuminator”, sono cosmetici “all-over”: essi sono concepiti proprio per enfatizzare la luminosità della pelle del viso, nelle zone morfologicamente predisposte a una maggior riflessione della luce: ci riferiamo al dorso dell’osso zigomatico e del naso, ai lati della fronte, al mento, all’angolo interno degli occhi, alle creste filtrali labiali e alla zona sotto l’arcata sopraccigliare.

Nude make up: ecco le zone da evitare

Che cosa bisogna fare prima di applicare gli illuminanti? Bisogna valutare con attenzione la forma del Nude make up: le tendenze della Primavera 2019 per il truccoviso. Il trucco deve infatti essere personalizzato e mirato, in base alle caratteristiche del soggetto.

Ecco un esempio: “il punto luce sugli zigomi andrebbe evitato se il viso è rotondo, così come non andrebbe creato sul dorso di un naso già prominente”.

Nude make up: come truccare gli occhi e le labbra

Lungo l’attaccatura superiore delle ciglia, è una buona idea realizzare tanti piccoli puntini: si utilizza una matita per occhi color marrone, da sfumare successivamente tramite un blending brush, in modo che ne resti soltanto un’ombra.

Per completare, basterà utilizzare del mascara nero (o marrone), così da definire meglio le ciglia e il contorno dell’occhio.

Sulle labbra, si può optare per un rossetto sheer, di una “nuda” tonalità color carne.

About Rita Tosi

Rita Tosi
Manager della comunicazione, che da circa 20 anni si occupa di di tecniche di relazioni e sviluppo strategico per aziende e privati che cercano visibilità. Dopo un necessario passaggio (e sosta) nelle principali agenzie di comunicazioni internazionali (Edelman, Gruppo Publicis e Hill&Knowlton) con ruoli apicali, continua a creare eventi e rafforzare il proprio know-how attraverso l'attività in proprio. Allena la sua capacità organizzativa, gestionale e di relazione anche in famiglia, con 1 marito, 3 figli, 1 cane, 4 tartarughe, 4 pesci rossi, 1 geco e un terrazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.